Hamilton: "Eguagliare il numero di pole di Senna è un onore incredibile"

Il tre volte campione del mondo ha raggiunto Ayrton a quota 65 pole position regalando un giro incredibile ed abbattendo il record del tracciato. Hamilton ha ringraziato tutto il team per lo sforzo fatto nel risolvere i problemi sulla sua monoposto.

Il giorno che Lewis Hamilton ha atteso a lungo è finalmente arrivato. Sul tracciato di Montreal, il tre volte campione del mondo è riuscito a centrare la pole numero 65, eguagliando così il mito Ayrton Senna.

Lewis ha fornito una prestazione straordinaria, esprimendo al meglio tutto il suo talento, andando oltre le performance della Mercedes, fermando il cronometro sul tempo record di 1'11''459 e riscattando in questo modo la delusione vissuta due settimane fa a Monaco.

Hamilton ha voluto prima di tutto ringraziare gli uomini del suo team per l'impegno profuso nel cercare di trovare una soluzione ai problemi che lo hanno afflitto in occasione dell'ultimo appuntamento del mondiale.

"Abbiamo lavorato molto sodo nelle ultime due settimane per cercare di correggere i problemi che abbiamo avuto con la vettura ed i ragazzi si sono impegnati davvero molto, hanno fatto un lavoro fantastico capendo dove abbiamo sbagliato e dove avremmo potuto migliorare".

Lewis ha poi affermato di aver temuto la prestazioni della Ferrari in questa combattuta sessione di Qualifiche. L'inglese, infatti, pensava che le vetture di Maranello avrebbero potuto godere di un boost di potenza del motore, ma la sua precisione di guida oggi non ha consentito alle SF70H di poter replicare al suo crono record.

 

"Sapevamo che questo weekend sarebbe stato molto combattuto, la Ferrari sembrava essere in vantaggio, pensavamo che loro potessero progredire aumentando la potenza della power unit . Su un tracciato cittadino come questo ci sono molti fattori di rischio quando spingi al massimo. Abbiamo costruito la pole giro dopo giro. Quando sono uscito ho cercato di essere sempre costante sapendo che c'erano alcuni punti in cui potevo migliorare".

Sin dalle prime Libere, Hamilton e Bottas hanno spesso compiuto più giri di riscaldamento per cercare di trovare la temperatura di esercizio ottimale degli pneumatici. Oggi il britannico è stato invece incisivo sin dal primo giro, migliorando ad ogni passaggio, spazzando così i dubbi su una Mercedes in difficoltà sul tracciato canadese.

"Far funzionare al meglio la gomma ultrasoft al primo giro non è semplice, è stato un punto sul quale abbiamo lavorato molto. Sapevo che oggi era il giorno in cui avrei dovuto mettere in pratica tutto il lavoro svolto ed ero consapevole che la pole numero 65 mi aspettava e volevo ottenerla su questo tracciato che rappresenta un posto speciale per me. Oggi ha funzionato tutto sin dall'inizio, sono stato molto scorrevole, migliorando ad ogni uscita e nell'ultima curva ho guadagnato molto".

Al termine della sessione Lewis ha poi ricevuto un regalo che lo ha emozionato particolarmente. La famiglia Senna, infatti, ha donato a Lewis il caso utilizzato proprio da Ayrton per celebrare l'impresa del britannico capace di eguagliare lo stesso numero di pole position del brasiliano.

"Vorrei ringraziare la famiglia di Senna per avermi fatto questo regalo. E' un onore incredibile, sono sempre stato un fan di Ayrton ed avere un qualcosa che gli apparteneva è speciale. Non potrei essere più felice sapendo di avere raggiunto il suo stesso numero di pole".  

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP del Canada
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Circuit Gilles-Villeneuve
Piloti Lewis Hamilton
Team Mercedes
Articolo di tipo Intervista