I record dei piloti che non sono mai stati campioni in F1

I record della Formula 1 di solito sono proprietà esclusiva dei campioni. Ma quali sono i primati dei piloti che invece non lo sono mai stati?

I record dei piloti che non sono mai stati campioni in F1

La storia della Formula Uno è piena di aneddoti, successi e fallimenti. Ma chi non ha avuto successo e non ha indossato l'ambita corona iridata ha anche dei precedenti storici più che lodevoli.

In questo articolo passiamo in rassegna i record dei piloti che non sono mai stati campioni del mondo (alcuni di loro hanno però dei record assoluti).

Vice-Campioni
Vice-Campioni
1/21

Foto di: LAT Images

Il maestro indiscusso è ovviamente Stirling Moss, il "campione senza corona" che è arrivato secondo in campionato per quattro volte, e consecutivamente, tra il 1955 e il 1958. In quest'ultimo anno ha perso il titolo per un punto dopo aver firmato quattro vittorie contro la sola di Mike Hawthorn. Seguono Jacky Ickx, Ronnie Peterson e Rubens Barrichello: tutti e tre sono arrivati due volte secondi.
Vittorie
Vittorie
2/21

Foto di: LAT Images

Ancora una volta, è Moss a detenere il record con un totale di 16 vittorie tra il 1955 e il 1961, quasi un quarto delle gare da lui iniziate. A seguire, in termini assoluti, ci sono David Coulthard (13) e Carlos Reutemann (12). In termini percentuali (ed escludendo la Indy 500), Tony Brooks è secondo con il 15,79% delle vittorie (6 su 38 gare).
Vittorie consecutive
Vittorie consecutive
3/21

Foto di: Sutton Motorsport Images

Ogni pilota che è riuscito a mettere insieme almeno tre vittorie consecutive in carriera è stato un campione... tranne Moss! Il britannico ci era riuscito a cavallo di due stagioni, vincendo i GP di Pescara e d'Italia nel 1957 e poi in Argentina nel 1958.
Vittorie nella stessa stagione
Vittorie nella stessa stagione
4/21

Foto di: Andrew Ferraro / Motorsport Images

Nel 2008, Felipe Massa ha vinto un totale di sei gare. Un pilota senza titolo non ha mai fatto meglio, anche se in percentuale rappresenta il 33,33% degli appuntamenti di quella stagione, mentre Moss, con 4 vittorie in 11 GP nel 1958, ha raggiunto il 36,36%.
Vittorie con più costruttori
Vittorie con più costruttori
5/21

Foto di: LAT Images

Si tratta di un record assoluto, tra piloti campioni e non campioni. Moss, ancora una volta, ha portato al successo cinque diversi costruttori (Cooper, Lotus, Maserati, Mercedes e Vanwall). Tra i piloti senza titolo, seguono Dan Gurney, Carlos Reutemann e Gerhard Berger (tre diversi produttori). Per quanto riguarda i costruttori di motori, Moss e Berger detengono il "record", con quattro (Climax, Maserati, Mercedes, Vanwall per l'inglese / BMW, Ferrari, Honda, Renault per l'austriaco).
Pole position
Pole position
6/21

Foto di: LAT Images

René Arnoux è il detentore del record di questa statistica, con 18 pole e senza aver ottenuto un solo titolo. E' seguito da vicino da Moss e Massa, con 16. In termini percentuali, il britannico è ancora il migliore, con il 24,24% di pole nelle gare a cui ha partecipato.
Pole position consecutive
Pole position consecutive
7/21

Foto di: Sutton Motorsport Images

Ed ecco che arriva Stirling Moss! Sicuramente molto presente in questa galleria, è anche uno dei due piloti non campioni che hanno incatenato più pole position consecutive. Il pilota britannico ne ha ottenuti cinque tra il GP del Portogallo 1959 e Monaco 1960. L'altro pilota è Juan Pablo Montoya, che ha ottenuto la stessa performance tra i GP di Monaco e di Francia del 2002.
Pole position nella stessa stagione
Pole position nella stessa stagione
8/21

Foto di: LAT Images

Ronnie Peterson viene spesso citato quando si tratta di elencare i piloti che meritavano di essere campioni del mondo. Lo svedese aveva una velocità particolarmente impressionante, tanto che nel 1973 ha firmato nove pole in 15 GP, con una percentuale del 60%! Montoya è il più vicino dei non-campioni con sette pole in 17 gare nel 2002, con una percentuale del 41%.
Pole position con più costruttori
Pole position con più costruttori
9/21

Foto di: LAT Images

Moss detiene questo record tra tutti i piloti (campioni compresi), avendo ottenuto una pole position per cinque diverse Case costruttrici (Cooper, Lotus, Maserati, Mercedes e Vanwall). Tra i piloti senza titolo, Barrichello è secondo, con 4 costruttori (Brawn, Ferrari, Jordan e Stewart). I due uomini sono legati in termini di costruttori di motori, con 4 ciascuno (Climax, Maserati, Mercedes, Vanwall per l'inglese / Ferrari, Ford Cosworth, Hart, Mercedes per il brasiliano).
Pole + vittoria
Pole + vittoria
10/21

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Moss e Massa hanno ottenuto otto vittorie ciascuno dopo essere partiti dalla pole. E dato che hanno firmato lo stesso numero di pali, sono pari.
Podi
Podi
11/21

