Hill: "Il crash di Monza? Max non ha avuto self control"

Il campione del mondo del 1996 ha indicato in Verstappen l'unico responsabile per l'incidente di Monza sottolineando come Max non abbia ragionato a mente fredda in quegli istanti.

Hill: "Il crash di Monza? Max non ha avuto self control"

Il Gran Premio di Monza di domenica scorsa si è concluso in anticipo per Max Verstappen e Lewis Hamilton quando i due sono entrati in contatto alla prima variante e la Red Bull dell’olandese è finita letteralmente sulla Mercedes del sette volte campione del mondo.

Per i due rivali per il titolo questo è stato il secondo duro contatto in pista, avvenuto a tre gare di distanze da quello controverso di Silverstone.

Già nel 1995 i due principali protagonisti della stagione, Michael Schumacher e Damon Hill, erano stati protagonisti di due incidenti proprio sugli stessi tracciati ed il campione del mondo britannico del 1996 ha voluto esprimere il proprio punto di vista su quanto accaduto domenica.

“Penso che quello scontro abbia resto tutto molto avvincente ed affascinante” ha dichiarato Hill a Motorsport.com. “Tuttavia è un peccato che nel nostro sport inevitabilmente la rivalità sfoci in questi incidenti. Non credo sia una dimostrazione di abilità, quanto una mancanza di autocontrollo”.

“Era un contatto evitabile. Bisogna però capire se si è trattato di un errore di valutazione o di una voluta riluttanza ad alzare il piede”.

“Entrambi stanno giocando duro, ma credo che per provare una manovra del genere si debba avere almeno una ruota davanti a quella della monoposto del rivale e Max non si è mai trovato in quella posizione”.

L’ex pilota di Williams, Arrows e Jordan ha poi sottolineato come il momento in cui Verstappen è rimbalzato sul “salsicciotto” posto nella via di fuga della prima variante sia stato determinante per il contatto successivo.

“Una volta che lo colpisci non hai più il controllo della vettura. Aveva la possibilità di tagliare per la via di fuga ed evitare il contatto, ma non l’ha fatto. Forse era consapevole che se non fosse riuscito a superare Lewis sarebbe stato spacciato”.

“Le conseguenze di quell’incidente sono state abbastanza disastrose. Ho visto una foto del casco di Hamilton schiacciato dalla ruota della Red Bull, ma fortunatamente ne è uscito illeso”.

Hill ha poi parlato del risultato storico conquistato dalla McLaren a Monza e la doppietta del team di Woking gli ha ricordato un altro momento incredibile nella storia della F1: la doppietta della Jordan conquistata a Spa nel 1998.

“Qualche giorno fa ho giocato a golf con Zak Brown e sono rimasto affascinato dal modo in cui sia riuscito a cambiare le dinamiche alla McLaren. Ha preso alcune decisioni importanti, ed assumere Andreas Seidl è stata una di queste”.

“La macchina sembra buona. Forse non sarà al livello di Mercedes o Red Bull, ma competitiva ed il team ha trovato una maturità che ha aiutato Daniel Ricciardo domenica”.

condivisioni
commenti
Wolff: "Un 4° motore per Lewis? Forse non sarà necessario"
Articolo precedente

Wolff: "Un 4° motore per Lewis? Forse non sarà necessario"

Prossimo Articolo

F1 2026: i nuovi motoristi chiedono vantaggi per entrare

F1 2026: i nuovi motoristi chiedono vantaggi per entrare
Carica commenti
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021