Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
53 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
60 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
88 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
102 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
109 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
123 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
137 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
158 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
165 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
221 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
242 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
249 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
277 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
312 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Haas: l'ala anteriore con l'attacco a due... punte

condivisioni
commenti
Haas: l'ala anteriore con l'attacco a due... punte
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
5 set 2019, 11:59

La squadra americana ha portato a Monza due differenti ali anteriori: rispetto a quella scarica vista a Spa c'è una seconda versione più estrema che permette di ridurre la resistenza all'avanzamento cercando le velocità massime.

La Haas porta anche a Monza la VF-19 più evoluta dal punto di vista aerodinamico in attesa di decidere il da farsi sulle piste a più alto carico come sarà il caso di Singapore, la gara che farà seguito a quella di Monza.

La squadra americana, per i lunghi rettilinei del GP d’Italia, ha preparato un’ala anteriore scarica piuttosto interessante che sarà messa a confronto con quella più tradizionale visibile più in basso nella foto.

Gli aerodinamici della Dallara guidati da Ben Agathangelou, infatti, hanno pensato bene di collegare due flap supplementari alla porzione esterna del secondo elemento aggiuntivo, riducendo in modo sensibile la resistenza all’avanzamento per sfruttare la potenza del motore Ferrari Evo3 che ha fatto il suo debutto su entrambe le vetture a Spa-Francorchamps.

Prossimo Articolo
Maldonado rivela: "Mi aspettavo di andare alla Ferrari nel 2014"

Articolo precedente

Maldonado rivela: "Mi aspettavo di andare alla Ferrari nel 2014"

Prossimo Articolo

Toro Rosso: ala scarica e motore Honda spinto

Toro Rosso: ala scarica e motore Honda spinto
Carica commenti