I commissari di F1: chi sono, cosa fanno e come vengono scelti?

I commissari in Formula 1 sono responsabili delle più discusse decisioni. Ma chi sono? Cosa fanno e come vengono scelti? Scopri questo e molto altro qui.

I commissari di F1: chi sono, cosa fanno e come vengono scelti?
Carica lettore audio

I commissari di Formula 1 si trovano spesso a fare notizia quando vengono costretti a imporre sanzioni che non vanno giù ai tifosi. Nonostante la maggior parte delle persone vorrebbe vedere le battaglie risolte in pista, come ogni sport che si rispetti, c’è qualcuno che deve interpretare le regole e farle rispettare nel modo più equo possibile.

Sono lì per garantire che i regolamenti siano seguiti, non per prendere la decisione più popolare. E in questo senso, ci sono pochi che invidiano quello che fanno gli steward della Formula 1. Il modo in cui gli steward lavorano in Formula 1 si è evoluto molto nel corso degli anni, non da ultimo a causa della tecnologia molto avanzata nella Formula 1 odierna.

I commissari hanno accesso a centinaia di inquadrature, dati in diretta, messaggi radio delle squadre e molto altro, e riescono comunque a prendere decisioni in pochi minuti. Ci sono quelli che sostengono che la Formula 1 trarrebbe beneficio da un regolamento più snello e lasciare che i piloti risolvano da soli le discussioni. Ma la storia suggerisce che ci saranno sempre momenti controversi, indipendentemente da quanto esatti siano i regolamenti.

Michael Masi, Race Director, FIA, Emanuele Pirro, Driver Steward, FIA, and other FIA memebrs walk the circuit

Michael Masi, Race Director, FIA, Emanuele Pirro, Driver Steward, FIA, and other FIA memebrs walk the circuit

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Come vengono scelti i commissari?

In ogni weekend di gran premio, c'è un certo numero di ufficiali di gara il cui compito è quello di supervisionare le procedure, sostenere le regole e garantire che tutti - dai piloti ai tifosi - siano al sicuro mentre le auto sono in pista. Alcuni di questi sono ufficiali di gara permanenti, che sono presenti ad ogni gran premio. Questi includono il direttore di gara e uno starter permanente.

Poi, per ogni gran premio, viene nominato un gruppo di commissari sportivi. Il loro compito è quello di deliberare i casi e prendere decisioni in base al regolamento della Formula 1 e ai codici sportivi della FIA. Tre degli steward, uno dei quali sarà nominato presidente, sono nominati dalla FIA e fanno parte del pool internazionale che possiede la necessaria superlicenza FIA (che è diversa dalla superlicenza del pilota).

Da un po' di tempo, uno tra i commissari del pannello è uno steward pilota, lì per garantire che il punto di vista dei piloti sia preso in considerazione quando si tratta di decidere sugli incidenti. Un altro steward è nominato dall'autorità sportiva nazionale della gara, che propone anche il direttore di gara.

A marshal waves the red flag

A marshal waves the red flag

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Cosa fanno gli ufficiali e i commissari?

Il direttore di gara ha "l'autorità prevalente" in un certo numero di aree durante un weekend di gran premio, lavorando con il direttore di gara per dare ordini. Il direttore di gara controlla le prove, le qualifiche e la gara, assicurandosi che la tabella di marcia sia seguita correttamente. Se necessario, il direttore di gara può proporre dei cambiamenti al programma, per esempio, se una forte pioggia ritarda una sessione.

Decide se le bandiere rosse devono essere esposte per fermare le sessioni, dispiega la Safety Car e la Virtual Safety Car e ordina alle auto doppiate di sorpassare, tra le altre responsabilità. Il direttore di gara deve essere in costante contatto sia con il direttore di gara che con tutti i commissari di percorso durante ogni sessione. È il punto di contatto tra il controllo della gara e i lavoratori della pista per informarli di ciò che il direttore di gara ha deciso.

Il compito dello starter permanente è quello di supervisionare le procedure di partenza all'inizio delle gare. Questo comporta l'attivazione della sequenza di spegnimento delle luci una volta che le auto si sono allineate sulla griglia e assicurarsi che le partenze siano completate in modo sicuro. Questa responsabilità era supervisionata da Charlie Whiting, ma è diventata un ruolo a sé stante dopo la sua morte inaspettata alla vigilia della stagione 2019.

Il lavoro dei commissari è quello di decidere sugli incidenti di gara e applicare sanzioni per le violazioni del codice sportivo e dei regolamenti tecnici, se queste vengono segnalate da funzionari o delegati. Possono basarsi su qualsiasi filmato o informazione elettronica (per esempio, i dati della telemetria) per aiutare a prendere le loro decisioni. Come il direttore di gara, il presidente dei commissari deve essere in costante contatto con il direttore di gara ogni volta che in pista ci sono le monoposto.

Mika Salo and Charlie Whiting, FIA Delegate

Mika Salo and Charlie Whiting, FIA Delegate

Photo by: Simon Galloway / Motorsport Images

Chi sono gli ufficiali chiave in Formula 1?

