Hamilton non ha intenzione di boicottare il GP del Belgio

Lewis sostiene gli atleti che hanno di fatto fermato i campionati professionistici statunitensi nel corso delle ultime 24 ore, ma poi aggiunge: "Se facessi lo stesso qui non correndo in Belgio, non so che effetto potrebbe avere".

Hamilton non ha intenzione di boicottare il GP del Belgio

Sin dall'avvio del Mondiale 2020 di F1, Lewis Hamilton si è reso protagonista di numerose iniziative per promuovere l'uguaglianza, ma anche combattere il razzismo dopo gli ultimi episodi di violenza occorsi negli Stati Uniti. Parliamo non solo del colore nero delle livree delle Mercedes W11, ma anche delle magliette indossate durante l'inno nazionale dei GP e il gesto simbolico dell'inginocchiarsi, senza contare le parole a supporto del movimento antirazzista nato dopo la morte di George Floyd a Minneapolis lo scorso maggio.

Le violenze della polizia nei confronti di persone di colore sono proseguite anche in queste settimane, non ultimo l'episodio avvenuto in Wisconsin domenica scorsa in cui Jacob Blake è rimasto gravemente ferito dopo essere stato raggiunto da sette colpi di pistola sparati da due agenti di polizia nel corso di un controllo a bordo strada.

Nel corso delle ultime ore, tutti gli atleti dei principali campionati sportivi statunitensi hanno boicottato le gare ufficiali previste come da calendario nel corso delle ultime 24 ore. Parliamo della NBA, della WNBA, delle Major League di Baseball e di Soccer. La prima pietra nello stagno è stata scagliata da alcuni giocatori dei Milwaukee Bucks, franchigia di NBA, che ha avuto come portavoce George Hill - il playmaker della squadra - e Giannis Antetokounmpo, stella greca del team del Wisconsin appena nominata difensore dell'anno.

Lewis Hamilton, tramite la sua pagina Instagram, ha fatto sapere di essere stato orgoglioso della scelta fatta dagli atleti. Alla domanda rivoltagli questo pomeriggio riguardo un suo possibile boicottaggio del GP del Belgio per supportare la causa per cui si è impegnato ed esposto in maniera enorme, Lewis ha risposto: "E' incredibile quello che molti atleti stanno facendo negli Stati Uniti all'interno dei rispettivi sport, ma anche le persone che fanno da contorno come commentatori e addetti ai lavori, per esempio".

"Tante persone sono a fianco dei giocatori e spingono davvero per avere un cambiamento. E' un peccato che tutto questo sia necessario per ottenere una reazione. Ma quello sta accadendo in America, e non so se il fatto che io possa fare qualcosa di simile qui possa avere un effetto particolare. Qui siamo in Belgio, non negli Stati Uniti".

"Non ho parlato con nessuno, ma sono davvero orgoglioso di quello che stanno facendo. Sono con loro e qui cerco di fare quello che posso. Non so come farei a non fare la gara... Qui andremo avanti. Come sport, però, penso si debba essere tutti allineati a quella posizione. Dobbiamo sostenerci l'un l'altro, anche se questo è uno sport differente".

condivisioni
commenti
Verstappen: "Senza la quali mode cambierà poco..."

Articolo precedente

Verstappen: "Senza la quali mode cambierà poco..."

Prossimo Articolo

Leclerc: "Punteremo a fare bene nel tratto guidato"

Leclerc: "Punteremo a fare bene nel tratto guidato"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021