Hungaroring, Libere 2: Vettel bene in qualifica, ma Verstappen è vicino

condivisioni
commenti
Hungaroring, Libere 2: Vettel bene in qualifica, ma Verstappen è vicino
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
27 lug 2018, 14:31

La Ferrari svetta nella seconda sessione di libere del GP di Ungheria precedendo le due Red Bull e Raikkonen. In difficoltà le Mercedes che hanno problemi di surriscaldamento delle ultrasoft, per cui i tempi Hamilton e Bottas li hanno ottenuti con le soft.

Sebastian Vettel ha dato un segno: con la Ferrari il tedesco ha chiuso un giro quasi perfetto nella simulazione da qualifica del GP d'Ungheria e con la gomma a mescola ultrasoft è arrivato a girare in 1'16"834, un tempo che è solo mezzo secondo più lento della pista ottenuto proprio l'anno scorso dal tedesco in Q3 con 1'16"276. Eccellente anche la prestazione della SF71H anche in assetto da long run con il pieno di benzina: la Rossa con una temperatura dell'asfalto di oltre 44 gradi ha dimostrato un perfetto adattamento alle alte temperature.

La Rossa ha confermato di gradire l'adattamento alla pista magiara, anche se la Red Bull è a un soffio con Max Verstappen: l'olandese con 1'16"908 è arrivato solo a 74 millesimi da Vettel, dimostrando un bilancimento perfetto della RB14. L'arancione potrà contare per la prima volta nel "bottone magico" del motore Renault, grazie all'adozione di una nuova benzina Exxon Mobil 1 che consentirà alla power unit francese l'utilizzo di strategie elettroniche più estreme.

Cosa che non dovrebbe concedersi Daniel Ricciardo visto che l'australiano dovrà utilizzare il motore 1, quello che ha utilizzato fino a Monte Carlo, dove aveva vinto, ma che non può essere aggiornato con la nuova mappatura più estrema per sfruttare una ventina di cavalli nel giro secco. Il riccioluto Daniel non si lagna perché altrimenti avrebbe dovuto montare un motore nuovo e avrebbe dovuto pagare una penalità proprio su una pista come quella ungherese favorevole all'australiano.

La quarta posizione è stata conquistata da Kimi Raikkonen che non ha messo insieme il suo giro ideale nella condizione d qualifica: il finlandese ha pagato un distacco di oltre tre decimi, ma il Iceman si era dedicato a provare anche la gomma media per raccogliere dei dati utili alla definizione della strategia di gara. La Medium dovrebbe essere una mescola scartata, mentre il differenziale fra la ultrasoft e la soft si dovrebbe limitare in sette decimi.

Leggi anche:

La Mercedes, invece, che è andata fortissimo con la gomma gialla si è letteralmente "sciolta" con la ultrasoft: tanto Lewis Hamilton che Valtteri Bottas non sono riusciti a chiudere un giro senza registrare un degrado nel T3 che non gli ha permesso di migliorare la prestazione conseguita con le soft. I due piloti di Toto Wolff dovranno cambiare la strategia con cui scaldano le gomme nel giro di lancio se non vogliono scattare dalla terza fila. Hamilton ha pagato sette decimi dalla Ferrari, mentre Bottas ci ha lasciato più di un secondo. Troppo per la squadra che guida il mondiale...

La W09 ha dimostrato di non gradire particolarmente l'Hungaroring, ma le frecce d'argento hanno ritrovato una certa consistenza nel passo gara, dove Lewis ha trovato una certa costanza di prestazioni.

La prima dopo i top team è di nuovo la Haas di Romain Grosjean: il francese con 1'18"065 è arrivato ad appena due decimi dalla Mercedes di Bottas. Il transalpino in una sessione senza guai, come ha avuto nel mattino, e senza errori ha evidenziato il suo potenziale. Romain si è messo alle spalle la Renault di Carlos Sainz lasciando un solco di quattro decimi sullo spagnolo.

Anche Pierre Gasly ha ridato un po' di morale alla Toro Rosso portando la STR13 a motore Honda in non posizione con 1'18"518: il francese ha saputo tenere a bada le due Force India, la squadra che da oggi va in amministrazione controllata. Vedere Esteban Ocono decimo e Sergio Perez 11esimo è un segno di grande solidità della squadra di Silverstone che, per ora, riesce a sopravvivere alla mancanza di soldi in attesa di un acquirente che la salvi.

Fernando Alonso è 12esimo con la McLaren: la MCL 33 non ha permesso allo spagnolo di tirare fuori una zampata delle sue, ma l'asturiano è riuscito a fare certamente meglio di Stoffel Vandoorne che è finito in testacoda dopo aver messo una ruota sull'erba in staccata. Il belga è sono 19esimo fra le due Williams con Lance Stroll 18esimo e Sergey Sirotkin 20esimo.

Male anche le Sauber con Marcus Ericsson che ha messo il muso della sua C37 davanti a quella di Charles Leclerc: il monegasco non ha partecipato al primo turno per lasciare la macchina svizzera ad Antonio Giovinazzi. Vedremo dove saprà arrampicarsi domani in qualifica...

Cla # Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 45 1'16.834     205.268
2 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 35 1'16.908 0.074 0.074 205.070
3 3 Australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 36 1'17.061 0.227 0.153 204.663
4 7 Finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 40 1'17.153 0.319 0.092 204.419
5 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 43 1'17.587 0.753 0.434 203.276
6 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 46 1'17.868 1.034 0.281 202.542
7 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 39 1'18.065 1.231 0.197 202.031
8 55 Spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 38 1'18.495 1.661 0.430 200.924
9 10 France Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 43 1'18.518 1.684 0.023 200.866
10 31 France Esteban Ocon  Force India Mercedes 41 1'18.761 1.927 0.243 200.246
11 11 Mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 42 1'18.850 2.016 0.089 200.020
12 14 Spain Fernando Alonso  McLaren Renault 38 1'18.857 2.023 0.007 200.002
13 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 35 1'18.880 2.046 0.023 199.944
14 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 23 1'18.913 2.079 0.033 199.860
15 28 New Zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 41 1'18.916 2.082 0.003 199.853
16 9 Sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 42 1'19.043 2.209 0.127 199.531
17 16 Monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 38 1'19.137 2.303 0.094 199.294
18 18 Canada Lance Stroll  Williams Mercedes 45 1'19.645 2.811 0.508 198.023
19 2 Belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 38 1'19.712 2.878 0.067 197.857
20 35 Russian Federation Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 45 1'19.770 2.936 0.058 197.713

 

Prossimo Articolo
Hungaroring, Libere 1: Ricciardo svetta davanti a Vettel, Hamilton è quinto

Articolo precedente

Hungaroring, Libere 1: Ricciardo svetta davanti a Vettel, Hamilton è quinto

Prossimo Articolo

Hungaroring, Libere 3: Vettel detta il passo, ma Bottas non è affatto lontano

Hungaroring, Libere 3: Vettel detta il passo, ma Bottas non è affatto lontano
Carica commenti