Hamilton perplesso della scelta di Petrov come commissario

Lewis Hamilton afferma di non comprendere il motivo per cui la FIA ha scelto Vitaly Petrov come commissario in Formula 1 questo fine settimana, a seguito delle recenti controversie di cui si è reso protagonista.

Hamilton perplesso della scelta di Petrov come commissario

Quest’anno sia la Formula 1 sia la FIA sono scese in prima linea nella lotta al razzismo, ma Vitaly Petrov in una recente intervista ha dichiarato di non essere d’accordo con il messaggio di inginocchiarsi come segno di protesta prima di ogni gara.

Al sito sportivo russo Championat.com, Petrov aveva affermato: “Onestamente, non comprendo la cerimonia di inginocchiarsi. Nella nostra tradizione, le persone si inginocchiano solo in due occasioni, in un luogo sacro di fronte a Dio o per fare la proposta di matrimonio alla propria futura moglie. Con questo gesto, stanno provando a catturare l’attenzione sulla lotta contro il razzismo, ma la Russia ha una mentalità diversa e non vediamo il problema di cui Hamilton parla. Ci dovrebbe essere rispetto per ognuno, ma credo sia necessario pensare il maniera globale, creando alcune organizzazioni che raccolgano fondi”.

Petrova aveva inoltre aggiunto di non essere rimasto sorpreso nel vedere Lewis Hamilton indossare una t-shirt di Breonna Taylor al Mugello, gesto che ha suscitato polemiche e ha portato a vietare ai piloti di compiere azioni del genere nelle gare successive: “Credo che metà del pubblico non abbia capito il significato di quella t-shirt fino a che non è stato spiegato. Se uno dei piloti rivelasse di essere gay o tirasse fuori una bandiera arcobaleno ed incoraggiasse tutti a diventare gay? Ci possono essere moltissimi esempi”.

La scelta di Petrov come commissario, avvenuta tramite social media con la campagna della FIA #weraceasone ha lasciato perplesso Lewis Hamilton, che si è chiesto per quale motivo sia stato scelto: “Direi che è una sorpresa vedere che è stato selezionato qualcuno che ha queste idee e che le esprime apertamente quando noi invece cerchiamo di lottare contro tutto questo.  Bisognerebbe prendersela con loro, non c’è niente che io possa fare. Ma dovremmo includere qui le persone che sono al passo con i tempi, che comprendono il momento che stiamo vivendo e che siano sensibili ai temi che ci circondano. Non capisco davvero quale sia il loro scopo e perché lui sia qui. È come se non avessero altre alternative valide”.

condivisioni
commenti

Video correlati

Mercedes: perché Hamilton non firma il rinnovo?

Articolo precedente

Mercedes: perché Hamilton non firma il rinnovo?

Prossimo Articolo

Renault: un muso con due cape e flap dell'ala diversi

Renault: un muso con due cape e flap dell'ala diversi
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021