Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni

Honda ai GP solo senza rischi, anche se F1 ripartirà prima

condivisioni
commenti
Honda ai GP solo senza rischi, anche se F1 ripartirà prima
Di:
18 mar 2020, 14:55

Masahi Yamamoto, capo di Honda Racing, ha dichiarato al giornalista Masahiro Owari che la Casa giapponese si sarebbe opposta a disputare il GP d'Australia, ma non c'è stato da discutere con Red Bull e AlphaTauri che avevano già deciso nella notte di non correre. Anche il ritorno in pista avverrà solo in condizioni normali.

Si è scritto e detto molto sul meeting dell’Hotel Crown di Melbourne, un confronto serrato che ha poi portato alla richiesta di annullamento del Gran Premio d’Australia.

C’è però un aspetto rimasto sotto traccia e conferma che neanche Red Bull ed Alpha Tauri avrebbero potuto disputare la gara di Melbourne, come pubblicamente dichiarato dai responsabili della Red Bull.

Il motivo è la posizione della Honda, che a differenza della linea Marko-Horner, non era intenzionata a scendere in pista dopo aver ricevuto la notizia della positività al test Coronavirus di un tecnico McLaren.
“Dopo aver ricevuto quella notizia – ha dichiarato Masahi Yamamoto, capo di Honda Racing al giornalista Masahiro Owari – abbiamo capito che sarebbero arrivate presto delle decisioni".

"Abbiamo visto in tutto il mondo quanti eventi sportivi sono stati cancellati, quindi la posizione di Honda è stata chiara, ovvero tutelare la salute e la sicurezza di chi lavora in pista e dei fans. Per far questo era indispendabile astenerci dal correre”.

Yamamoto ha confermato che la decisione presa dai team è arrivata prima ancora che si facesse presente la posizione Honda a Red Bull ed Alpha Tauri.
“È accaduto tutto di notte – ha spiegato il responsabile del programma Honda F1 – la nostra posizione era chiara ed eravamo pronti a farla presente, ma non è stato di fatto necessario perché siamo stati anticipati dalla decisione presa nel meeting”.

“Era indispensabile fermarsi – ha concluso Yamamoto - questo ci darà la possibilità di osservare gli sviluppi (della pandemia). La Honda tornerà in pista solo quando la situazione tornerà ad essere normale e senza rischi, anche se la Formula 1 dovesse decidere di riprendere l’attività”.

Un messaggio in stile Giapponese: non sarà più tollerata una situazione come quella di Melbourne.

Scorrimento
Lista

Franz Tost, Team Principal, Toro Rosso, e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Franz Tost, Team Principal, Toro Rosso, e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport
1/16

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport
2/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Dr. Helmut Marko, Red Bull Racing e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Dr. Helmut Marko, Red Bull Racing e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport
3/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Il motore della Red Bull Racing RB 16

Il motore della Red Bull Racing RB 16
4/16

Foto di: Giorgio Piola

Alex Albon, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
5/16

Foto di: Franco Nugnes

Alex Albon, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
6/16

Foto di: Franco Nugnes

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, fa un pit stop

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, fa un pit stop
7/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il motore della Red Bull Racing RB 16

Il motore della Red Bull Racing RB 16
8/16

Foto di: Giorgio Piola

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
9/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, Red Bull Racing RB12, al GP d'Australia del 2016

Daniil Kvyat, Red Bull Racing RB12, al GP d'Australia del 2016
10/16

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Red Bull Racing RB16, dettaglio dello sfogo

Red Bull Racing RB16, dettaglio dello sfogo
11/16

Foto di: Giorgio Piola

I meccanici della Red Bull Racing RB16 ispezionano il posteriore della macchina

I meccanici della Red Bull Racing RB16 ispezionano il posteriore della macchina
12/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
13/16

Foto di: Red Bull Content Pool

Motore della Alpha Tauri AT01

Motore della Alpha Tauri AT01
14/16

Foto di: Giorgio Piola

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
15/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
16/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Todt: "Situazione non chiara, bisogna rispettare le regole"

Articolo precedente

Todt: "Situazione non chiara, bisogna rispettare le regole"

Prossimo Articolo

McLaren: 7 membri rimasti in Australia negativi al Coronavirus

McLaren: 7 membri rimasti in Australia negativi al Coronavirus
Carica commenti