Hungaroring, Libere 1: Ricciardo svetta davanti a Vettel, Hamilton è quinto

condivisioni
commenti
Hungaroring, Libere 1: Ricciardo svetta davanti a Vettel, Hamilton è quinto
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
27 lug 2018, 10:48

La Red Bull mette nella morsa dei suoi piloti la Ferrari del tedesco sfruttando la mescola soft che è più dura della utrasoft usata sulla SF71H. Hamilton è più staccato con una Mercedes molto nervosa in fase di inserimento.

Daniel Ricciardo risponde presente: l'australiano è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP di Ungheria con la Red Bull capace di 1'17"613 con le gomme soft, vale a dire due mescole più dure della ultrasoft usata da Sebastian Vettel. Daniel si è subito trovato a suo agio con la RB14 che in questo weekend utilizzerà il motore n.1 con il quale aveva vinto il GP di Monaco vitaminizzato da una nuova benzina EXXON Mobil 1.

Sebastian vuole cancellare in fretta il ricordo del ritiro nel GP di Germania della scorsa settimana e il tedesco è secondo con un distacco di 79 millesimi da Ricciardo: il quattro volte campione del mondo ha un po' "pasticciato" con gli assetti, esagerando con le regolazioni per far sparire il sovrasterzo in entrata di curva che si è trasformato in un fastidioso sottosterzo. Si spiega per questo motivo il distacco dalla Red Bull di testa con 1'17"692.

Max Verstappen è terzo a 9 millesimi dalla Ferrari del quattro volte campione del mondo: anche l'olandese ha ottenuto la sua prestazione con le soft, lasciandosi alle spalle la Ferrari di Kimi Raikkonen a oltre due decimi a parità di mescola. L'arancione aveva stupito a inizio turno risultando nettamente il più veloce con le Medium, prima di un doppio testacoda per un sovrasterzo in fase di inserimento.

I piloti si sono lamentati del grip al posteriore con gomme che fanno fatica ad andare subito in temperatura nonostante sull'asfalto si sia arrivati a toccare i 50 gradi!

E la Mercedes? Lewis Hamilton è in difficoltà con la W09: l'inglese non è riuscito a bucare i muro dell'1'18, pagando 423 millesimi da Ricciardo con una freccia d'argento che fatica nell'inserimento delle curve dove è necessario un repentino cambio di direzione. Hamilton ha patito una macchina molto nervosa sommando una serie di sovrasterzi che lo hanno costretto a correzioni di sterzo molto spettacolari, ma molto nocive per le gomme.

Valtteri Bottas con la seconda freccia d'argento: il finlandese è addirittura a quattro decimi dal suo capitano segno che patisce ancora di più l'instabilità della freccia d'argento visto che ha guidato anche le gomme Medium, vale a dire la mescola più dura fra le tre della Pirelli a disposizione.

Romain Grosjean ha portato la Haas al settimo posto con 1'18"975: il francese ha avuto un problema tecnico a inizio sessione che è stato risolto dal team americano, mentre Nico Hulkenberg, ottavo con la Renault in 1'19"025 ha dovuto parcheggiare la sua R.S.18 lungo il tracciato perché la monoposto si è spenta all'improvviso dopo 14 giri.

Il tedesco ha preceduto di un decimo Carlos Sainz con la seconda Renault, con Kevin Magnussen decimo con la seconda Haas. In ripresa Pierre Gasly con la Toro Rosso che su un circuito di carico è tornata nelle posizioni di centro gruppo. Il francese è 11esimo, con il compagno di squadra Brandon Hartley 13esimo e staccato di mezzo secondo: il neozelandese è stato autore anche di un'innocua uscita nel finale del turno.

Fernando Alonso si è infilato con la McLaren fra le due STR13: lo spagnolo, 12esimo, è riuscito a rifilare il solito distacco a Stoffel Vandoorne sebbene la squadra di Woking gli abbia sostituto la scocca di Hockenheim con quella di scorta che non è nuova, ma sicuramente è più fresca.

Male le Force India con Esteban Ocon 15esimo e Sergio Perez 17esimo: ha fatto meglio Lance Stroll con la Williams che si è portata al 14esimo posto. Antonio Giovinazzi con la Sauber è 18esimo: il pugliese si è tolto il gusto di stare davant a Marcus Ericsson con l'unico treno di ultrasoft che gli è stato messo a disposizione, mentre lo svedese nel tentativo di andare a riprendere l'italiano ha rischiat di sbattere per l'ennesima volta la C37: questa volta gli è andata bene...

Cla # Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 3 Australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 30 1'17.613     203.208
2 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 24 1'17.692 0.079 0.079 203.001
3 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 29 1'17.701 0.088 0.009 202.978
4 7 Finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 23 1'17.948 0.335 0.247 202.334
5 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 28 1'18.036 0.423 0.088 202.106
6 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 20 1'18.470 0.857 0.434 200.988
7 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 17 1'18.975 1.362 0.505 199.703
8 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 14 1'19.025 1.412 0.050 199.577
9 55 Spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 32 1'19.128 1.515 0.103 199.317
10 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 29 1'19.187 1.574 0.059 199.169
11 10 France Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 30 1'19.352 1.739 0.165 198.754
12 14 Spain Fernando Alonso  McLaren Renault 24 1'19.690 2.077 0.338 197.911
13 28 New Zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 32 1'19.841 2.228 0.151 197.537
14 18 Canada Lance Stroll  Williams Mercedes 33 1'20.012 2.399 0.171 197.115
15 31 France Esteban Ocon  Force India Mercedes 30 1'20.065 2.452 0.053 196.984
16 2 Belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 28 1'20.151 2.538 0.086 196.773
17 11 Mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 27 1'20.159 2.546 0.008 196.753
18 36 Italy Antonio Giovinazzi  Sauber Ferrari 31 1'20.293 2.680 0.134 196.425
19 35 Russian Federation Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 28 1'20.307 2.694 0.014 196.391
20 9 Sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 12 1'20.697 3.084 0.390 195.442

 

Prossimo Articolo
Carica commenti