Hamilton: "Ho perso potenza, ma non è la fine del mondo"

Il 7 volte campione del mondo ha percorso solo 3 giri nelle FP2 prima di essere costretto ad accostare per un problema al motore. Lewis dovrà analizzare tutti i dati raccolti da Bottas in preparazione della qualifica e della gara.

Hamilton: "Ho perso potenza, ma non è la fine del mondo"

Dopo la non gara di Spa-Francorchamps che ha visto ridurre il suo vantaggio in classifica su Max Verstappen a seguito della discutibilissima scelta di assegnare metà punteggio, Lewis Hamilton aspettava l’appuntamento di Zandvoort per ristabilire la distanze dall’olandese.

La giornata del venerdì, però, non è andata secondo le aspettative. Al mattino i piloti sono stati costretti a saltare più di metà FP1 a causa di una interruzione di oltre 30 minuti resa necessaria per consentire ai commissari di percorso di rimuovere la monoposto di Vettel rimasta ferma per un problema alla power unit.

Al pomeriggio è toccato a Lewis Hamilton alzare bandiera bianca nei minuti iniziali. Il sette volte campione del mondo è riuscito ad effettuare soltanto tre giri primi di avvisare via radio il suo box di una perdita di potenza per poi accostare la Mercedes W12 a bordo pista.

“Non è stata la giornata ideale, specie per come è finita la seconda sessione. Ho perso potenza ed il team mi ha chiesto di fermare la vettura. Però non è la fine del mondo”.

Su un tracciato inedito per tutti, Hamilton ha potuto percorrere pochissimi giri e sarà così costretto a rincorrere un Max Verstappen che invece ha totalizzato 18 passaggi al mattino e 28 al pomeriggio. Per cercare di non partire in svantaggio dall’olandese, Lewis ha ammesso che nel briefing serale saranno analizzati nel dettaglio i dati raccolti da Bottas in questa giornata.

“Stamattina ho potuto girare solo venti minuti a causa della lunga interruzione con bandiera rossa. Saremo costretti ad inseguire, ma Valtteri è sembrato molto competitivo in entrambi i turni, ha girato tanto e ha tanti dati, soprattutto sul long run, che andremo ad analizzare. Speriamo di recuperare domani il tempo perso”.

Lewis non è parso demoralizzato per l’inconveniente tecnico, ma ha sottolineato come il guasto patito al pomeriggio gli abbia impedito di confrontare le modifiche di assetto effettuate tra le due sessioni.

“Non ho avuto brutte sensazioni alla guida, ma nel secondo turno abbiamo provato delle modifiche che però ho potuto testare soltanto per un giro. È difficile capire quali siano stati gli aspetti positivi e negativi di quella modifica”.

Se dal lato del box di Hamilton c’è un pizzico di amarezza per una giornata buttata al vento, da quello di Bottas ci sono belle sensazioni al termine di questo venerdì.

Il finlandese, che con tutta probabilità a fine anno lascerà la Mercedes, ha ammesso di essersi divertito a guidare su un tracciato molto tecnico come quello di Zandvoort e di aver apprezzato il fatto che i distacchi tra le varie squadre siano estremamente ridotti.

“Spero che dall’esterno sia bello da vedere perché in macchina ci si diverte molto e domani sarà ancora meglio in qualifica. Ci sono molte curve diverse da affrontare a gran velocità ed è grandioso”.

“Non è difficile trovare il ritmo su questa pista ed è stato bello vedere che i distacchi tra le diverse squadre sono piuttosto ridotti”.

L’unica nota amara per Bottas, infine, è stata quella di non aver potuto provare fino in fondo il comportamento della sua Mercedes in simulazione di qualifica.

“Purtroppo non abbiamo avuto modo di effettuare molte simulazioni di qualifica e quando abbiamo provato la simulazione gara l’abbiamo fatto con una sola vettura. Anche se è stata una sessione interrotta da due bandiere rosse abbiamo molti dati da analizzare stasera”.

condivisioni
commenti
Chinchero: "Rosse forti in qualifica è la chiave per il podio"
Articolo precedente

Chinchero: "Rosse forti in qualifica è la chiave per il podio"

Prossimo Articolo

Bobbi: "Differenti approcci per le traiettorie in Curva 3"

Bobbi: "Differenti approcci per le traiettorie in Curva 3"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021