Hamilton: "Positivo iniziare il weekend in questo modo"

Al termine della seconda sessione di Libere la Mercedes ha monopolizzato i primi due posti nella classifica dei tempi con Bottas e Hamilton. Il britannico si è detto soddisfatto di come è iniziato il weekend ed ha spinto il team a migliorare ulteriormente la W12.

Hamilton: "Positivo iniziare il weekend in questo modo"

Chiuso, si spera, il capitolo di Silverstone con la bocciatura della revisione del giudizio arrivata ieri, quest’oggi la Formula 1 ha iniziato quello che sarà l’ultimo weekend di gara prima della pausa estiva di tre settimane.

Sul tracciato dell’Hungaroring la Mercedes è tornata a fare la voce grossa in occasione delle Libere 2 quando Valtteri Bottas e Lewis Hamilton hanno ottenuto il primo ed il secondo tempo relegando Max Verstappen al terzo posto in classifica con un gap di 3 decimi.

Il finlandese, nonostante le temperature elevate, è riuscito ad esprimersi al meglio, mentre il sette volte campione del mondo ha chiuso il turno con il crono di 1’17’’039 pagando un ritardo di appena 27 millesimi dal finlandese.

Proprio le temperature estreme hanno messo i piloti a dura prova e ad ammetterlo è stato lo stesso Lewis Hamilton.

Il portacolori della Mercedes ha ammesso di aver faticato nell’abitacolo, ma di aver anche accusato problemi di aderenza che spera possano essere risolti domani quando, stando alle previsioni, il caldo torrido dovrebbe diminuire.

“Faceva caldissimo oggi, è stata una giornata fisicamente faticosa. Tra le due sessioni abbiamo perso molto peso, credo 3 Kg, ed anche le gomme hanno sofferto e si scioglievano in pista. È stato davvero difficile trovare il bilanciamento giusto”.

“Ci troviamo in una situazione differente rispetto a quella vissuta nei precedenti appuntamenti dove abbiamo faticato con le gomme anteriori. Questa è una pista totalmente diversa con problemi diversi da affrontare. È stato interessante cercare di capire che strada prendere”.

Nonostante le difficoltà nel trovare un assetto ideale che consentisse alla W12 di garantire un buon livello di aderenza, Hamilton ha ammesso di aver vissuto una giornata positiva. Il primo ed il secondo tempo segnato dai due alfieri della Mercedes hanno fatto iniziare il weekend con il piede giusto al team ed adesso sarà fondamentale proseguire in questa direzione per avere la possibilità di sferrare l’attacco decisivo a Max in classifica.

“Le sensazioni in pista non sono state grandiose. C’è poco grip e si scivola molto a causa del surriscaldamento immediato degli pneumatici, ma siamo tutti sulla stessa barca. Vedere Valtteri e me col primo e secondo tempo è stato positivo. Vogliamo continuare a migliorare e stasera ci metteremo a studiare per migliorare ulteriormente la vettura”.

Anche Valtteri Bottas ha voluto parlare delle difficoltà patite oggi a causa delle temperature elevate, sia a livello fisico che per quanto riguarda il degrado delle coperture.

“Per noi finlandesi non è la temperatura migliore. È complicato gestire le gomme, ma non è andata molto male per noi rispetto agli altri team”.

Anche domani e domenica la Mercedes resterà in vetta alle classifiche? Bottas si è detto fiducioso, ma ha preferito non sbilanciarsi dopo la giornata odierna dato che il programma di lavoro svolto dai rivali potrebbe essere stato differente.

“Ultimamente, però, abbiamo fatto dei miglioramenti quando c’è caldo. Non penso che siamo in una brutta situazione, ma non conosciamo il lavoro che hanno fatto gli altri team oggi”.

condivisioni
commenti
F1, Budapest, Libere 2: le Mercedes suonano Verstappen

Articolo precedente

F1, Budapest, Libere 2: le Mercedes suonano Verstappen

Prossimo Articolo

Verstappen: "Dobbiamo migliorare tutto, ma niente shock"

Verstappen: "Dobbiamo migliorare tutto, ma niente shock"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021