Hamilton in Malesia centra la pole 70, mentre Vettel è ultimo

condivisioni
commenti
Hamilton in Malesia centra la pole 70, mentre Vettel è ultimo
Di:
30 set 2017, 10:25

La Mercedes coglie la partenza al palo con Hamilton che fissa il nuovo record della psta e precede di 45 millesimi Raikkonen. In seconda fila ci sono le due Red Bull, mentre Vettel non ha girato già in Q1 per la rottura del turbo.

Il destino è crudele: la Ferrari ha dimostrato dimostrato di essere la monoposto più competitiva, ma la pole del GP della Malesia l'ha conquistata Lewis Hamilton che colleziona la 70esima partenza al palo, la quinta a Sepang e la nona della stagione 2017 con una Mercedes W08 che era sembrata più vulnerabile che in altre occasioni, visto che Valtteri Bottas sarà solo quinto in griglia di partenza.

Lewis Hamilton con 1'30"076 (ottenuto nel primo tentativo della Q3) ha siglato il nuovo record della pista, lasciando l'amaro in bocca alla Ferrari visto che Kimi Raikkonen è staccato di appena 45 millesimi dal leader del mondiale.

Il britannico ha fatto tutte le scelte giuste: ha preteso di tornare alla W08 standard, bocciando le soluzioni nuove di un pacchetto aerodinamico che non ha funzionato su una pista che, almeno sulla carta, doveva essere favorevole alle Mercedes, e ci ha messo del suo per mettere la freccia d'argento davanti a tutti, nel giorno in cui Sebastian Vettel è condannato a partire ultimo per la rottura del turbo sulla Rossa nel giro di lancio della Q1.

Il pilota tedesco non è proprio fortunato perché era stato fermato alla fine della terza sessione di prove libere da un problema elettrico del motore 3. I meccanici del Cavallino sono stati bravissimi a sostituirgli la power unit prima della sessione cronometrata. Sulla SF70H era stato assemblato con il nuovo propulsore un vecchio turbo (il numero 3) perché non sarebbe stato possibile montare il più recente sistema di sovralimentazione sul propulsore 4. E a cedere è stato proprio il turbo! Sebastian non è riuscito nemmedo a fare un giro.

Per tenere aperto un mondiale difficile la Ferrari ha preso le decisioni più rischiose, ma tutto ha giocato contro la squadra del Cavallino che ora vede il futuro farsi molto complicato. Kimi Raikkonen con una macchina superiore non è riuscito a mettere in difficoltà Lewis Hamilton: sarà in prima fila e il finlandese dovrà provare a scattare davanti per favorire una rimonta di Vettel dalle retrovie.

In seconda fila ci sono le due Red Bull che non sono mai state in lotta per la pole: Max Verstappen ha centrato la terza posizione con il tempo di 1'30"541 a 465 millesimi dalla Mercedes. L'olandese è stato seguito da Daniel Ricciardo che ha accusato un calo di potenza nell'ultimo run.

E' in piena involuzione Valtteri Bottas: da quando ha firmato il rinnovo del contratto si è perso: il finlandese è un aziendalista e ha accettato di portare avanti lo sviluppo del pacchetto aerodinamico che ha deluso sulla W08. Valtteri ha pagato un distacco da Hamilton di sette decimi, che sono un'eternità fra due macchine uguali.

Positiva la prestazione di Esteban Ocon ottimo sesto (primo degli "altri") con la Force India, mentre Sergio Perez si deve arrendere alla nona posizione. Fra i due piloti del team di Silverstone ci sono l'eccellente Stoffel Vandoorne settimo con la McLaren. Il belga non dispone delle ultime novità aerodinamiche della MCL32, ma è riuscito a rifilare un paio di decimi a Fernando Alonso che chiude la top 10.

Nico Hulkenberg è ottavo con la Renault: il tedesco ha fatto un lavoro onesto con la R.S.31 che nelle ultime gare si era meritata la posizione a ridosso dei tre top team. Questa volta la macchina di Enstone è più indietro, ma non per colpa di Nico...

Fuori dalla top ten Felipe Massa che non è riuscito a entrare in Q3 per 24 millesimi di secondo con la Williams. La monoposto di Grove è in caduta libera come competitività: il brasiliano ha concluso 11esimo e il suo giovane compagno di squadra, Lance Stroll, si è collocato 13esimo pagando tre decimi dal più esperto sudamericano.

Fra le due Williams si è inserito Jolyon Palmer con la seconda Renault ormai all'epilogo della sua esperienza con la squadra di Estone. Hanno deluso le Toro Rosso che ambiscono al quinto posto nel mondiale Costruttori: Carlos Sainz è solo 14esimo, davanti a Pierre Gasly di appena un decimo. Il francese al debutto nel Circus non ha affatto sfigurato, tenuto conto che ha dovuto fare i conti con dei problemi sulla monoposto di Faenza.

Male le due Haas che non sono uscite dalla Q1 con la "Ferrarina": Romain Grosjean, 16esimo con la macchina ricostruita nella notte dopo il botto causato ieri da un tombino che si è aperto su un cordolo, è stato davanti a Kevin Magnussen, mentre Marcus Ericsson dividerà l'ultima fila con Sebastian Vettel, visto che Pascal Wehrlein è 18esimo con la Sauber.

Cla#PilotaChassisMotoreTempoGapkm/h
1 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 1'30.076   221.532
2 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 1'30.121 0.045 221.422
3 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 1'30.541 0.465 220.395
4 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 1'30.595 0.519 220.263
5 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 1'30.758 0.682 219.868
6 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 1'31.478 1.402 218.137
7 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda 1'31.582 1.506 217.889
8 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 1'31.607 1.531 217.830
9 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 1'31.658 1.582 217.709
10 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 1'31.704 1.628 217.600
11 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 1'32.034 1.958 216.819
12 30 united_kingdom Jolyon Palmer  Renault Renault 1'32.100 2.024 216.664
13 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 1'32.307 2.231 216.178
14 55 spain Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Renault 1'32.402 2.326 215.956
15 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Renault 1'32.558 2.482 215.592
16 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 1'33.308 3.232 213.859
17 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 1'33.434 3.358 213.571
18 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 1'33.483 3.407 213.459
19 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 1'33.970 3.894 212.352
20 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari

 

Prossimo Articolo
Vettel: "Mancava potenza al turbo, ma in gara tutto può accadere"

Articolo precedente

Vettel: "Mancava potenza al turbo, ma in gara tutto può accadere"

Prossimo Articolo

Arrivabene: "Se la sfortuna esistesse, con noi sarebbe impegnata"

Arrivabene: "Se la sfortuna esistesse, con noi sarebbe impegnata"
Carica commenti