Hembery: "La soft è veloce, ma la media è ottima per la gara"

La Pirelli ha visto il debutto stagionale della mescola Hard a Barcellona, mentre la Soft viene utilizzata per la prima volta nel Gp di Spagna. I tecnici della Casa milanese stanno indagando sul cedimento avvenuto a Palmer.

Durante le prove libere del Gran Premio di Spagna si è vista per la prima volta in azione nel 2016 la gomma P Zero Orange con la mescola hard. Non è stato l’unico debutto, visto che la P Zero Yellow soft è utilizzata per la prima volta nella gara spagnola.

In linea con quanto visto finora quest’anno, i tempi sul giro sono crollati drasticamente rispetto al 2015, con la pole dello scorso anno già battuta nella prima sessione di prove libere. All’inizio del secondo turno  la Renault di Jolyon Palmer ha registrato la rottura del pneumatico posteriore sinistro. E’ in corso un’analisi della Pirelli per comprenderne le cause.  

Paul Hembery, direttore di Pirelli Motorsport: “La parte europea della stagione inizia con una delle gare più impegnative in assoluto, a Barcellona, pista che i team conoscono bene per i test pre-stagionali. Con le temperature più alte, il graining si è ridotto. Se la soft è molto veloce, oggi anche la media ha mostrato ottime prestazioni e, a giudicare da quanto visto finora nei long run, sembra essere un ottimo pneumatico per la gara”.

FP1 - Miglior tempo per mescola

Gomma Pilota Tempo
Hard Daniel Ricciardo 1'26"405
Medium Nico Rosberg 1'24"454
Soft Sebastian Vettel 1'23"951

FP2 - Miglior tempo per mescola

Gomma Pilota Tempo
Hard   Carlos Sainz 1'27"112
Medium Lewis Hamilton 1'25"607
Soft Nico Rosberg 1'23"922

Gli stint più lunghi

Gomma Pilota Giri
Hard   Carlos Sainz 17
Medium Lewis Hamilton 23
Soft Nico Rosberg 17

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Spagna
Sub-evento Venerdì, prove libere 2
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Articolo di tipo Analisi