Hamilton: "Il parabrezza Red Bull? È uno scudo antisommossa!"

Lewis Hamilton boccia la nuova protezione della testa che la Red Bull Racing farà debuttare domani nell'installation lap delle prove libere. Secondo l'inglese il pericolo deve essere una componente del mondo delle corse

A Lewis Hamilton il parabrezza della Red Bull Racing non piace. Lo ha paragonato ad uno scudo antisommossa. Il campione del mondo resta dell’idea che nelle corse ci debba essere una componente di rischio, sebbene sia giusto cercare di migliorare sempre la sicurezza.

"Quando entro in macchina sono consapevole che si corrono dei rischi - ha detto oggi Hamilton - vivo la stessa sensazione da quando avevo otto anni: noi piloti sappiamo che c’è il pericolo e siamo pronti a prenderci dei rischi. È per questo motivo che siamo visti come dei pazzi che possono morire in qualsiasi momento. Ci vuole un po’ di soggezione in quello che si deve fare, altrimenti chiunque potrebbe guidare una Formula 1”.

Lewis è contrario alla soluzione che ha mostrato oggi la Red Bull Racing, ma è disponibile a collaborare per il miglioramento della sicurezza nelle corse…
"Hanno intenzione di chiudere l’abitacolo come un jet da combattimento. Questo parabrezza mi sembra... uno scudo che usa la polizia, uno scudo antisommossa. Magari disponi di una monoposto bella e avveniristica e poi ti trovi seduto dentro a uno brutto scudo antisommossa!"

"L'altra soluzione (l'Halo) in fibra di carbonio aveva una struttura che era certamente migliore, ma Fernando probabilmente non sarebbe stato in grado di uscire dalla sua monoposto nell’incidente di Melbourne”.

Intervista di Adam Cooper

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Russia
Sub-evento Giovedì
Circuito Sochi Autodrom
Piloti Lewis Hamilton
Team Mercedes
Articolo di tipo Ultime notizie