Hamilton: "Pensavo che Vettel si sarebbe difeso più duramente"

Il nono successo stagionale avvicina Lewis al quarto titolo iridato. Hamilton ha dominato l'appuntamento degli Stati Uniti e si è dichiarato sorpreso dalla facilità con la quale ha avuto la meglio del tedesco della Ferrari.

La vittoria numero nove in stagione è forse quella che ha maggiormente espresso il valore di Lewis Hamilton e della Mercedes in questa stagione 2017.

Il tre volte campione del mondo, ormai in stato di grazia da Spa, ha affrontato il weekend di Austin in maniera semplicemente eccellente, dominando tutte le sessioni, e si è regalato un successo netto grazie anche ad una W08 apparsa un gradino sopra la Ferrari.

Il trionfo del Texas, ed il modesto quinto posto di Valtteri Bottas, hanno consentito alla Mercedes di trionfare per il quarto anno consecutivo nella classifica riservata ai costruttori confermando, se mai ce ne fosse bisogno, come il team anglo tedesco sia l'assoluto dominatore della Formula 1 dell'era ibrida.

Hamilton ha voluto rendere omaggio proprio al team per l'ennesimo campionato conquistato, elogiando il duro lavoro svolto e la capacità di restare ancora in vetta nonostante il cambiamento regolamentare entrato in vigore nel 2017.

"Voglio ringraziare tutti i membri del team presenti in pista ed in fabbrica. Abbiamo svolto un lavoro incredibile come mai visto in passato e siamo stati uniti come mai prima. Siamo riusciti a mantenerci al vertice nonostante il cambio regolamentare e questo dimostra la forza del nostro team. Sono fiero di fare parte di questa squadra".

Lewis ha poi analizzato la sua gara, affermando di non aver capito come mai non abbia avuto una partenza efficace tanto quanto quella di Vettel. Il tre volte campione del mondo ha poi stuzzicato il rivale della Ferrari dichiarandosi sorpreso dalla mancata chiusura di Seb in occasione del sorpasso effettuato da Hamilton al sesto passaggio.

"La gara è stata grandiosa, una delle più divertenti degli ultimi tempi. Sebastian è partito meglio di me e non so il perché, ma non mi sono avvilito perché ero consapevole che su questo tracciato è facile superare. La battaglia con Seb è stata molto bella. Cercare di tenere il suo ritmo, di avvicinarsi in zona DRS, mi ha fatto ripensare alla corsa del 2012. Mi sono divertito molto nella rincorsa. L'ho superato proprio nella stessa curva di cinque anni fa. Sono rimasto sorpreso dal fatto che Sebastian non si sia difeso maggiormente, io l'avrei fatto, ma è stato corretto".

Hamilton, infine, ha cercato di trasmettere le sensazioni vissute al volante della propria Mercedes. L'inglese ha affermato di aver goduto alla guida grazie ad un cambiamento della direzione del vento che ha migliorato decisamente la trazione.

 

"La vittoria, comunque, è stata straordinaria anche perché il vento, rispetto alle prove, è cambiato di 180 gradi ed ha reso la pista più divertente nelle sezioni di alta velocità perché avevamo maggiore trazione. Affrontare la snake con il vento contrario è stato fuoco puro. Potevi buttare la macchina da una parte all'altra in modo incredibile. Credo che la vettura abbia trovato le condizioni ottimali un po' come in galleria del vento".

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP degli USA
Sub-evento Domenica, post gara
Circuito Circuito delle Americhe
Piloti Lewis Hamilton
Team Mercedes
Articolo di tipo Intervista