Hamilton: "Mercedes è cresciuta, Red Bull ha del margine"

Lewis Hamilton ha chiuso le FP2 con il miglior tempo ed un margine di 2 decimi su Verstappen, ma il sette volte campione del mondo è certo che la Red Bull oggi abbia giocato a nascondersi.

Hamilton: "Mercedes è cresciuta, Red Bull ha del margine"

La Mercedes è tornata? È questa la domanda che circola nel paddock di Spielberg al  termine della seconda sessione di prove libere che ha visto le W12 affidate a Lewis Hamilton e Valtteri Bottas conquistare il primo ed il secondo posto nella classifica dei tempi.

Una doppietta che non si vedeva da tempo e certamente inattesa su un tracciato che la scorsa settimana è stato il terreno di caccia della Red Bull e di Max Verstappen.

La Mercedes è sembrata aver trovato un assetto ideale e, complici anche le temperature dell’asfalto decisamente inferiori rispetto a 7 giorni fa, Lewis Hamilton ha messo il proprio autografo in cima alla lista dei tempi con il crono di 1’04’’523.

Il vantaggio con il quale l’inglese ha chiuso il turno su Max Verstappen è stato importante, ben 217 millesimi. Un margine che secondo il sette volte campione del mondo, tuttavia, non rispecchia i reali valori in campo.

“Sicuramente loro hanno qualcosa che tireranno fuori, ma noi abbiamo mostrato dei progressi. La Red Bull ha ancora due decimi di vantaggio, mentre noi abbiamo fatto qualche passo avanti anche se non è ancora sufficiente”.

Nelle simulazioni di qualifica la Mercedes W12 ha impressionato positivamente, a differenza della scorsa settimana, ed anche nella simulazione gara la Freccia Nera ha mostrato una gentilezza con le Pirelli che lascia ben sperare per domenica. Meteo permettendo.

Hamilton ha però voluto gettare acqua sul fuoco. Lewis ha infatti sottolineato come la Red Bull abbia girato con un motore non al massimo della cavalleria.

“Sul giro secco mi sono sentito abbastanza bene, ma mi aspetto che la Red Bull salga di potenza usando la mappatura da qualifica. È simile a quella che avevamo noi una volta ed è impressionante vedere quanto riescano a migliorare. Dovremo lavorare duro per essere alla loro altezza”.

Al termine della prima sessione di libere in casa Mercedes era sorto qualche grattacapo a seguito della configurazione aerodinamica più scarica che non aveva fornito i risultati attesi. I tecnici della Stella hanno deciso di non perseverare ed affinare il set-up adottato per il GP della Stiria ottenendo subito un riscontro immediato.

“Nelle FP1 abbiamo faticato un po' perché ho provato differenti set-up per la vettura, ma non ero contento e siamo tornati indietro ad un assetto più simile a quello utilizzato la scorsa settimana con qualche piccolo aggiustamento. Così mi sono sentito più a mio agio con la monoposto”.

“Sono abbastanza contento dell’assetto. Dobbiamo adattare qualcosa ma non dobbiamo stravolgere il set-up”.

Molto soddisfatto anche Valtteri Bottas, oggi autore del secondo crono al termine delle FP2 in 1’04’’712. Il finlandese ha sottolineato come il feeling con la W12 sia stato immediato a differenza della scorsa settimana.

“Oggi mi sono divertito. Ovviamente avendo già corso qua la scorsa settimana non c’è la necessità di dover scoprire il tracciato ma tutto il lavoro è dedicato all’affinamento dell’assetto Credo che abbiamo iniziato il weekend con il piede giusto, almeno per quel che riguarda il feeling con la vettura”.

“Le sensazioni che abbiamo ottenuto oggi sono decisamente migliori rispetto a quelle della scorsa settimana e spero che questa possa essere una ottima base di partenza”.

Bottas ha poi voluto sottolineare come la Red Bull possa godere ancora di un vantaggio di potenza che pone la monoposto del team di Milton Keynes come la vettura di riferimento.

“Come ho detto, il feeling con la monoposto è migliorato ma non ci sono dubbi che loro siano ancora molto forti. Hanno un vantaggio in rettilineo, e questo è il nostro punto debole, ma un quadro chiaro l’avremo in qualifica quando tutti useremo le stesse mappature”.

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
1/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
2/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
3/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Williams FW43B, Valtteri Bottas, Mercedes W12, e Lewis Hamilton, Mercedes W12
Nicholas Latifi, Williams FW43B, Valtteri Bottas, Mercedes W12, e Lewis Hamilton, Mercedes W12
4/12

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
5/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
6/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
7/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
8/12

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
9/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02
Lewis Hamilton, Mercedes W12, Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02
10/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Simbolo Mercedes sul muso della vettura di Lewis Hamilton, Mercedes W12
Simbolo Mercedes sul muso della vettura di Lewis Hamilton, Mercedes W12
11/12

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12
Lewis Hamilton, Mercedes W12
12/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1, Austria, Libere 2: la Mercedes tira fuori le unghie
Articolo precedente

F1, Austria, Libere 2: la Mercedes tira fuori le unghie

Prossimo Articolo

Verstappen: "Mercedes veloci con le mescole più morbide"

Verstappen: "Mercedes veloci con le mescole più morbide"
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021