Foto di: Mark Thompson

Con 68 podi, Barrichello è il pilota con il maggior numero di podi senza essere stato campione, davanti a David Coulthard (62), Carlos Reutemann (45) e Gerhard Berger (45). Ma in termini di media, se si escludono i piloti che hanno gareggiato solo in un GP o che hanno gareggiato solo nella Indy 500, Luigi Fagioli e i suoi sei podi in sette Gran Premi sono molto più alti (85,71%).
Podi consecutivi
Podi consecutivi
12/21

Foto di: Sutton Motorsport Images

Carlos Reutemann e Juan Pablo Montoya condividono questo record, con otto podi consecutivi. L'argentino lo ha fatto tra il GP d'Italia del 1980 e il GP del Belgio del 1981, mentre il colombiano lo ha fatto tra il Gran Premio di Monaco del 2003 e il Gran Premio d'Italia.
Podi in una stagione
Podi in una stagione
13/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nel 2019 Bottas ha ottenuto 15 podi nei 21 Gran Premi della stagione, il record assoluto per un pilota che non è mai stato campione. Il finlandese ha battuto il record di Barrichello con 14 podi in 18 gare nel 2004.
Pole con più costruttori
Pole con più costruttori
14/21

Foto di: LAT Images

È passato molto tempo dall'ultima volta che abbiamo parlato di Moss! Il britannico è salito sul podio con sei diversi costruttori nella sua carriera (BRM, Cooper, Lotus, Maserati, Mercedes e Vanwall). Tra i costruttori di motori, invece, Barrichello è quello che ha portato sul podio più marchi, ben sei (Ferrari, Ford Cosworth, Hart, Honda, Mercedes e Peugeot).
Gare a punti
Gare a punti
15/21

Foto di: Sutton Motorsport Images

Massa è il pilota senza titolo che ha terminato il maggior numero di gare a punti, anche se ovviamente va notato che, tra l'altro, le scale di punteggio sono cambiate molto durante gli anni di attività del brasiliano. Tuttavia, questo rappresenta un totale di 165 Gran Premi a punti (61,34%). In termini assoluti, è seguito da Barrichello (140). D'altra parte, in termini percentuali, se si eliminano i piloti che hanno gareggiato in un solo GP e quelli che hanno gareggiato solo nella Indy 500, Luigi Fagioli è il maestro con l'85,71% delle gare finite a punti (cioè sei GP su sette tra il 1950 e il 1951).
Gare consecutive a punti
Gare consecutive a punti
16/21

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Con 22 Gran Premi tra Gran Bretagna 2018 e Gran Bretagna 2019, Valtteri Bottas è il pilota senza titolo che ha concluso il maggior numero di gare consecutive a punti. Max Verstappen è proprio dietro di lui, con 21 gare consecutive tra Belgio 2018 e Ungheria 2019.
Punti con più costruttori
Punti con più costruttori
17/21

Foto di: Sutton Motorsport Images

Qui Andrea de Cesaris è il re indiscusso, campione e non, in quanto l'italiano ha segnato punti (in un momento in cui li prendevano solo i primi sei) con nove squadre diverse: Alfa Romeo, Brabham, Dallara, Jordan, Ligier, McLaren, Rial, Sauber e Tyrrell! Per quanto riguarda i motori, cinque diversi piloti, tutti non campioni, condividono il record assoluto con sette diversi produttori di motori (Barrichello, Brundle, Cesaris, Fisichella e Frentzen).
Giri più veloci
Giri più veloci
18/21

Foto di: LAT Images

Gerhard Berger ha fatto 21 giri veloci in carriera (media del 10%). Seguono Stirling Moss (28,79%) e Mark Webber (8,84%) con 19 ciascuno.
Gran Premi disputati
Gran Premi disputati
19/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Da questo lato non c'è nessun problema, dato che il pilota che ha disputato più gare nella storia della F1, che sia campione o meno, è Barrichello con un totale di 323 partenze. Tra i piloti senza titolo è seguito da Massa (269) e Patrese (256). Barrichello è anche il pilota senza titolo che ha gareggiato il maggior numero di stagioni (19, dal 1993 al 2011).
Hat-Trick
Hat-Trick
20/21

Foto di: LAT Images

Una Hat-Trick in F1, è quella di ottenere la pole, la vittoria e il giro più veloce nello stesso Gran Premio. Tra i piloti senza titolo, ce ne sono tre che l'hanno fatto quattro volte: Stirling Moss, Jacky Ickx e Felipe Massa.
Grand Chelem
Grand Chelem
21/21

Foto di: LAT Images

Un Grand Chelem significa ottenere la pole, la vittoria, il giro più veloce e comandare tutti i giri di una gara. Questo traguardo, raggiunto solo da 24 piloti nella storia della F1, è condiviso da sette piloti non campioni, una volta ciascuno: Moss, Siffert, Ickx, Regazzoni, Laffite, Gilles Villeneuve e Berger.
condivisioni
commenti
F1 Stories: BMW, un solo titolo ma tante gioie e dolori
Articolo precedente

F1 Stories: BMW, un solo titolo ma tante gioie e dolori

Prossimo Articolo

Leclerc ci ha preso gusto: è bis nel GP della Cina Virtuale

Leclerc ci ha preso gusto: è bis nel GP della Cina Virtuale
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021