Hamilton: "Ho dato tutto, ma Verstappen era più veloce"

Il sette volte campione del mondo ha ammesso di non aver potuto fare nulla contro lo strapotere di Verstappen e della Red Bull ed adesso è daccapo dietro all'olandese in classifica con 3 punti di ritardo.

Hamilton: "Ho dato tutto, ma Verstappen era più veloce"

Dopo aver assaporato la vetta della classifica, Lewis Hamilton è tornato nuovamente alle spalle di Max Verstappen al termine di un GP di Zandvoort corso sempre nell’ombra del pilota olandese.

Il sette volte campione del mondo ha visto Verstappen scappare ed involarsi subito dopo il via e con la complicità dei suoi ingegneri ha cercato una strategia alternativa che gli potesse consentire di beffare la Red Bull numero 33.

In casa Mercedes, però, oggi si è pasticciato parecchio. In occasione della seconda sosta Lewis è stato mandato nel traffico e via radio il sette volte campione del mondo si è lamentato a lungo con il suo muretto.

Poi, nei giri conclusivi, il team ha richiamato ai box Valtteri Bottas per montare gomme soft sulla monoposto del finlandese. Nonostante l’avvertimento giunto via radio, Bottas ha realizzato il giro più veloce strappando così il punto addizionale al suo compagno di squadra.

Hamilton è stato così costretto ad una terza sosta per montare le mescole più morbide ed impossessarsi nuovamente del giro più veloce all’ultimo passaggio.

Nonostante il caos nelle strategie, Hamilton non è sembrato particolarmente amareggiato quando è sceso dalla sua monoposto ed ha ammesso candidamente come oggi  fosse impossibile battere Verstappen e la Red Bull.

“Devo fare le mi congratulazioni a Max, ha fatto un ottimo lavoro. Io ho dato tutto quello che avevo, ho spinto al massimo dal primo all’ultimo giro ma non potevo andare più veloce di così. La Red Bull oggi era più veloce di noi”.

Hamilton ha vissuto uno dei momenti di maggior tensione in occasione della seconda sosta. Il team, infatti, ha completamente sbagliato il timing della chiamata finendo per far tornare Lewis in pista in mezzo al traffico.

L’inglese ha sottolineato come questa scelta non sia stata ottimale, specie su un circuito decisamente ostico per i sorpassi.

“È stata dura nel traffico, era molto difficile orientarsi. Inseguire chi ti precede non è per nulla semplice su questo tracciato”.

Il sette volte campione del mondo si è visto poi costretto nel finale ad una sosta supplementare per strappare il punto del giro più veloce a Valtteri Bottas. Nonostante questa “incomprensione” con il compagno di squadra, Hamilton ha ammesso di essersi divertito a spingere al massimo su un circuito old style che ha entusiasmato tutti i piloti.

“Il mio ultimo giro è stato uno dei momenti più belli della gara. Questo tracciato è incredibile ed è fantastico provare un giro secco con poco carburante. È diventato uno dei miei circuiti preferiti e non vedo l’ora di tornarci”.

condivisioni
commenti
Ferrari F1-87: più che una vettura, una granata politica
Articolo precedente

Ferrari F1-87: più che una vettura, una granata politica

Prossimo Articolo

Red Bull imprendibile: la Mercedes deve subirne la superiorità

Red Bull imprendibile: la Mercedes deve subirne la superiorità
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021