Horner: "Far perdere il podio a Perez sarebbe stato brutale"

Christian Horner ha spiegato di non aver voluto chiamare Perez al pit per soffiare il punto del giro veloce ad Hamilton per non privare il messicano di un podio ampiamente meritato dopo una gara sofferta.

Horner: "Far perdere il podio a Perez sarebbe stato brutale"

Per la seconda gara consecutiva Sergio Perez è riuscito ad andare a podio. Dopo aver ottenuto il terzo posto in Turchia, il messicano si è ripetuto anche ad Austin chiudendo alle spalle di Max Verstappen e Lewis Hamilton.

Il risultato è giunto al termine di una gara particolarmente sofferta per Sergio. Perez, infatti, ha disputato tutta la  gara senza poter utilizzare la borraccia a causa di un malfunzionamento, ed inoltre è arrivato in circuito la domenica mattina già debilitato.

“Già dal mattino non mi sentivo bene e sin dal primo giro non ho potuto bere” ha dichiarato il pilota della Red Bull al termine del GP degli Stati Uniti.

“È stata estremamente dura. Dopo 20 giri ero già andato. Non avevo forza nelle mani e nelle gambe. È stata una gara di sopravvivenza. Senza dubbio la gara più lunga della mia carriera”.

“Adesso non vedo l’ora di correre in Messico. È stato un peccato non riuscire a stare più vicino a Max e Lewis, ma oggi ero limitato fisicamente”.

Max Verstappen, Red Bull Racing, primo classificato, e Sergio Perez, Red Bull Racing, terzo classificato

Max Verstappen, Red Bull Racing, primo classificato, e Sergio Perez, Red Bull Racing, terzo classificato

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

Nelle battute conclusive della gara la Red Bull ha deciso di non richiamare Perez ai box per montare un treno di soft e soffiare così a Lewis Hamilton il punto addizionale del giro veloce. In un campionato così in equilibrio questo potrebbe rivelarsi un errore a fine stagione, ma Christian Horner ha spiegato il perché di questa scelta.

Il team principal della Red Bull ha preferito tutelare il terzo posto di Perez, ed un ottimo risultato complessivo per il team, piuttosto che favorire Max e far perdere il podio al messicano a vantaggio di Charles Leclerc.

“Chiamare Checo al pit e fargli perdere il podio sarebbe stato brutale. Leclerc era troppo vicino. Guardando il risultato complessivo nell’ottica del team era meglio che Perez conquistasse i punti del terzo posto ed abbiamo deciso di non farlo rientrare”.

Leggi anche:

Horner ha poi voluto sottolineare l’ottimo stato di forma del messicano. Perez, dopo aver vissuto una fase di appannamento a metà stagione, sembra essere tornato daccapo tonico ed il suo feeling con la RB16B sta continuando a migliorare.

“Si può vedere come la sua fiducia nella vettura stia crescendo dal modo in cui ha gestito la gara. È andato a podio per la seconda corsa consecutiva e adesso lo aspetta la sua gara di casa. Sta trovando la condizione ed è un qualcosa di cruciale per noi in questa fase della stagione”.

condivisioni
commenti
Mercedes: l'incapacità di prendere rischi come la Red Bull
Articolo precedente

Mercedes: l'incapacità di prendere rischi come la Red Bull

Prossimo Articolo

Shovlin: "Lottare con la Red Bull miglior scenario in Messico"

Shovlin: "Lottare con la Red Bull miglior scenario in Messico"
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021