Il cerchio cambia colore quando raggiunge la temperatura voluta

La Nanoprom ha inserito un nuovo pigmento al Polysil: il nero scompare e riaffiora il magnesio quando la ruota arriva alla temperatura utile per scaldare le gomme e il cerchio diventa riflettente.

 

Alla Nanoprom di Sassuolo le idee non mancano: dopo aver imposto nel paddock della Formula 1 il Polysil, la pellicola in silicio formata da nanotecnologie che permette di trattenere il calore del cerchio con l’obiettivo di mandare subito in temperatura le gomme, Gian Luca Falleti ha escogitato una nuova soluzione che verrà proposta ai team del Circus durante i test di Barcellona.

Il sassuolese, infatti, ha inserito un nuovo pigmento che, associato al Polysil, può avere effetti sorprendenti: se osservate il video che vi proponiamo potrete notare come il cerchio trattato con il Polysil (è facilmente riconoscibile perché è di colore nero opaco) potrete notare che sulla ruota, sottoposta ad una certa temperatura (quella che permette di scaldare anche la gomma), il nano-materiale scompare completamente facendo emergere il fondo, vale a dire il magnesio lucidato o transulucido.

Qual è l’effetto? Che il Polysil agisce fino a quando il cerchio non raggiunge la temperatura prestabilita e poi scompare, stabilizzando il valore ottenuto, dal momento che il magnesio può avere una funzione riflettente. Nelle immagini vi mostriamo uno dei test svolti alla Nanoprom.

Falleti è in grado di far innescare il fenomeno alla temperatura più adatta che può essere adeguatamente prestabilita dai tecnici della Nanoprom. Prepariamoci a vedere i cerchi sulle monoposto di Formula 1 di colore nero in uscita dalla corsia dei box che poi all’improvviso tornano al colore originale…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie