Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
17 lug
-
19 lug
Evento concluso
31 lug
-
02 ago
Evento concluso
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
3 giorni
23 ott
-
25 ott
Canceled
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
Canceled
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
115 giorni

Hamilton stellare, Mercedes imprendibile: la Ferrari più staccata che in Spagna!

condivisioni
commenti
Hamilton stellare, Mercedes imprendibile: la Ferrari più staccata che in Spagna!
Di:
23 giu 2019, 17:22

Nel GP di Francia Lewis ha centrato una vittoria che stronca le ambizioni iridate di Bottas. La Scuderia porta a casa un podio con Charles Leclerc, ma la Rossa non ha soddisfatto con i nuovi aggiornamenti tecnici: se a Barcellona il distacco era stato di 9 secondi al Paul Ricard è raddoppiato.

Tutti gli sportivi, ed i piloti non fanno eccezione, hanno bisogno di stimoli. Quando si lotta per raggiungere i massimi traguardi l’obiettivo è sempre ben chiaro, ma quando si è già sul trono, e Lewis Hamilton lo è da tempo, bisogna pensare ad altro per non subire cali di motivazione.

Nel Gran Premio di Francia Hamilton non si è accontentato di far sua la sesta gara stagionale (su otto disputate), quando vincere diventa ordinario si cerca di stravincere, ed è ciò che ha fatto Lewis nei 53 giri del Paul Ricard.

I detrattori del penta-campione britannico (già, esistono anche quelli) puntano sempre il dito nell’unica direzione possibile: guida una Mercedes. Ma c’è modo e modo di guidare una vettura vincente, e Hamilton nel weekend del Castellet è stato l’interprete perfetto della favolosa W10.

Lo dicono i numeri, stellari, ma lo dice anche la stessa Mercedes, che avrebbe interesse a mettere la macchina davanti a tutto. Toto Wolff ha dichiarato sabato che la grandezza di Hamilton sarà valutata come merita solo il giorno in cui appenderà il casco al fatidico chiodo, e che solo allora diventerà chiaro che siamo davanti ad un campione assoluto, forse il miglior pilota di sempre.

Lewis oltre il dovuto

Tornando al Gran Premio di Francia, Hamilton ha messo tutto in chiaro in pochi giri, costruendo un margine giro dopo giro su Bottas in modo implacabile. Raggiunto quello che viene considerato un gap di sicurezza, 6/7 secondi, Hamilton non si è accontentato, spingendo ancora.

L’apice dello show è arrivato nel cinquantatreesimo ed ultimo giro, quando con gomme hard che avevano percorso 40 giri, ha stampato un tempo pazzesco: 1’32”764. Sebastian Vettel, tornato ai box per montare un set di gomme soft nuove, è riuscito a strappare il giro più veloce per… 24 millesimi.

Ma perché Hamilton ha spinto così tanto? Una sfida con sé stesso, ed un messaggio (neanche tanto cifrato) inviato a Bottas. Il finlandese sta guidando molto bene, e per sei gare ha provato a vestire i panni di Hamilton, ritagliandosi anche giorni da ricordare.

Ma due mesi e mezzo dopo sono arrivate le prime crepe (in Canada), diventando dopo due settimane qualcosa simile ad una falla. Salire al livello di Lewis vuol dire camminare su vette altissime, in passato ci ha provato (con successo) Nico Rosberg, ma alla fine di un anno vincente ha detto “basta”, rinunciando a guidare la miglior monoposto in pista e a 40 milioni di euro.

Oltre a Hamilton, ovviamente, anche la Mercedes in terra di Francia ha fatto la differenza. Ad un mese di distanza dal Gran Premio di Spagna la Formula 1 è tornata su una pista dalle caratteristiche simili a quella di Montmelò, e il verdetto è stato il medesimo. Anzi, a ben vedere sul circuito di Catalunya Hamilton aveva inflitto quattro secondi a Bottas, sette a Verstappen e nove a Vettel.

