F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Haas ripropone l'ala anteriore provata in Cina

La Haas riporta in pista nelle prove libere di Sochi l'ala anteriore che Romain Grosjean aveva bocciato a Shanghai: secondo i tecnici del team americano la monoposto dovrebbe essere meno sensibile alle variazioni di altezza.

La Haas ripropone l'ala anteriore che Romain Grosjean aveva bocciato in Cina dopo averla valutata nelle prove libere. La squadra americana ha deciso di non buttare a mare il primo sviluppo aerodinamico introdotto a Shanghai che non aveva dato i risultati che i tecnici diretti da Rob Taylor si aspettavano.

La trasferta in Estremo Oriente non è stata troppo fortunata per il team USA che vuole riprendere il filo con le gare precedenti: ecco perché l'ala anteriore con le tre derive verticali montate sull'Upper flap in luogo dell'unica che si era vista nell'Emirato torna d'attualità a Sochi. Ma l'aspetto più caratteristico è certamente il flap aggiuntivo dall'andamento svergolato che si nota nella parte più interna che ha bisogno di un supporto sul profilo proncipale per evitare le possibili flessioni.

Secondo gli aerodinamici della Haas questa soluzione dovrebbe rendere l'anteriore della VF-16 meno sensibile alle variazioni di altezza...

Haas F1 Team VF-16, l'ala anteriore
Haas F1 Team VF-16, l'ala anteriore vista in Cina sarà riproposta anche in Russia

Photo by: Giorgio Piola

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Russia
Sub-evento F.1 Analisi tecnica di Giorgio Piola
Circuito Sochi Autodrom
Piloti Romain Grosjean , Esteban Gutiérrez
Team Haas F1 Team
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola