Hakkinen: "Bottas merita maggior credito per ciò che ha fatto"

Il due volte campione del mondo ha analizzato il percorso di Valtteri Bottas in Mercedes ed ha paragonato la sfida del suo connazionale a quella che ha vissuto in McLaren quando al suo fianco c'era Ayrton Senna.

Hakkinen: "Bottas merita maggior credito per ciò che ha fatto"

Sono affascinato da ciò che serve per avere successo in Formula 1. È uno dei motivi per cui continuo a seguire il campionato così da vicino, e dopo aver letto e sentito alcuni commenti ingiusti su Valtteri Bottas, credo valga la pena dare un giudizio basato sulla mia esperienza personale.

So cosa significa correre contro il miglior pilota di una generazione - nel mio caso, Ayrton Senna - e aver lavorato con compagni di squadra molto forti durante la mia carriera. Da Johnny Herbert a Martin Brundle, da Mark Blundell a Nigel Mansell e, naturalmente, David Coulthard.

Nessuno di loro era lento. Tutti erano molto veloci e capaci. È molto facile parlare di qualcuno che è campione del mondo, che vince sempre, e poi criticare il suo compagno di squadra. È un paragone facile, ma che non prende in considerazione il quadro generale di ciò che significa essere la metà di una squadra vincitrice di un campionato. Ho vinto due campionati del mondo in parte perché Coulthard era un compagno di squadra così forte.

Quando la McLaren mi ha messo accanto ad Ayrton Senna è stata un'opportunità fantastica, ma una sfida enorme. Improvvisamente era la mia esperienza contro quella di Ayrton. E cos'è l'esperienza? È il numero di giri che hai fatto, la tua capacità di studiare i dati, o quanto sei abile e intelligente su ciò che sta succedendo all'interno della squadra?

Podio: il vincitore della gara Ayrton Senna, McLaren, il terzo classificato Mika Hakkinen, McLaren

Podio: il vincitore della gara Ayrton Senna, McLaren, il terzo classificato Mika Hakkinen, McLaren

Photo by: Sutton Images

In realtà si tratta di tutte queste cose. Mi sono reso conto durante la mia carriera che ogni meccanico, ingegnere o tecnico dei dati lavora in modo specifico, e nell'ambiente intenso della Formula 1 anche un piccolo cambiamento nel personale può avere un impatto sulle prestazioni.

Cambiare le dinamiche umane può essere importante quanto cambiare il set-up della vettura. La gente mi ricorda sempre di aver superato Ayrton nella mia prima gara in McLaren, mentre in pochi chiedono a Valtteri delle 17 volte che ha superato Lewis. Per qualche motivo il mio risultato è stato considerato difficile, mentre se si guida una Mercedes è facile.

Sono stato compagno di Ayrton solo per tre gare, ma mi ha insegnato tanto sia per capire come ottenere le migliori prestazioni dalla mia auto che per comprendere come funziona un team ed il modo in cui una squadra concentra i suoi sforzi.

Durante la mia carriera ci sono stati momenti in cui, per esempio, non riuscivo a far funzionare le gomme mentre il mio compagno di squadra era improvvisamente più veloce di sette decimi. Anche con le gomme più morbide ti ritrovi a fare gli stessi tempi di un set di gomme dure. È una sensazione terribile e cominci a guardare tutte i dati - temperature, pressioni, assetto dell'auto - cercando di scoprire cosa sta facendo il tuo compagno di squadra.

So come ci si sente ad adottare il set up del tuo compagno di squadra sulla tua auto, trovarsi in difficoltà alla guida ma riuscire a staccare un tempo sul giro mezzo secondo più veloce. Fa tutto parte della curva di apprendimento. Ti insegna ad avere una mentalità aperta nei confronti del tizio dall'altra parte del garage e a diventare meno egoista.

Questo lavoro di squadra tra i piloti è un aspetto davvero importante per un top team. Mercedes sa meglio di chiunque altro cosa può succedere quando hai due piloti che combattono tra loro in un modo che può essere distruttivo. Parte del lavoro di Valtteri, da quando si è unito a loro, è stato quello di lavorare accanto a Lewis, spingere il più possibile, ma mantenere la comunicazione.

