Hamilton: "Non credo di aver fatto niente di illegale"

L'inglese della McLaren dice di essersi accorto della safety car quando era già affiancato

Hamilton:
Lewis Hamilton è in testa al mondiale con il secondo posto conquistato dietro a Sebastian Vettel. Con il tedesco della Red Bull è forse l'unico che non deve temere di cambiare la sua posizione di classifica nel risultato finale del Gp d'Europa. Il pilota della McLaren è stato sanzionato con un drive through per aver superato la safety car mentre questa stava entrando il pista in seguito allo spaventoso crash di Mark Webber: "Stavo uscendo dalla curva numero uno, letteralmente ero sulla linea della safety car quando mi sono reso conto che la vettura della direzione gara era accanto a me. Ero convinto di averla già passata ed è per questo che ho continuato". Insomma Hamilton è convinto di non aver fatto alcuna manovra al di fuori del regolamento altrimenti non avrebbe esitato a rallentare per riaccodarsi alla safety car. Siccome l'immagine non è stata trasmessa dalla televisione in diretta è stata la protesta di Fernando Alonso, che seguiva da vicino il pilota della McLaren, a scatenare la protesta con Charlie Whiting. Lo spagnolo, infatti, che era imbufalito, ha invitato il suo ingegnere Stella a mettersi in contatto con la direzione gara per segnalare l'anomalo comportamento di Lewis. Il messaggio è partito subito, ma il provvediemento punitivo è stato sanzionato con un ritardo inaccettabile che ha permesso al "moretto" di difendere la seconda posizione nonostante annia scontato un ininfluente drive through. E c'è voluta tutta la faccia tosta di Martin Whitmarsh a dire nel dopo corsa che anche la McLaren è stata penalizzata dalle decisioni della direzione gara, perché Hamilton sarebbe stato in grado di attaccare anche la leadership di Vettel...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio d'Europa
Circuito Valencia Grand Prix Circuit
Piloti Lewis Hamilton
Articolo di tipo Ultime notizie