Il direttore di gara della F1 è Michael Masi, che ha assunto il ruolo nel 2019 dopo la morte di Charlie Whiting. Lo starter permanente è Christian Bryll, che ha assunto la posizione dal Gran Premio del Bahrain nel 2019, quando i vari compiti di Whiting sono stati separati. Il ruolo del driver steward è stato introdotto all'inizio della stagione 2010, in risposta alle critiche che definivano incoerenti le decisioni dei commissari. In precedenza i panel di steward potevano essere composti da persone senza esperienza di corse, anche se questo non è più il caso.

Nomi famosi che hanno assunto il ruolo nell'ultimo decennio includono l'ex pilota Tyrrell e Williams Derek Daly, il nove volte vincitore di Le Mans Tom Kristensen, il cinque volte vincitore di Le Mans Emanuele Pirro, l'ex pilota di F1 ed ex presidente del British Racing Drivers' Club (BRDC) Derek Warwick, il cinque volte campione del mondo moto 500cc Mick Doohan, così come gli ex campioni di F1 Emerson Fittipaldi, Alan Jones e Nigel Mansell.

Nel 2020, Vitantonio Liuzzi e Johnny Herbert sono stati tra i piloti di F1 che hanno ricoperto questo ruolo, mentre Vitaly Petrov - nominato tra le polemiche nel Gran Premio del Portogallo in seguito alle osservazioni sulla posizione antirazzista di Lewis Hamilton - si è dimesso dalle sue funzioni dopo la morte di suo padre.

Derek Warwick, FIA Steward

Derek Warwick, FIA Steward

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

I momenti memorabili dei commissari di Formula 1

Le decisioni prese dagli ufficiali di F1 e dai commissari hanno causato controversie nel corso della storia della categoria. Mentre i fan sembrano detestare l'idea che i risultati in pista vengano cambiati dopo che la bandiera a scacchi è stata sventolata, le penalità post-gara hanno fornito alcuni momenti memorabili, che definiscono il campionato.

Non tutte le decisioni ufficiali vengono dopo la gara però. Il Gran Premio di Monaco del 1984 è stato un ottimo esempio: un giovane Ayrton Senna si era qualificato 13esimo al volante di una Toleman non competitiva, ma la pioggia torrenziale il giorno della gara aveva permesso al brasiliano di mostrare il suo talento incredibile e di rimontare.  

All’inseguimento del leader Alain Prost, Senna sembrava un contendente alla vittoria. Così il francese, che stava accusando un problema ai freni, iniziò a farsi notare furiosamente dai funzionari nella pitlane per avere la bandiera rossa. Il direttore di gara Jacky Ickx lo fece debitamente alla fine del 32esimo giro. Anche se Senna passò Prost prima del traguardo, fu il francese ad aggiudicarsi la vittoria in base alla classifica del giro precedente.

In particolare, però, ottenne solo 4,5 punti per la vittoria (invece dei soliti nove) perché il 75% della gara non era stato completato. Più tardi quell'anno fu battuto da Niki Lauda nella lotta per il titolo per solo mezzo punto.

Senna e Prost sarebbero stati di nuovo al centro della controversia cinque anni dopo, quando i due piloti, in quella stagione compagni di squadra alla McLaren e in lotta per il titolo, si scontrarono al Gran Premio del Giappone. L'impatto portò il leader del campionato Prost fuori dalla gara, ma Senna fu in grado di ripartire e alla fine prese il comando a un paio di giri dalla fine. Tuttavia, nel dopo gara, i commissari decisero che Senna era rientrato in pista illegalmente, squalificando il brasiliano e consegnando il campionato a Prost con una gara d’anticipo.

Alain Prost, McLaren, Ayrton Senna, McLaren

Alain Prost, McLaren, Ayrton Senna, McLaren

Photo by: Sutton Images

Uno dei finali di gara più strani della Formula 1 è avvenuto al Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone nel 1998. Mika Hakkinen era stato in testa alla gara sotto la pioggia con un certo vantaggio, ma un testacoda aveva causato danni alla sua McLaren e l’immediato ingresso della Safety Car aveva spazzato via il suo vantaggio. Quando la gara ripartì, Michael Schumacher lo sorpassò con la sua Ferrari, e apparentemente stava volando verso la vittoria. Tuttavia, a due giri dalla fine, Schumacher incappò in una penalità di 10 secondi per aver effettuato il sorpasso dietro la Safety Car.

Incerta se la penalità dovesse essere presa come uno stop&go o sarebbe aggiunto al suo tempo finale, la Ferrari chiamò Schumacher ai box all'ultimo giro. Significava che avrebbe potuto scontare la sua penalità in quel momento, ma poiché il box della Ferrari era posizionato oltre il punto della bandiera a scacchi, il tedesco concluse la gara nella pitlane prima di scontare la sua penalità.

