Hamilton: "Senza la pioggia non avrei mai passato Norris"

Il sette volte campione del mondo è riuscito finalmente a conquistare la vittoria numero 100 in F1, ma ha ammesso che senza l'arrivo della pioggia sarebbe stato impossibile superare Norris.

Hamilton: "Senza la pioggia non avrei mai passato Norris"

Lewis Hamilton può finalmente festeggiare la vittoria numero 100 in Formula 1. Al termine di un Gran Premio di Sochi reso pazzo nei giri finali per l’improvviso scroscio di pioggia costato caro a Lando Norris, il sette volte campione del mondo è riuscito a tornare daccapo sul gradino più alto del podio dopo una assenza durata ben 5 gare.

L’ultimo successo per la Mercedes, infatti, risale al controverso GP di Silverstone e nella gara di casa Lewis era riuscito a mettere l’autografo sulla vittoria numero 99 dopo lo scontro al primo giro con Max Verstappen.

Da allora per la Mercedes è iniziato un periodo fitto di bocconi amari da mandare giù ed anche oggi sembrava che l’appuntamento con la vittoria sarebbe stato daccapo rinviato.

Il grande protagonista della gara, infatti, è stato Lando Norris. Il pilota della McLaren, scattato dalla pole, ha sfiorato l’impresa prima che la pioggia lo beffasse e gli facesse pagare carissima la scelta di non ascoltare i box e restare fuori nei giri conclusivi con gomme slick.

“Ci è voluto tantissimo tempo per arrivare alla centesima vittoria e non ero più sicuro che ce l’avrei fatta”. Sono state queste le prime parole pronunciate da Hamilton al termine di una gara diventata complicata nel finale.

Hamilton ha vissuto una gara dai due volti. La prima parte, con gomme medie, il sette volte campione del mondo non ha per nulla impressionato restando bloccato a lungo dietro la McLaren di Ricciardo, mentre la seconda parte è stata decisamente più competitiva.

Leggi anche:

Montate le Pirelli hard, Lewis ha cambiato passo sino a portarsi alle spalle di Norris nel finale. L’arrivo delle prime gocce di pioggia ha fatto scattare l’allarme in casa Mercedes ed il muretto box ha chiamato subito Lewis al pit per montare le intermedie nonostante i dubbi di Hamilton.

Il sette volte campione del mondo ha voluto rendere il dovuto merito al 21enne della McLaren per la grande gara disputata, sottolineando come senza l’arrivo della pioggia oggi non avrebbe mai avuto la possibilità di passare al comando.

“Lando ha fatto un lavoro fantastico. Ha avuto un passo incredibile. Vincere davanti al mio ex team mi ha lasciato un po' di amaro in bocca. La McLaren sta facendo un lavoro strepitoso. Sarebbe stata dura superare Lando senza la pioggia, ma quando ha iniziato a piovere siamo stati opportunisti”.  

Hamilton ha poi voluto ringraziare il suo team per avergli imposto un cambio gomme rivelatosi fondamentale nell’economia della gara.

“Non sapevo bene cosa sarebbe successo alla fine perché il meteo era un incognita, ma sono grato al team per avermi chiamato al pit. Grazie a loro sono riuscito a conquistare la vittoria numero 100”.

La vittoria numero 100 ha consentito a Lewis di tornare nuovamente al comando della classifica piloti, ma il pilota della Mercedes si aspettava di lasciare Sochi con un margine in classifica su Verstappen ben più ampio dei 2 punti odierni.

L’olandese, scattato dal fondo della griglia, è stato letteralmente baciato dalla fortuna con l’arrivo della pioggia riuscendo a conquistare un inatteso secondo gradino del podio.

 “Max ha fatto un grandissimo lavoro rimontando dall’ultimo al secondo posto e da qui in avanti sarà dura. Per lui questo è un risultato da sogno”.

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes W12 taglia il traguardo
Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes W12 taglia il traguardo
1/8

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M, Lewis Hamilton, Mercedes W12
Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M, Lewis Hamilton, Mercedes W12
2/8

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12, lascia il suo box mentre Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B
Lewis Hamilton, Mercedes W12, lascia il suo box mentre Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B
3/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Lewis Hamilton, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
4/8

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Lewis Hamilton, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
5/8

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes W12
Vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes W12
6/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Lewis Hamilton, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
7/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes arriva in pista
Lewis Hamilton, Mercedes arriva in pista
8/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Hamilton zar a Sochi: 100esima vittoria, ma Verstappen è secondo!

Articolo precedente

Hamilton zar a Sochi: 100esima vittoria, ma Verstappen è secondo!

Prossimo Articolo

Sainz: "La pioggia è arrivata quando stavo finendo le gomme"

Sainz: "La pioggia è arrivata quando stavo finendo le gomme"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021