Il circuito di Adelaide potrebbe essere chiuso

Il circuito di Adelaide, che ha ospitato la Formula 1 per un decennio potrebbe essere chiuso dal consiglio comunale.

Il circuito di Adelaide potrebbe essere chiuso

Il consigliere comunale di Adelaide, Greg Mackie, starebbe appoggiando una gruppo di residenti che vorrebbe veder eliminare la parte inutilizzata del vecchio circuito di Adelaide.

Secondo Mackie, l'asfalto trasforma il Victoria Park in "un'isola di calore urbano" nei mesi estivi, e quindi vorrebbe realizzare un nuovo piano di gestione dell'area che possa avere più valore per la comunità.

Il Victoria Park ospita la sezione permanente del circuito, quella di circa 1.200 metri che ospita la palazzina dei box e si collega alla parte cittadina. Il consiglio comunale di Adelaide ascolterà la mozione di Mackie domani sera.

"Sto chiedendo all'amministrazione di preparare un rapporto che porti a raggiungere una nuova soluzione paesaggistica ora che le corse di cavalli e di auto si sono concluse", ha detto Mackie all'Adelaide Advertiser.

"Un nuovo piano paesaggistico non deve necessariamente presupporre la rimozione di tutte le superfici asfaltate, ma spero che alla fine si possa ottenere una riduzione".

Il circuito di Adelaide ha ospitato la Formula 1 dal 1985 al 1995, prima che il suo posto venisse preso da Melbourne. Dal 1999 ha poi ospitato l'Adelaide 500 della Supercars. Evento che si è disputato fino al 2020, prima di essere cancellato dal governo del Sud Australia lo scorso ottobre.

Il leader dell'opposizione Peter Malinauskas però ha già firmato un accordo con la Supercars affinché l'evento possa riprendere il prossimo anno se sarà eletto il prossimo marzo.

Tuttavia, quel piano è già stato complicato dalla vendita delle infrastrutture del circuito e sarebbe ulteriormente ostacolato se si realizzasse questo piano di rimozione dell'impianto.

Lo stesso Malinauskas ha parlato del piano di Mackie in un'intervista concessa oggi a radio FiveAA Adelaide.

"Quello che ha in mente Greg sono idee strampalate per rimuovere la più grande attrazione del Victoria Park", ha detto Malinauskas.

"Ho preso un impegno ed ho firmato un accordo con la Supercars, quindi se i laburisti vinceranno le prossime elezioni statali, riporteremo qui la gara".

"Non lo sto facendo perché sono un appassionato di motorsport, lo sto facendo perché penso ai posti di lavoro che genera e perché vogliamo che la nostra città torni alla vita dopo il COVID".

"La riporteremo qui se vinceremo, quindi speriamo che la pista possa rimanere nel breve termine anche per questo motivo".

"Porto i miei figli ad allenarsi in bicicletta lì. Sto insegnando a mio figlio ad andarci e quello è il posto più adatto di Adelaide per farlo. Ci sono alcuni locali che dipendono dalla possibilità di passeggiare in quel tratto".

"Penso che Greg abbia bisogno di passare un sabato mattina a Victoria Park e vedere come questa struttura viene utilizzata dalla gente prima di iniziare a distruggerla".

"Non capisco perché la gente sia così ossessionata dalla trasformazione del Victoria Park in un'area che poi non sarebbe più godibile da parte dei cittadini".

"Voglio dire, è in una posizione straordinaria. E' una parte straordinaria del nostro parco. Dovremmo cercare di fare in modo che la gente possa sfruttarla, piuttosto che il contrario".

condivisioni
commenti
Vettel spiega l'azzardo (sbagliato) delle gomme da asciutto

Articolo precedente

Vettel spiega l'azzardo (sbagliato) delle gomme da asciutto

Prossimo Articolo

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021