Valtteri Bottas, Mercedes, 2° classificato, nel Parco Chiuso

Valtteri Bottas, Mercedes, 2° classificato, nel Parco Chiuso

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

Generare un'atmosfera positiva nella squadra e tirare nella stessa direzione è una qualità vitale. È importante quando si è la squadra dominante, ma diventa un fattore ancora più incisivo quando si deve sfidare una concorrenza dura o, come accadrà nel 2022, arriverà un regolamento completamente nuovo. Regolamenti che contano sul fatto che i due piloti lavorino più che mai in sintonia per dare alla squadra una base solida su cui progredire.

Solo un compagno di squadra può vincere il campionato del mondo, e per farlo di solito deve vincere più gare di tutti gli altri. Questo include anche battere il proprio compagno di team. Quando siete entrambi nella stessa macchina, questa battaglia non è mai facile. Come campione del mondo inevitabilmente costruisci la squadra intorno a te, lasciando il tuo compagno di squadra con molto più lavoro da fare.

Quando correvo mi lamentavo sempre, soprattutto con il mio manager Keke Rosberg. Penso che sia stata una cosa generazionale. Dicevo che questo o quello non andava bene nella squadra, e Keke mi diceva di stare zitto e di puntare i piedi.

Ora viviamo in un'epoca molto diversa, in cui team e piloti possono contare su analisi molto più dettagliate, e questo elemento ha anche portato un grande rispetto per la sfida che devono affrontare le seconde guide.

Non è facile affontare una Sprint Qualifying per sostenere il tuo compagno di squadra, come ha fatto Valtteri a Silverstone quando ha dato un traino a Lewis, o cedere il passo durante una gara in modo che la strategia della squadra possa essere massimizzata. Mercedes ha un approccio molto equo, e Valtteri sa che il suo lavoro è quello di battere la concorrenza del team, soprattutto ora che Red Bull e Honda hanno fatto un grande passo avanti.

Dal passaggio dalla Williams alla Mercedes so che Valtteri non ha mai smesso di spingere, imparare e svilupparsi come pilota. Ha ottenuto nove podi per Williams e li ha aiutati a chiudere al terzo posto nel campionato mondiale costruttori per due anni consecutivi, ma ha anche capito che Mercedes era su un livello completamente diverso e rappresentava una sfida molto diversa.

Quando sono passato dal Team Lotus alla McLaren è stata un'esperienza simile. Sapevo di essere nel posto giusto, con le persone giuste e tutta la più moderna tecnologia intorno a me. Tuttavia, quando si entra in una squadra dove le persone sanno come avere successo, si ha così tanto da imparare.

Valtteri Bottas, Mercedes W12

Valtteri Bottas, Mercedes W12

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri ha avuto lo stesso approccio. Come compagno di squadra di Lewis si trova il rivale più formidabile accanto a lui. È stato incredibile vedere come Valtteri ia rimasto calmo, controllato e determinato, quanto duramente abbia continuato a lavorare nonostante la sfida e le facili critiche. Si concentra ogni fine settimana dando il meglio di sé per la squadra.

C'è un mito popolare secondo il quale vincere i gran premi è facile quando si ha la macchina migliore. Questo, però, non rappresenta la realtà perché non c'è niente di facile nel vincere in F1 ed ancora più difficile quando hai un pluricampione del mondo accanto a te nel garage. Io ho vinto venti gare, mentre Valtteri nove.

Per qualsiasi squadra che mira a recitare un ruolo da protagonista nel campionato del mondo, il grado di armonia e concentrazione tra i suoi piloti è un ingrediente importante. È uno dei motivi per cui sono certo che Valtteri merita maggior credito per il lavoro che ha fatto.

condivisioni
commenti
F1: in vendita i biglietti per il GP d'Italia a Monza

Articolo precedente

F1: in vendita i biglietti per il GP d'Italia a Monza

Prossimo Articolo

Leclerc: "La Ferrari ha preso la direzione giusta"

Leclerc: "La Ferrari ha preso la direzione giusta"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021