Hamilton: "Sapevo Max sarebbe stato duro, ma ho lasciato spazio"

Lewis Hamilton vince il Gran premio di Gran Bretagna davanti alla Ferrari di Leclerc. Terzo Bottas, mentre Verstappen è stato costretto al ritiro al primo giro proprio a causa di un incidente con l'inglese.

Hamilton: "Sapevo Max sarebbe stato duro, ma ho lasciato spazio"

Pomeriggio ricchissimo di emozioni, in quel di Silverstone. A dettare legge è Lewis Hamilton, protagonista della domenica del GP di Gran Bretagna di Formula 1. L'inglese, idolo locale, conquista la sua novantanovesima vittoria in carriera, l'ottava ottenuta sul vecchio aeroporto della RAF.

Leggi anche:

Partito secondo dopo il risultato della sprint qualifyng del sabato, Hamilton ha dato battaglia sin dai primi metri al poleman, Max Verstappen. Tra i due si è scatenato subito un duello d'altri tempi, che li ha visti percorrere appaiati più di un tratto della pista sino al contatto in ingresso della Copse, dove la Red Bull dell'olandese ha avuto la peggio finendo pesantemente contro le barriere, impattando ad oltre 50G di forza.

Dopo la necessaria bandiera rossa per sistemare al meglio la via di fuga e ripulire il tracciato, alla ripartenza Hamilton è stato vittima di una penalità di 10 secondi comminatagli dal collegio giudicante. Una volta scontata, Lewis si è messo in caccia della Ferrari di Leclerc, piegando la resistenza del monegasco a due giri dal termine e rilanciandosi in classifica mondiale.

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

"Sapevo che mi sarei dovuto confrontare con un avversario duro e tenace come Max, oggi mi sono affiancato a lui e penso di avergli lasciato spazio. Ho incassato la penalità che mi hanno dato, poco conta se sia d'accordo o meno, ed ho continuato a lavorare girando al mio meglio e godendomi il pubblico" dichiara Hamilton al microfono dell'ex compagno di team Jenson Button una volta giunto al parco chiuso dopo una lunga passeggiata sotto gli spalti armato di Union Jack.

Hamilton è consapevole di non avere, al momento, la vettura più performante dello schieramento e nemmeno lui ne fa mistero, ammettendo di aver lavorato sodo in vista della preparazione della corsa di Silverstone. "Non avrei potuto raggiungere questo risultato senza il lavoro di squadra, sia da parte di Valtteri che da parte di tutto il team. Ho dato tutto in questo week end, per tutta la settimana sono andato a Brackley cercando di estrarre quei decimi in più di prestazione. Sono fiero di tutti i ragazzi: siamo indietro ma sappiamo di dover recuperare".

Hamilton, giustamente, non si sottrae ad un abbraccio virtuale del suo pubblico, arrivato a riempire le tribune di Silverstone con oltre 350.000 biglietti staccati nella tre giorni di F1. "Abbiamo davvero il pubblico del mondo, sono grato ai fan. Mi hanno spinto per tutto il tempo".

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Lewis Hamilton, Mercedes W12

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Lewis Hamilton, Mercedes W12

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Sono state profetiche le parole dell'inglese pronunciate la sera di sabato, al termine della sprint qualifyng, dove si è dovuto arrendere alla supremazia della RB16B di Verstappen. "Domani saremo pronti a lottare, ma devo dire che loro sono davvero forti. Max in gara è riuscito a staccarmi e non ho potuto fare nulla per tenere il suo ritmo. Ha fatto una partenza davvero grandiosa. Noi abbiamo perso qualcosa anche in termini di motore quest'anno, quindi dovremo lavorare sodo per cercare di recuperare questa posizione, anche se non sarà affatto semplice".

Ora sono solamente otto i punti che separano Max Verstappen - che rimane leader del mondiale - da Lewis Hamilton.

 

 

condivisioni
commenti
F1 Silverstone: Hamilton beffa Leclerc nel punto del botto di Verstappen!

Articolo precedente

F1 Silverstone: Hamilton beffa Leclerc nel punto del botto di Verstappen!

Prossimo Articolo

Amarezza Leclerc: "Ho dato il massimo, ma non è bastato"

Amarezza Leclerc: "Ho dato il massimo, ma non è bastato"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021