Hamilton critica la F1 per il silenzio sulle ingiustizie razziali

Il campione del mondo in carica Lewis Hamilton ha criticato i suoi colleghi della Formula 1 per aver "taciuto" in mezzo alle continue proteste globali contro le ingiustizie razziale.

Hamilton critica la F1 per il silenzio sulle ingiustizie razziali

Proteste e raduni si sono svolti in tutto il mondo nei giorni scorsi in seguito all'assassinio da parte della polizia di Minneapolis di George Floyd, un uomo di colore disarmato, lo scorso 25 maggio.

Numerose star dello sport e personaggi pubblici di spicco hanno usato le loro piattaforme social per dare sostegno alle proteste in corso e al movimento #BlackLivesMatter, tra cui Hamilton, che ha condiviso numerosi post nei giorni scorsi.

Domenica, Hamilton ha utilizzato Instagram per richiamare la sua industria per aver taciuto sulla questione attraverso un post sulle sue Storie.

"Vedo quelli di voi che stanno in silenzio, alcuni di voi, le più grandi star, eppure state in silenzio in mezzo all'ingiustizia" ha scritto Hamilton. "Non c'è un segno di nessuno nel mio settore, che naturalmente è uno sport dominato dai bianchi. Sono una delle uniche persone di colore, eppure sto in piedi da solo".

"Avrei pensato che a questo punto avresti già capito perché sta succedendo e avresti detto qualcosa a riguardo, ma non puoi stare al nostro fianco. Sappi solo che so chi sei e ti vedo".

Leggi anche:

Il connazionale di Hamilton e pilota di F1 della McLaren, Lando Norris, ha postato un messaggio sulla sua biografia di Twitch: "Firma le petizioni BLM #BLACKLIVESMATTER".

Hamilton ha poi ribadito il suo sostegno a coloro che protestano pacificamente, ma ha aggiunto: "Non ci potrà essere pace finché i nostri cosiddetti leader non faranno un cambiamento".

"Questa non è solo l'America, questa è la Gran Bretagna, questa è la Spagna, questa è l'Italia e tutto il resto. Il modo in cui le minoranze sono trattate deve cambiare, come si educa il proprio paese all'uguaglianza, al razzismo, al classismo, e che siamo tutti uguali".

"Non siamo nati con il razzismo e l'odio nei nostri cuori, è insegnato da coloro che ammiriamo".

Hamilton ha già parlato in precedenza della necessità di una maggiore diversità nell'ambito dell'automobilismo sportivo, dicendo che già in aprile pensava che la situazione fosse "peggiore che mai".

Il sei volte campione del mondo ha detto lo scorso giugno di essere ansioso di lavorare con i leader della F1 per cercare di aiutare a cambiare i paradigmi all'interno dello sport al fine di creare un cambiamento duraturo.

"Voglio davvero, in qualche modo, essere parte del cambiamento di forma della Formula 1, lavorando in collaborazione con la Formula 1 e la FIA" ha detto Hamilton. "Non so perché non ci siano abbastanza studenti universitari, ingegneri, meccanici e anche tra i media, persone provenienti da contesti più differenti".

"Non lo so, è sempre stato così oggi, ma vedo una reale opportunità di partecipare a questo cambiamento di forma. Così, tra vent'anni, voglio guardarmi indietro e, se mai sentissi qualcuno bisbigliare, direbbero che ho fatto parte del cambiamento".

condivisioni
commenti
WRX virtual: Leclerc "Gian Burrasca" tra capottamenti e testacoda
Articolo precedente

WRX virtual: Leclerc "Gian Burrasca" tra capottamenti e testacoda

Prossimo Articolo

UK: restrizioni allentate sulla quarantena. Silverstone si farà

UK: restrizioni allentate sulla quarantena. Silverstone si farà
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021