Formula 1
02 lug
-
05 lug
Gara in
08 Ore
:
00 Minuti
:
32 Secondi
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
31 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
117 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
131 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
145 giorni

Hamilton critica la F1 per il silenzio sulle ingiustizie razziali

condivisioni
commenti
Hamilton critica la F1 per il silenzio sulle ingiustizie razziali
Di:
, Grand prix editor
1 giu 2020, 07:50

Il campione del mondo in carica Lewis Hamilton ha criticato i suoi colleghi della Formula 1 per aver "taciuto" in mezzo alle continue proteste globali contro le ingiustizie razziale.

Proteste e raduni si sono svolti in tutto il mondo nei giorni scorsi in seguito all'assassinio da parte della polizia di Minneapolis di George Floyd, un uomo di colore disarmato, lo scorso 25 maggio.

Numerose star dello sport e personaggi pubblici di spicco hanno usato le loro piattaforme social per dare sostegno alle proteste in corso e al movimento #BlackLivesMatter, tra cui Hamilton, che ha condiviso numerosi post nei giorni scorsi.

Domenica, Hamilton ha utilizzato Instagram per richiamare la sua industria per aver taciuto sulla questione attraverso un post sulle sue Storie.

"Vedo quelli di voi che stanno in silenzio, alcuni di voi, le più grandi star, eppure state in silenzio in mezzo all'ingiustizia" ha scritto Hamilton. "Non c'è un segno di nessuno nel mio settore, che naturalmente è uno sport dominato dai bianchi. Sono una delle uniche persone di colore, eppure sto in piedi da solo".

"Avrei pensato che a questo punto avresti già capito perché sta succedendo e avresti detto qualcosa a riguardo, ma non puoi stare al nostro fianco. Sappi solo che so chi sei e ti vedo".

Leggi anche:

Il connazionale di Hamilton e pilota di F1 della McLaren, Lando Norris, ha postato un messaggio sulla sua biografia di Twitch: "Firma le petizioni BLM #BLACKLIVESMATTER".

Hamilton ha poi ribadito il suo sostegno a coloro che protestano pacificamente, ma ha aggiunto: "Non ci potrà essere pace finché i nostri cosiddetti leader non faranno un cambiamento".

"Questa non è solo l'America, questa è la Gran Bretagna, questa è la Spagna, questa è l'Italia e tutto il resto. Il modo in cui le minoranze sono trattate deve cambiare, come si educa il proprio paese all'uguaglianza, al razzismo, al classismo, e che siamo tutti uguali".

"Non siamo nati con il razzismo e l'odio nei nostri cuori, è insegnato da coloro che ammiriamo".

Hamilton ha già parlato in precedenza della necessità di una maggiore diversità nell'ambito dell'automobilismo sportivo, dicendo che già in aprile pensava che la situazione fosse "peggiore che mai".

Il sei volte campione del mondo ha detto lo scorso giugno di essere ansioso di lavorare con i leader della F1 per cercare di aiutare a cambiare i paradigmi all'interno dello sport al fine di creare un cambiamento duraturo.

"Voglio davvero, in qualche modo, essere parte del cambiamento di forma della Formula 1, lavorando in collaborazione con la Formula 1 e la FIA" ha detto Hamilton. "Non so perché non ci siano abbastanza studenti universitari, ingegneri, meccanici e anche tra i media, persone provenienti da contesti più differenti".

"Non lo so, è sempre stato così oggi, ma vedo una reale opportunità di partecipare a questo cambiamento di forma. Così, tra vent'anni, voglio guardarmi indietro e, se mai sentissi qualcuno bisbigliare, direbbero che ho fatto parte del cambiamento".

Prossimo Articolo
WRX virtual: Leclerc "Gian Burrasca" tra capottamenti e testacoda

Articolo precedente

WRX virtual: Leclerc "Gian Burrasca" tra capottamenti e testacoda

Prossimo Articolo

UK: restrizioni allentate sulla quarantena. Silverstone si farà

UK: restrizioni allentate sulla quarantena. Silverstone si farà
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Lewis Hamilton Acquista adesso
Autore Luke Smith