Hamilton: "Dopo Budapest volevo impormi sempre su Bottas"

Il campione del mondo ha rivelato come la gara ungherese sia stata un punto di svolta della stagione. Dopo i controversi ordini di scuderia, Hamilton ha cercato di prevalere sempre su Bottas per non mettere il team nelle condizioni difficili...

Il Gran Premio di Ungheria ha visto Valtteri Bottas precedere in qualifica il compagno di team Lewis Hamilton ed il finlandese, nel corso della gara, aveva ricevuto l'ordine dai box di far passare l'inglese per tentare l'attacco alle Ferrari di Raikkonen e Vettel salvo poi ricevere nuovamente il terzo posto da Hamilton sul rettilineo d'arrivo.

Il quattro volte campione del mondo ha dichiarato come proprio la gara di Budapest sia stavo un punto di volta nella stagione per renderlo determinato ad avere sempre la meglio su Bottas al fine di evitare il ripetersi di ordini impartiti dai box.

Nel corso della consegna dei premi della FIA, Hamilton ha affermato: "E' stato un qualcosa di positivo lasciare passare Valtteri e concludere al quarto posto".

"Sono arrivato alla pausa estiva e mentalmente mi sono imposto di non trovarmi nella posizione di dover far decidere al team chi di noi due si sarebbe dovuto trovare in prima o seconda posizione".

"Da quel momento ho deciso che in ogni occasione mi sarei dovuto trovare davanti per evitare il ripetersi di indicazioni come quelle avvenute a Budapest o simili. Ho appreso quanto accaduto nel corso della prima parte della stagione ed ho messo in pratica gli insegnamenti per la seconda metà".

Dopo il Gran Premio di Ungheria, Hamilton vantava un distacco da Vettel di 14 punti, ma l'inglese è riuscito poi a conquistare cinque successi nelle sei gare seguenti sino a centrare il titolo iridato.

Hamilton, inoltre, dopo il weekend di Budapest, è riuscito a precedere in qualifica Bottas sino alla sessione del Brasile quando, a seguito di un errore, è andato a sbattere.

In occasione della premiazione del 2016, Nico Rosberg aveva scioccato tutti annunciando il proprio ritiro dalle competizioni dopo la conquista del titolo piloti.

Hamilton ha affermato di aver usato questa decisione per motivare il team nel 2017.

"Lo scorso anno abbiamo perso un membro del team perché ha deciso di ritirarsi ed io ho deciso di portare qualcosa di nuovo nella squadra per condurla alla conquista del titolo ed è quello che ho fatto".

Lewis ha poi affermato come la lotta con la Ferrari, dopo tre anni di duelli interni con Rosberg, ha portato una nuova energia in seno alla Mercedes.

"E' stato un duello decisamente divertente. Quando ti trovi in lotta con il tuo compagno di squadra l'energia all'interno del team è totalmente differente".

"Nel corso delle riunioni con gli ingegneri, quando vedevo il lavoro che avevano svolto e quello che avevano pianificato il loro obiettivo era sempre quello di battere la Ferrari e restare il team di riferimento".

"E' stata una situazione diversa rispetto a quella del 2016 dove non importava quale dei due piloti della scuderia avrebbe vinto".

"Ho avvertito delle sensazioni differenti. Quando loro ripongono la fiducia nelle tue qualità per sconfiggere una vettura rivale c'è un impegno diverso da parte di tutti. E' come se le forze dei singoli si unissero per raggiungere un unico obiettivo comune".

Informazioni aggiuntive di Kate Walker

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton
Team Mercedes
Articolo di tipo Intervista