Honda: due problemi diversi dietro alle due rotture della power unit aggiornata

condivisioni
commenti
Honda: due problemi diversi dietro alle due rotture della power unit aggiornata
Di: Scott Mitchell
Tradotto da: Matteo Nugnes
26 giu 2018, 09:23

La Honda crede che il problema che ha patito Brendon Hartley in Francia sia differente da quello di Pierre Gasly in Canada, quindi ora dovrà analizzare il secondo guasto della power unit aggiornata.

Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
La monoposto incidentata di Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso STR13, viene recuperata
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13

Il costruttore giapponese dovrebbe iniziare le indagini sul motore sostituito ad Hartley oggi nella sua struttura di Sakura.

Toro Rosso ed Honda hanno spedito il motore in Giappone, dopo che Hartley è stato costretto a fermarsi nel corso delle prove libere di venerdì.

Tutto questo è successo due settimana dopo che Gasly ha avuto un problema in Canada, proprio quando la Honda aveva introdotto la sua nuova specifica della power unit.

Il direttore tecnico della Honda in F1, Toyoharu Tanabe, ha dichiarato a Motorsport.com: "Non potevamo dire nulla di specifico sulla nostra ispezione qui, dovevamo aspettare".

"Inizieremo l'analisi martedì in Giappone. Le contromisure poi dipenderanno dal tipo di errore, quindi dobbiamo capire se è un problema di qualità o di specifiche".

"Abbiamo bisogno di avere una relazione sull'ispezione di base, a quel punto potremo capire quanto tempo ci vorrà e quanto sarà difficile intervenire".

"Abbiamo avuto due problemi, ma sembra che siano leggermente diversi. Non posso dirvi però se sia un bene o meno che si tratti di problemi diversi".

Il problema al motore di Hartley in Francia lo ha condannato ad una partenza dal fondo della griglia, mentre il compagno di squadra Gasly è stato costretto al ritiro dopo un giro a causa di un incidente.

Nonostante il secondo problema di affidabilità in due weekend di gara, la Honda è soddisfatto del passo avanti prestazionale visto in queste prime uscite con la power unit aggiornata, che ritiene cruciale nell'aver convinto la Red Bull a passare ai suoi motori nel 2019.

Dopo le qualifiche, Gasly ha spiegato che in Francia la potenza del motore non era ancora al top ed ha aggiunto che l'affidabilità è ancora un punto interrogativo, visto che nelle libere ha utilizzato la vecchia specifica.

"Avrei preferito avere a disposizione la massima performance per tutto il tempo" ha detto quando gli è stato chiesto dell'affidabilità da Motorsport.com.

"Abbiamo ancora bisogno di fare molte gare con quel motore, ecco perché abbiamo deciso di preservarlo nella giornata di venerdì".

Tanabe comunque ha confermato che performance ed affidabilità continueranno ad avere la stessa importanza per la Honda, che rivolgerà le sue attenzioni all'ultimo upgrade per questa stagione prima di concentrarsi sulla specifica 2019.

Prossimo articolo Formula 1
Disastro viabilità al Paul Ricard: alcuni tifosi minacciano una class action

Previous article

Disastro viabilità al Paul Ricard: alcuni tifosi minacciano una class action

Next article

Motori 2021: si definiscono le regole nello Strategy group del 4 luglio?

Motori 2021: si definiscono le regole nello Strategy group del 4 luglio?

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Francia
Location Circuit Paul Ricard
Piloti Brendon Hartley , Pierre Gasly
Team Toro Rosso
Autore Scott Mitchell
Tipo di articolo Ultime notizie