Hamilton critica la F1 per il silenzio sulle ingiustizie razziali

Il campione del mondo in carica Lewis Hamilton ha criticato i suoi colleghi della Formula 1 per aver "taciuto" in mezzo alle continue proteste globali contro le ingiustizie razziale.

Hamilton critica la F1 per il silenzio sulle ingiustizie razziali

Proteste e raduni si sono svolti in tutto il mondo nei giorni scorsi in seguito all'assassinio da parte della polizia di Minneapolis di George Floyd, un uomo di colore disarmato, lo scorso 25 maggio.

Numerose star dello sport e personaggi pubblici di spicco hanno usato le loro piattaforme social per dare sostegno alle proteste in corso e al movimento #BlackLivesMatter, tra cui Hamilton, che ha condiviso numerosi post nei giorni scorsi.

Domenica, Hamilton ha utilizzato Instagram per richiamare la sua industria per aver taciuto sulla questione attraverso un post sulle sue Storie.

"Vedo quelli di voi che stanno in silenzio, alcuni di voi, le più grandi star, eppure state in silenzio in mezzo all'ingiustizia" ha scritto Hamilton. "Non c'è un segno di nessuno nel mio settore, che naturalmente è uno sport dominato dai bianchi. Sono una delle uniche persone di colore, eppure sto in piedi da solo".

"Avrei pensato che a questo punto avresti già capito perché sta succedendo e avresti detto qualcosa a riguardo, ma non puoi stare al nostro fianco. Sappi solo che so chi sei e ti vedo".

Leggi anche:

Il connazionale di Hamilton e pilota di F1 della McLaren, Lando Norris, ha postato un messaggio sulla sua biografia di Twitch: "Firma le petizioni BLM #BLACKLIVESMATTER".

Hamilton ha poi ribadito il suo sostegno a coloro che protestano pacificamente, ma ha aggiunto: "Non ci potrà essere pace finché i nostri cosiddetti leader non faranno un cambiamento".

"Questa non è solo l'America, questa è la Gran Bretagna, questa è la Spagna, questa è l'Italia e tutto il resto. Il modo in cui le minoranze sono trattate deve cambiare, come si educa il proprio paese all'uguaglianza, al razzismo, al classismo, e che siamo tutti uguali".

"Non siamo nati con il razzismo e l'odio nei nostri cuori, è insegnato da coloro che ammiriamo".

Hamilton ha già parlato in precedenza della necessità di una maggiore diversità nell'ambito dell'automobilismo sportivo, dicendo che già in aprile pensava che la situazione fosse "peggiore che mai".

Il sei volte campione del mondo ha detto lo scorso giugno di essere ansioso di lavorare con i leader della F1 per cercare di aiutare a cambiare i paradigmi all'interno dello sport al fine di creare un cambiamento duraturo.

"Voglio davvero, in qualche modo, essere parte del cambiamento di forma della Formula 1, lavorando in collaborazione con la Formula 1 e la FIA" ha detto Hamilton. "Non so perché non ci siano abbastanza studenti universitari, ingegneri, meccanici e anche tra i media, persone provenienti da contesti più differenti".

"Non lo so, è sempre stato così oggi, ma vedo una reale opportunità di partecipare a questo cambiamento di forma. Così, tra vent'anni, voglio guardarmi indietro e, se mai sentissi qualcuno bisbigliare, direbbero che ho fatto parte del cambiamento".

condivisioni
commenti
WRX virtual: Leclerc "Gian Burrasca" tra capottamenti e testacoda

Articolo precedente

WRX virtual: Leclerc "Gian Burrasca" tra capottamenti e testacoda

Prossimo Articolo

UK: restrizioni allentate sulla quarantena. Silverstone si farà

UK: restrizioni allentate sulla quarantena. Silverstone si farà
Carica commenti
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021