I nuovi team dovranno pagare 200 milioni di dollari per entrare in F1

I nuovi team che desiderassero entrare in Formula 1 dovranno pagare 20 milioni ad ogni squadra esistente per dimostrare la solidità del progetto.

I nuovi team dovranno pagare 200 milioni di dollari per entrare in F1

Nell’ambito degli accordi che tutti i team hanno sottoscritto con il nuovo Patto della Concordia sono state introdotte delle particolare garanzie per tutelare le entrate delle squadre attualmente presenti in Formula 1.

Con una distribuzione più equa dei proventi dei diritti commerciali, si temeva che l’arrivo di nuovi team potesse finire per erodere le entrate delle squadre più affermante senza contribuire al successo dello sport.

Una delle conseguenze principali sarebbe stata quella di dover dividere il montepremi tra 11 o 12 team a fronte delle 10 squadre attuali.

Nel tentativo di garantire una certa stabilità reddituale è stato così concordato che ogni nuova squadra che volesse entrare in Formula 1 dovrà pagare 20 milioni di dollari ad ogni team già presente.

Il CEO della McLaren, Zak Brown, ha dichiarato come questo accordo non solo garantirà la serietà di ogni nuovo concorrente, ma proteggerà anche il valore delle squadre attuali - come ha dimostrato la recente vendita di Williams a Dorilton Capital per circa 180 milioni di dollari.

“Quello che i 200 milioni di dollari sono destinati a proteggere il valore delle squadre esistenti” ha commentato Brown.

“Se facciamo riferimento al caso della Williams si può notare come sia stato meno costoso acquisire un team (per 180 milioni di dollari ndr.) piuttosto che entrare come nuova squadra”.

“Tuttavia se si crede nel valore del franchise e nella crescita della Formula 1 l’investimento di 200 milioni di dollari sarà presto ricompensato. Inoltre, per il modo in cui sono stati scritti i regolamenti, c’è la possibilità per Liberty e per i team di modificare quella cifra”.

Il CEO della McLaren ha poi evidenziato come questa scelta è stata adottata per prevenire la possibilità di nuovi progetti fallimentari come quello del team US F1 che si è ritirato prima ancora di realizzare la propria auto.

“Quello che stiamo cercando di realizzare come industria è di mettere un freno a quanto accaduto in passato dove il team US F1 ha annunciato l’ingresso in Formula 1 per poi sparire nel nulla”.

“La cifra di 200 milioni di dollari serve a far sì che chiunque voglia entrare in questo sporto abbia i mezzi concreti per farlo. In questo modo non ci saranno più annunci di persone interessate a partecipare e poi mai arrivate in pista”.

 “Non credo che si sia mai vista una simile decisione in altri sport”.

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
1/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
3/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Kevin Magnussen, Haas VF-20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35
Lando Norris, McLaren MCL35
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Williams FW43
Nicholas Latifi, Williams FW43
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Romain Grosjean, Haas VF-20
Romain Grosjean, Haas VF-20
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
Sergio Perez, Racing Point RP20, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, Lance Stroll, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20, Lance Stroll, Racing Point RP20
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
13/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
14/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
Alex Albon, Red Bull Racing RB16
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
18/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
19/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
22/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

condivisioni
commenti
LIVE Formula 1, Gran Premio di Toscana Ferrari 1000: Qualifiche
Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio di Toscana Ferrari 1000: Qualifiche

Prossimo Articolo

F1, Mugello: Hamilton in pole, Leclerc è quinto

F1, Mugello: Hamilton in pole, Leclerc è quinto
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021