Horner replica alle frecciate di Wolff: "Si compri uno junior team per Ocon e Russell"

condivisioni
commenti
Horner replica alle frecciate di Wolff:
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
15 set 2018, 07:56

Il direttore di Mercedes Motorsport accusa i bugiardi che a parole volevano Ocon e che poi nei fatti si sono tirati indietro. E Horner che si è sentito tirato per la giacchetta ha replicato: "Liberi i piloti da vincoli Mercedes, oppure stacchi un assegno e si acquisti un team!".

Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Esteban Ocon, Racing Point Force India F1 Team
George Russell, Mercedes AMG F1
Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault Sport F1 Team, con Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing
Dr Helmut Marko, Consulente Red Bull Motorsport e Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing

Continuano con toni molto aspri le frecciate e le opinioni contrastanti sul caso Esteban Ocon, a conferma di una guerra sotterranea che va oltre il destino del pilota francese.

Toto Wolff è tornato sull’argomento descrivendo una situazione a suo dire poco elegante da parte di altri team inizialmente interessati ad avere Ocon nell’organico 2019 per poi fare una repentina marcia indietro. Poco dopo è arrivata la replica, altrettanto diretta, di Christian Horner.

“Quello che è successo quest'anno nel mese luglio e agosto è stato incredibile - ha confermato Wolff riferendosi alle trattative con McLaren e Renault – abbiamo avuto a che fare con tanta politica e menzogne. Il risultato è che l’anno prossimo non tutti i piloti che meritano di essere al via del Mondiale saranno presenti sulla griglia di partenza, ed Esteban probabilmente sarà uno di loro. A luglio aveva due offerte sul tavolo, e stavamo analizzando quale fosse quella giusta. Poi di colpo tutto è sparito, perché alcune persone semplicemente non hanno le palle per confermare con i fatti ciò che dicono a voce”.

“Comunque – ha concluso Wolff – presto Ocon vincerà gare e lotterà per campionati. Se alcuni team per chissà quali motivi non vogliono piloti di talento, è un problema loro. Alla fine Esteban sarà dove merita, ne sono certo”.

L’ultima frecciata di Wolff è sembrata indirizzata al mondo Red Bull, che ha pubblicamente detto ‘no’ all’offerta di Ocon poiché esterno ai loro programmi piloti. E Horner poco dopo ha replicato.
“Noi abbiamo investito anni fa acquistando una squadra in cui far crescere i nostri piloti – ha spiegato Horner – e sono certo che se Toto stacca un buon assegno può sempre piazzare Ocon alla Williams, no? Ci sono due piloti come Ocon e George Russell che potrebbero trovare alternative se solo Toto li liberasse dai loro contratti (con la Mercedes n.d.r), e sarebbe un peccato vederli esclusi dai piloti al via del Mondiale a causa di questi contratti….”.

Horner ha poi sottolineato l’importanza di avere una squadra ‘B’ per poter lavorare con continuità alla crescita dei giovani: “È l’unica strada percorribile. Noi abbiamo assunto questo impegno, abbiamo fatto investimenti che hanno portato a risultati come Sebastian Vettel, Daniel Ricciardo, Max Verstappen e ora Pierre Gasly. Ha funzionato bene, e nel caso di Toto vedo che ha piloti di talento ma non i posti in cui farli correre. È questo il problema che oggi mette a rischio il futuro di quei ragazzi”.

Prossimo articolo Formula 1
Hamilton: "Con Seb poteva essere un errore da principiante, ma a me non capita spesso"

Articolo precedente

Hamilton: "Con Seb poteva essere un errore da principiante, ma a me non capita spesso"

Prossimo Articolo

Ferrari: bargeboard e fondo modificati per creare vortici anche a bassa velocità

Ferrari: bargeboard e fondo modificati per creare vortici anche a bassa velocità
Carica commenti