Honda: "Fornire i V6 alla Red Bull ci metterebbe tanta pressione..."

condivisioni
commenti
Honda:
Scott Mitchell
Di: Scott Mitchell
17 mag 2018, 10:12

Il boss di Honda Motorsport, Masashi Yamamoto, afferma che chiudere un accordo con il team di Milton Keynes sarebbe importante per la Casa giapponese, ma aggiunge: "Possiamo reggere la pressione?".

Logo Honda
Katsushi Inoue, Presidente diHonda Motor Europe
Toyoharu Tanabe, Direttore Tecnico F1, Honda
Toyoharu Tanabe, Direttore Tecnico F1, Honda
Toyoharu Tanabe, Direttore Tecnico F1, Honda
Sean Gelael, Toro Rosso STR13
Jake Dennis, Red Bull Racing RB14
Jake Dennis, Red Bull Racing RB14
Sean Gelael, Scuderia Toro Rosso STR13
Jake Dennis, Red Bull Racing RB14

Il boss di Honda Motorsport, Masashi Yamamoto, ha incontrato Helmut Marko in Spagna lo scorso fine settimana. I due hanno valutato l'opportunità di attivare una partnership tecnica a partire dalla prossima stagione di Formula 1, ponendo così fine al rapporto tra la Red Bull e Renault che dura ormai da diversi anni.

La Casa francese ha dato un ultimatum al team di Milton Keynes, affermando che entro la fine del mese vorrà sapere se la Red Bull continuerà a correre anche in futuro con i motori transalpini o se invece la partnership si interromperà dopo tanti anni e ben 8 titoli Mondiali ottenuti dal 2010 al 2013.

Yamamoto ha parlato a Motorsport.com affermando che Honda sarebbe felice di fornire le proprie power unit a due team (un secondo oltre alla Toro Rosso) e sarebbe una prima volta, perché dal 2015, anno in cui Honda è rientrata in F1, non ha mai fornito più di un team.

"Consideriamo questa una cosa positiva, ma abbiamo bisogno di tempo per ulteriori riunioni", ha detto Yamamoto. "Siamo positivi. Chiudere un accordo con la Red Bull sarebbe davvero molto importante per Honda, perché loro sono un top team".

"Questo ci crea pressione come fornitori di motori. Dobbiamo considerare molto bene tanti aspetti. Possiamo davvero reggere la pressione con un team del calibro della Red Bull? Dobbiamo avvertire la responsabilità di fornire loro i motori".

Yamamoto ha anche riconosciuto che fornire più di un team potrebbe essere un'ottima opportunità per promuovere in F1 uno dei giovanli piloti dell'Academy Honda. Honda vorrebbe portare nel Circus uno dei due piloti che attualmente stanno correndo in Formula 2, ossia Tadasuke Makino e Nirei Fukuzumi.

Toro Rosso potrebbe così diventare il team a cui appoggiare uno dei due piloti nipponici, mentre Pierre Gasly potrebbe invece essere promosso in Red Bull qualora Daniel Ricciardo lasciasse Milton Keynes e Carlos Sainz Jr restasse in Renault anche nei prossimi anni.

Prossimo Articolo
Ferrari: due giorni di test utili a ripulire le scorie del GP di Spagna

Articolo precedente

Ferrari: due giorni di test utili a ripulire le scorie del GP di Spagna

Prossimo Articolo

Bottas: "Mi sento in lotta per il mondiale e voglio restare in Mercedes"

Bottas: "Mi sento in lotta per il mondiale e voglio restare in Mercedes"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Red Bull Racing Acquista adesso
Autore Scott Mitchell
Tipo di articolo Ultime notizie