I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Dopo il ritiro patito nel primo giro, Senna ha osservato la gara da bordo pista. In quel momento ha capito che secondo lui sulla Benetton si adottava un dispositivo irregolare.

I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Senna aveva conquistato la pole position, la numero 64 della sua carriera, grazie al suo tempo nelle qualifiche di venerdì. Questa è stata una fortuna per due motivi: sabato la pista era molto più lenta e si è girato alla curva Revolver, ottenendo solamente il 24° tempo in quella sessione.

Anche il compagno di squadra Damon Hill era finito in testacoda alla stessa curva ed il suo tempo più veloce nella sua prima manche era stato molto lontano da quello che aveva fatto venerdì.

Senna disse in quel momento: "Nel corso del primo run la macchina andava bene, il motore, tutto funzionava bene, era un giro ragionevole, l'aderenza era buona, ma non so davvero cosa sia successo. E' strano che sia successo lo stesso ad entrambi, e davvero non capisco perché”.

"Ho avuto una buona direzionalità in curva, quindi non dovrebbe essere stato affatto un problema. E' stato deludente e frustrante, ma è stato meglio che accadesse oggi e non domani”.

Schumacher, nel frattempo, era deluso di non aver potuto lottare per la pole, ma era entusiasta delle sue possibilità di gara.

"Ho aspettato fino alla fine nella speranza che la pista fosse più veloce e quando finalmente sono uscito la pista era ricoperta d'olio".

"Un vero peccato, perché avevamo migliorato ulteriormente l'assetto. Ma almeno parto dalla prima fila della griglia - il distacco da Senna è minore rispetto al Brasile - e non vedo l'ora che arrivi domani perché stamattina abbiamo trovato un buon set-up per la gara”.

Schumacher è stato protagonista di una partenza sorprendente dalla prima fila, alimentando così i sospetti sulle irregolarità della Benetton, e si è trovato subito davanti ad un Senna autore di una partenza imperfetta. Giunti in curva 1 Senna ha scelto di non sfidare Schumacher, ma probabilmente avrebbe dovuto osare qualcosa di più visto che la McLaren di Hakkinen lo ha colpito da dietro in mezzo alla curva spedendolo in testacoda.

Dopo essere finito nella ghiaia, la gara di Senna è stata completata da Nicola Larini, sostituito dell'infortunato Jean Alesi alla Ferrari, che lo ha raggiunto nella ghiaia e andando a colpire la sua Williams mentre scivolava all'indietro. L'impatto ha rotto la sospensione anteriore destra della vettura di Senna.

Senna ha raccontato: "È stato un inizio normale, ma non brillante. Ho avuto troppo pattinamento  così Michael ha preso il comando. Alla prima curva eravamo vicini ed era possibile tentare una manovra di sorpasso, ma sarebbe stato molto rischioso, così ho deciso di rimanere secondo e di essere sicuro”.

"Poi, quando ero in curva, Mika è arrivato da dietro, mi ha colpito e mi ha spedito fuori. Successivamente altre auto hanno fatto un testacoda e poi Larini è arrivato e mi ha colpito. In quel momento mi sono dovuto ritirare".

Dell'incidente con Senna, il suo ex compagno di squadra della McLaren (dalla fine del '92) Hakkinen ha detto: "È un peccato che abbia toccato Ayrton, ma ha frenato tardi, come ha fatto Michael davanti a lui. Non ho potuto evitarlo".

Purtroppo per Senna non c’è stata nessuna bandiera rossa che gli avrebbe consentito di ripartire, dato che i commissari hanno rapidamente ripulito la pista.

Senna non è tornato subito ai box ma ha incontrato il team manager della Williams Ian Harrison. Ayrton ha scelto di guardare la gara a bordo pista per qualche minuto. A seguito di questo, Harrison ha poi detto che Senna era "assolutamente sicuro" che ci fosse qualcosa di disdicevole che la Benetton stava facendo.

In quel periodo la Benetton era stata esonerata dalla FIA a seguito di un'indagine sul suo potenziale utilizzo del controllo di trazione in quella stagione, in quanto non si era potuto dimostrare che la squadra aveva utilizzato un tale sistema nei weekend di gara.

Tuttavia era stato scoperto un sistema di launch control era nascosto nel suo software, ma il team aveva sostenuto con successo che non era possibile accedervi al di fuori dei test.

Al termine del primo giro, Schumacher poteva vantare un margine di 2,6’’ su Hakkinen ed ha poi vinto la gara con un vantaggio di ben 1’15’’ sulla Ferrari di Gerhard Berger della Ferrari e sulla Jordan di Rubens Barrichello, mentre Hakkinen ha abbandonato al 19° giro con un problema al cambio idraulico.

Schumacher è stato raggiante dopo aver ottenuto la sua seconda vittoria della stagione e dopo aver trionfato sul terreno di casa di Senna in Brasile.

"Penso che siamo stati un po' sfortunati a non ottenere la pole position, ma sapevo che il nostro assetto di gara era buono", ha detto Schumacher. "Ovviamente, la partenza sarebbe stata fondamentale. Avevo fatto tutto il possibile per rendere la pista il più pulita possibile, anche se partivo dal lato sporco della griglia”.

"Avevo provato qualche partenza e quel lavoro ha dato i suoi frutti. Sono riuscito a frenare Senna alla prima curva e poi ho guardato negli specchietti e ho visto che era fuori strada. Ero preoccupato che fermassero la gara e devo ammettere che mi sono sentito sollevato quando non ho visto bandiere rosse alla fine del primo giro”.

"Da quel momento in poi, sapevo che avevamo un'ottima possibilità di vincere, non solo perché il nostro principale concorrente era stato eliminato, ma perché la Benetton-Ford è davvero, davvero buona".

La gara successiva sarebbe stata Imola…

Ayrton Senna, Williams FW16
Ayrton Senna, Williams FW16
1/5

Foto di: Sutton Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, il secondo classificato Gerhard Berger, il terzo
Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, il secondo classificato Gerhard Berger, il terzo
2/5

Foto di: LAT Images

Rubens Barrichello, Jordan 194-Hart
Rubens Barrichello, Jordan 194-Hart
3/5

Foto di: LAT Images

Ayrton Senna, Williams FW16 Renault
Ayrton Senna, Williams FW16 Renault
4/5

Foto di: LAT Images

Race winner Michael Schumacher, Benetton
Race winner Michael Schumacher, Benetton
5/5

Foto di: LAT Images

condivisioni
commenti
Soluzioni vietate come il DAS: F-Duct McLaren del 2010
Articolo precedente

Soluzioni vietate come il DAS: F-Duct McLaren del 2010

Prossimo Articolo

Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1

Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021