Haas VF-21 senza gettoni ma con novità aerodinamiche

La squadra americana ha portato in pista due piloti debuttanti: Mick Schumacher e Nikita Mazepin hanno proseguito il loro apprendistato nel mondo dei GP guidando una Haas senza pretese. La VF-21 non ha giocato alcun gettone di sviluppo, ma ha introdotto una serie di modifiche aerodinamiche nel tentativo di recuperare una parte del carico perduto con le nuove regole. Vediamo come...

Haas VF-21 senza gettoni ma con novità aerodinamiche

La Haas VF-21 è andata meno peggio del previsto. La squadra americana ha portato al debutto due piloti rookie su una monoposto che non è stata particolarmente evoluta rispetto a quella che ha chiuso la stagione scorsa al nono posto del mondiale Costruttori.

Mick Schumacher e Nikita Mazepin in tre giorni di test hanno totalizzato 2.132 km, risultando la quinta squadra a coprire la maggiore distanza, chiudendo nella lista dei tempi in una morsa la Williams di Nicholas Latifi.

Il russo, favorito dal poter girare nel pomeriggio dell’ultimo giorno, ha rifilato mezzo secondo di distacco al campione della Formula 2, ma l’apprendimento dei due è stato elogiato dal team principal Gunther Steiner.

Va detto che la VF-21 non ha beneficiato dei due gettoni di sviluppo concessi dalla FIA, ma la Haas ha adeguato la macchina alle nuove regole aerodinamiche introducendo alcune soluzioni che evidenziano comunque un lavoro di sviluppo.

Mick Schumacher, Haas VF-21

Mick Schumacher, Haas VF-21

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Nel tentativo di ritrovare una parte della downforce perduta lo staff di Ben Agathangelou, capo aerodinamico, ha cercato anche delle soluzioni semplici: il supporto dello specchietto retrovisore che si ancora alla pancia è stato arcuato in modo tale da aumentare leggermente la spinta verticale, proprio come la svergolatura che si nota nel bordo d’uscita della parte mediana della paratia laterale dell’ala posteriore.

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

La Haas si distingue anche per la scelta insolita di aver reso un unico elemento il barge board con il deviatore di flusso laterale. La squadra americana era stata la prima, lo scorso anno, a introdurre la “veneziana” di flap fra il candelabro a ponte e l’elemento verticale che faceva da supporto al boomerang.

Ora che tutti i team più importanti si sono orientati a quella soluzione, in Haas hanno pensato bene di inaugurare un nuovo concetto aerodinamico che protende i due boomerang sovrapposti fino ai lati delle pance, cercando di laminare il flusso che arriva dalla parte anteriore della monoposto verso tre deviatori orizzontali legati fra loro da elementi metallici..

Si tratta di un’idea ancora in una fase sperimentale, visto che si sono viste diverse parti in veste non ancora definitiva, come il braccio che si estende verso il fondo aprendosi in una sorta di paletta.

Il fondo, dal deviatore di flusso fino a metà macchina, mostra un “labbro” piuttosto pronunciato, sormontato da un paio di soffiaggi longitudinali, seguendo un concetto che va per la maggiore nel tentativo di riprodurre la “minigonna pneumatica” che la FIA ha cercato di di far sparire dalla scena abolendo le aperture sul marciapiede e i binari sul bordo d’uscita.

Haas VF-21, dettaglio del diffusore con più espansione a confronto con la versione 2020

Haas VF-21, dettaglio del diffusore con più espansione a confronto con la versione 2020

Photo by: Uncredited

Anche nel diffusore posteriore si è cercata una maggiore espansione del flusso rispetto alla soluzione che era stata usata nel 2020.

Grande attenzione è stata posta nella comprensione delle gomme Pirelli 2021 dotate di una nuova costruzione più rigida. Durante i test sono state montate due telecamere che riprendevano gli pneumatici: la prima sul supporto della camera car sul muso e la seconda sulla carenatura della camera a lato dell’airbox.

Guardando le immagini non è sfuggita nella sospensione anteriore la presenza di un bracket a sostegno del puntone del push rod con una maggiore estensione rispetto alla versione del 2020.

condivisioni
commenti
McLaren stupita che nessuno abbia pensato il suo diffusore

Articolo precedente

McLaren stupita che nessuno abbia pensato il suo diffusore

Prossimo Articolo

Raikkonen e il quasi crash con Sainz: "Non sapevo fosse lì"

Raikkonen e il quasi crash con Sainz: "Non sapevo fosse lì"
Carica commenti
Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft" Prime

Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft"

In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano quanto visto nel venerdì di prove libere del GP di Francia. Tante sorprese e tante novità tecniche in un tracciato che "in teoria" sarebbe favorevole a Mercedes, eppure...

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo" Prime

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano le prove libere del venerdì del GP di Francia di Formula 1. Red Bull in testa con Verstappen, ma le Mercedes possono cambiare marcia in qualifica. Da tenere d'occhio il prosieguo di weekend dell'Alpine.

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo" Prime

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo"

Torna Debriefing F1, programma podcast di Motorsport.com con cui Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano le prove libere del GP di Francia al Paul Ricard. Buon ascolto!

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Formula 1
17 giu 2021
Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Formula 1
17 giu 2021
Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Formula 1
17 giu 2021
Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021