Hamilton: "eSport? Non servono. Gioco a Call of Duty con Leclerc"

Lewis ha ammesso di non essere un fan delle gare simulate, ma sta collaborando con Gran Turismo e gioca con i colleghi a Call of Duty.

Hamilton: "eSport? Non servono. Gioco a Call of Duty con Leclerc"

Sino a ora Lewis Hamilton è stato assente dai grandi eventi di eSport proliferati in questi mesi, in cui la pandemia da COVID-19 ha costretto all'interruzione tutti i campionati di motorsport e, più in generale, ogni evento sportivo a livello nazionale ed internazionale.

Molti colleghi di Lewis, piloti di F1 compresi, si sono cimentati in simulazioni di gare, mentre Hamilton, come detto, ha preferito non farlo. Il 6 volte iridato, però, non è stato lontano dalle consolle, bensì ha preferito passare il suo tempo sfruttando altri giochi.

Non a caso Lewis ha fatto sapere di aver giocato con altri piloti di F1, ma non certo sfruttando simulazioni virtuali di corse: "Ho giocato a Call of Duty con Charles Leclerc e Pierre Gasly".

Max Verstappen e Lando Norris sono stati tra i piloti più attivi nelle gare simuate. Hamilton ha invece ammesso di non essere attratto da quel tipo di giochi: "Non sono interessato a gare di guida simulata", ha ammesso Lewis in un video Mercedes.

"Ma Gran Turismo e Sony mi hanno appena inviato tutta la postazione. Sono cresciuto giocando a Gran Turismo, spendendo ore e ore a guadagnare soldi per comprare tutte le auto disponibili. E' stata davvero una bella opportunità".

"Per questo ho lavorato con loro negli ultimi 2 anni, ho avuto modo di fare questa sfida, di battere i miei temi. Ho corso da solo, cercando di battere i miei giri migliori. E' stato frustrante da morire, perché i miei giri erano decenti, credo!".

"E' stato davvero bello arrivare in F1. Ho giocato tanto a giochi dedicati alla categoria e non vedevo l'ora di avere una vera monoposto, la mia macchina. Da quando sono arrivato in F1, però, non ho più giocato ad alcun gioco di corse, in particolare di F1. Non so perché".

"In Gran Turismo, fortunatamente, non ho dovuto lavorare per guadagnare la mia auto, perché avrei dovuto impiegare molto tempo. Mi hanno mandato dei crediti e ho comprato la macchina. E' incredibile pensare che l'auto che io e il mio team abbiamo contribuito a far evolvere e costruire negli anni è in questo gioco e che la gente possa guidarla".

Hamilton, però, ha sottolineato come non sia mai stato un grande fan dei simulatori. Per questo passa poco tempo nella struttura all'avanguardia che è stata realizzata nella fabbrica della Mercedes a Brackley.

"Non uso mai i simulatori. lo faccio molto di rado. Con i simulatori è molto difficile perché il movimento non è mai perfetto. E' qualcosa che cercano di migliorare costantemente. Ovviamente se sei a casa e hai il sedile del simulatore che non si muove, e la tua mente ti dice invece che la macchina si muove, non ricevi alcun segnale di movimento".

"Devi andare oltre la tua mente e non mi piace molto farlo attraverso questo processo. Anche perché poi, nella realtà, è tutto completamente differente. Personalmente non trovo che sia un vantaggio usare il simulatore, ma se guardiamo al lato divertente del gioco, quando ci si sfida con le persone online, è la fase positiva".

condivisioni
commenti
Ferrari: Andretti chiama il Cavallino in Indycar
Articolo precedente

Ferrari: Andretti chiama il Cavallino in Indycar

Prossimo Articolo

Austin 2018: il giorno in cui Raikkonen ha zittito le critiche

Austin 2018: il giorno in cui Raikkonen ha zittito le critiche
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021