Horner: "Nessuna pressione per favorire Vettel"

condivisioni
commenti
Horner:
Di: Matteo Nugnes
13 lug 2010, 11:09

Il team principal torna sulla vicenda dell'ala e prova a placare le polemiche interne alla Red Bull

Horner:
Christian Horner sta provando in tutti i modi a calmare il polverone che si è alzato all'interno della Red Bull lo scorso fine settimana a Silverstone, a causa della decisione di privare Mark Webber della nuova ala anteriore della RB6 in qualifica per darla a Sebastian Vettel. Scelta che non è andata assolutamente giù al pilota australiano che, dopo aver vinto il Gp, è arrivato addirittura a dire che se avesse saputo che le condizioni di lavoro erano queste, non avrebbe mai rinnovato con la squadra di Milton Keynes, in quanto non ha alcuna intenzione di fare la seconda guida. Parlando con il Daily Telegraph, Horner ha voluto spiegare che entro la fine della settimana ci sarà un chiarimento e che comunque in serata Webber era parso molto più tranquillo, andando a festeggiare la vittoria con il resto della squadra e anche con Vettel. La cosa che preme di più al team principal, però, è far capire che non ci sono stati complotti ai danni dell'australiano, ma che è quella di dare l'ala nuova al compagno di squadra è stata una scelta tecnica. "Da parte della Red Bull non abbiamo mai subito alcuna pressione per favorire un pilota piuttosto che l'altro. Non ho mai parlato con Helmut Marko o con chiunque altro della Red Bull riguardo alla decisione di dare l'ala nuova a Sebastian. E' una decisione puramente tecnica, di cui avevo parlato solo con Andrian Newey" ha spiegato Horner. "Il mio solo rimpianto è quello di non aver avuto tempo di parlarne personalmente con Mark prima delle qualifiche, perchè sono certo che avrebbe avuto una reazione molto più equilibrata" ha concluso.
Prossimo articolo Formula 1
Stewart: "Schumi dovrebbe ritirarsi a fine stagione"

Previous article

Stewart: "Schumi dovrebbe ritirarsi a fine stagione"

Prossimo Articolo

Montezemolo spinge la Ferrari a reagire

Montezemolo spinge la Ferrari a reagire
Carica commenti