La McLaren protestò per il risultato, ma alla fine la Ferrari sostenne con la FIA che la sanzione era stata emessa troppo tardi, considerando quando l'infrazione si era verificata, e che non era stato chiarito quale fosse la pena esatta. In un'udienza completa della Corte d'appello internazionale della FIA fu deciso che i commissari quel giorno avevano commesso diversi errori. Schumacher riuscì così a mantenere la sua quarta vittoria della stagione.

Podium: race winner Michael Schumacher, Ferrari, second place Mika Hakkinen, McLaren, third place Eddie Irvine, Ferrari

Podium: race winner Michael Schumacher, Ferrari, second place Mika Hakkinen, McLaren, third place Eddie Irvine, Ferrari

Photo by: Sutton Images

Anche se le pratiche sono migliorate in maniera considerevole rispetto ai primi anni di esistenza del campionato, i commissari di Formula 1 possono ancora dividere il pubblico con le loro decisioni. Può succedere a volte, quando fanno bene il loro lavoro e fanno rispettare le regole come dovrebbero essere.

Nel 2017, Max Verstappen è stato mandato via dal retro podio pochi secondi prima di salire sul podio a causa di una penalità inflitta per il suo sorpasso all'ultimo momento su Kimi Raikkonen al Gran Premio degli Stati Uniti, quando aveva preso la posizione andando fuori dalla pista e dentro i cordoli.

Anche se le sue azioni erano una chiara violazione delle regole, la decisione non ha fermato molti dei suoi sostenitori sentendo che era stato trattato ingiustamente. Un sorpasso di Verstappen è stato di nuovo messo sotto la lente d’ingrandimento al Gran Premio d'Austria nel 2019, quando ha avuto un ruota a ruota con Charles Leclerc durante il sorpasso sul giovane pilota della Ferrari per prendere il comando nei momenti finali della gara. Ci sono volute diverse ore per completare la loro indagine e far sì che i commissari confermassero che l'olandese aveva effettivamente vinto il gran premio in modo corretto.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, collides with Charles Leclerc, Ferrari SF90

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, collides with Charles Leclerc, Ferrari SF90

Photo by: Lorenzo Bellanca / Motorsport Images

Questo episodio è arrivato solo poche settimane dopo che Sebastian Vettel era stato privato della vittoria al Gran Premio del Canada. Il tedesco ha perso per un attimo il controllo della sua Ferrari al circuito Gilles Villeneuve, e i commissari hanno deciso che il modo in cui è rientrato in pista avesse ostacolato ingiustamente Lewis Hamilton.

Anche se il britannico non è stato in grado di sorpassare in pista, la penalità di cinque secondi inflitta a Vettel ha fatto sì che Hamilton dovesse solo tenere il passo del suo rivale per ottenere la vittoria.

In segno di protesta dopo la gara, Vettel si è recato fino ai tabelloni dei numeri in parco chiuso, mettendo il cartello del secondo posto davanti alla Mercedes di Hamilton e piazzando il tabellone del primo posto davanti allo spazio vuoto dove la sua Ferrari - ferma alla fine della pitlane - avrebbe dovuto essere. Per la gioia dei tifosi.

Sebastian Vettel, Ferrari, 2nd position, switches the position boards in protest of a penalty that cost him victory

Sebastian Vettel, Ferrari, 2nd position, switches the position boards in protest of a penalty that cost him victory

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Chi sono i commissari per il Gran Premio dell'Arabia Saudita 2021?

I quattro commissari che lavoreranno nella gara di Jeddah sono:  

Garry Connelly - Connelly è stato uno commissario FIA e un osservatore FIA dal 1989, ha lavorato, tra le altre categorie, in Formula 1.

Silvia Bellot - Bellot ha iniziato a fare la commissaria nel 2001, e in quel periodo ha lavorato come steward in serie come WRC, WTCC, DTM e varie categorie di monoposto. È diventata il primo direttore di gara donna della FIA, presiedendo i campionati di Formula 2 e Formula 3 nel 2020.

Vitantonio Liuzzi – Liuzzi è un ex pilota di Formula 1 che vanta 80 partenze. Ha corso con Red Bull, Toro Rosso, Force India e Hispania Racing/HRT.

Hassan Alabdali - Alabdali ha lavorato nel motorsport per quasi 15 anni, occupandosi di tutto, dalle auto alle moto al rally e altro ancora. È stato uno commissario per il FIA Formula E-Prix in Arabia Saudita.

condivisioni
commenti
Un Giovinazzi da urlo: "La Top 10? Con le Medie vado forte"
Articolo precedente

Un Giovinazzi da urlo: "La Top 10? Con le Medie vado forte"

Prossimo Articolo

F1 | L’accordo Mercedes-Kingspan genera il malcontento in UK

F1 | L’accordo Mercedes-Kingspan genera il malcontento in UK
Carica commenti
Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1 Prime

Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1

Le bandiere in Formula 1 hanno molteplici significati: saperle riconoscere ad un primo sguardo è un requisito fondamentale per ogni pilota degno di questo nome. E voi, sicuri di conoscerle tutte? Scopriamolo insieme in questo nostro video

Formula 1
23 gen 2022
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Formula 1
21 gen 2022
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022