I verdetti di oggi sono stati ben diversi (Lewis ha messo tra sé e il compagno di squadra ben 18 secondi) ma se ci fossero stati in pista due Bottas avremmo assistito ad un arrivo in volata con Leclerc ad un soffio dalla sua prima vittoria in Formula 1.

Leclerc ancora sul podio

Dopo la gara, nella saletta che attende i piloti prima di salire sul podio, Jackie Stewart ha accolto Charles Leclerc con una battuta: “Ragazzo, non hai faticato abbastanza! Guarda, non sei neanche sudato!”.

Quella di Sir Jackie, festeggiato in Francia per i suoi ottant’anni (portati splendidamente), era ovviamente una battuta, perché il monegasco ha dato tutto, salvando il weekend della Ferrari. Come è naturale che sia, Charles sta progressivamente mettendo tutto a fuoco, e se non ci sono imprevisti emerge il suo grande potenziale, come verificato nel weekend francese.

“Leclerc ha fatto un bellissimo weekend, non solo in gara – ha commentato Mattia Binotto - si è battuto fino alla fine, ha gestito bene le sue gomme, oggi non era semplice, ma lui ha gestite bene. Sebastian ha compromesso un pò la sua qualifica, ma credo che anche per lui sia stata una buona gara e una volta liberatosi delle McLaren ha confermato un ritmo come quello delle vetture che lo precedevano”.

Leclerc ad un certo punto ha anche sognato di poter passare una Mercedes (Bottas), ma solo nell’ultima curva prima della bandiera a scacchi gli è stato possibile punzecchiare il finlandese. Cambia comunque poco nella valutazione del suo weekend, un fine settimana in cui la Ferrari ha portato in pista molte novità tecniche che di fatto non sembrano aver fatto la differenza.

Per la Scuderia la speranza è quella di trovare contesti più favorevoli del Paul Ricard in cui evidenziare la bontà degli upgrade, speranza che nutre anche un deluso Vettel, che ha vissuto un fine settimana da comprimario.

“Volevamo ridurre di un bel po' il divario dalla Mercedes e non l'abbiamo fatto – è stato invece l’amaro commento di Vettel – e su questo fronte dobbiamo essere onesti, abbiamo fallito. Ma tutti hanno fatto ciò che era possibile, e alla fine il podio di Charles è abbastanza soddisfacente”.

Quando i weekend di gara non vanno come previsto, il bicchiere mezzo vuoto diventa sempre più ingombrante di quello pieno, e il fine settimana di Seb non è stato (per diversi motivi) dei migliori.

Scorrimento
Lista

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
1/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 sul palco nella fan zone

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 sul palco nella fan zone
2/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Pole man Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia dopo le qualifiche

Pole man Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia dopo le qualifiche
3/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, secondo posto Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terzo posto Charles Leclerc, Ferrari

Podio: il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, secondo posto Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terzo posto Charles Leclerc, Ferrari
4/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
5/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
6/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
7/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
8/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
9/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Meccanici Ferrari con un'ala frontale

Meccanici Ferrari con un'ala frontale
10/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
11/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
13/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
14/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Tifosi Ferrari in tribuna

Tifosi Ferrari in tribuna
15/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
16/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

I primi tre qualificati, Charles Leclerc, Ferrari, il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

I primi tre qualificati, Charles Leclerc, Ferrari, il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
17/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio della paratia dell'ala anteriore

Ferrari SF90, dettaglio della paratia dell'ala anteriore
18/20

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90 dettaglio parte posteriore

Ferrari SF90 dettaglio parte posteriore
19/20

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
20/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Bottas mastica amaro: "Hamilton non è imbattibile, ne sono consapevole"

Articolo precedente

Bottas mastica amaro: "Hamilton non è imbattibile, ne sono consapevole"

Prossimo Articolo

Ricciardo penalizzato di dieci secondi: da settimo scivola all'undicesimo posto

Ricciardo penalizzato di dieci secondi: da settimo scivola all'undicesimo posto
Carica commenti