Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in corso . . .

Grazie all’Halo le monoposto 2018 peseranno 5 kg in più

condivisioni
commenti
Grazie all’Halo le monoposto 2018 peseranno 5 kg in più
Di:
31 lug 2017, 13:13

Nella riunione dei direttori tecnici che si è tenuta domenica a Budapest, la FIA ha deciso di ritoccare il peso minimo delle macchine e i team hanno accettato la proposta. Discussi anche gli effetti aerodinamici della nuova protezione della testa.

Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid with the Halo cockpit cover
Max Verstappen, Red Bull Racing RB12, con il dispositivo Halo
TV screen in the Press Conference for the Halo device
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11 con il dispositivo Halo
Sergio Perez, Sahara Force India F1 VJM09, con il dispositivo Halo
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 sits in his car with the halo attached
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H running the Halo cockpit cover
Sebastian Vettel, Ferrari, con la versione aggiornata dell'Halo installata sulla SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H con il cockpit system F1 Halo
L'Halo usato sulla Ferrari SF16-H
Laurent Mekies, F1 Deputy Race Director, FIA, Charlie Whiting, Race Director FIA e Matteo Bonciani, Capo delle Comunicazioni FIA e Delegato Media, tengono una conferenza stampa sull'introduzione dell'Halo
Jolyon Palmer, Renault Sport F1 Team RS16 con il dispositivo Halo
Felipe Nasr, Sauber C35 with the Halo cockpit cover

L’Halo è stato accettato anche dalle squadre che si erano dichiarate contrarie nella consultazione che aveva accompagnato la sua introduzione nell’ultimo Strategy Group, durante il quale la FIA non ha voluto sentire storie, facendo valere le ragioni di sicurezza per imporlo dal 2018 sulle monoposto di Formula 1.

Meeting a Budapest dei direttori tecnici

Domenica mattina c’è stato un meeting nel paddock dell’Hungaroring nel quale i responsabili tecnici dei team hanno dibattuto i problemi legati all’introduzione della nuova protezione della testa: il peso e l’impatto aerodinamico.

In effetti, alcune squadre hanno iniziato la progettazione delle monoposto del prossimo anno tenendo conto di questa soluzione, mentre altre, non essendoci stata alcuna comunicazione della Federazione Internazionale fino alla fine di giugno, hanno lanciato i loro progetti senza protezione.

C’è chi, quindi, sarebbe perfettamente in linea con i 728 kg di peso minimo (il peso dell’Halo era già stato considerato nel regolamento tecnico 2017) e chi, al contrario, si troverebbe con una macchina che già alla nascita avrebbero potuto essere 10 kg sovrappeso.

Considerato che fra i tecnici della FIA c’era la convinzione che nel 2018 potesse essere scelto lo Shield, ma il parabrezza nel test effettuato da Sebastian Vettel a Silverstone sulla Ferrari SF70H ha rivelato insormontabili problemi di visibilità causati dalla deformazione dell’immagine frontale a causa del raggio di curvatura troppo spinto.

Il peso minimo 2018 sarà di 732 kg

Lo Shield avrebbe avuto un peso valutabile in circa la metà rispetto al “diadema” in metallo e carbonio, per cui Marcin Budkowski ha proposto alle squadre un ulteriore aumento di peso delle monoposto di 5 kg, portando il limite minimo a 732 kg.

Si tratta di un valore medio che non dovrebbe penalizzare troppo chi era già in linea con l’adozione dell’Halo, ma permette a chi non lo aveva considerato di tornare in target, senza buttare via tutto il lavoro di definizione della macchina che era già stato fatto.

Da un punto di vista aerodinamico è assodato che l’Halo ha un influsso negativo sulla portata d’aria verso l’airbox del motore e riduce l’efficienza dell’ala posteriore perché resterebbe coperta una maggiore porzione del profilo principale e del flap.

Rivestimento esterno libero per 20 mm

Fatto salvo che il corpo di sicurezza della nuova protezione della testa dovrà essere fornito da una ditta esterna (ci sarà un bando d’asta a cui hanno già aderito tre produttori) e sarà uguale per tutti, la FIA ha concesso che il rivestimento esterno possa essere rivisto per un massimo di 20 mm, in modo da minimizzare con adeguate forme gli effetti negativi che l’introduzione dell’Halo potrebbe avere sull’aerodinamica delle Formula 1.

Sarà interessante, quindi, andare a scoprire come i fantasiosi chief designer delle squadre sapranno interpretare questo tema, per armonizzare l’Halo nell’abitacolo di una monoposto 2018.

La Ferrari primo team favorevole all’Halo

Ricordiamo che è stata la Ferrari il primo team a rompere il fronte delle squadre che erano compatte contro l’adozione del “diadema” in carbonio: la FIA, soprattutto per ragioni legali, non ha voluto altri ritardi, temendo che se dovesse succedere qualcosa l’anno prossimo non avrebbe avuto valide giustificazioni per spiegare come mai non sia stato fatto niente per proteggere meglio la testa dei piloti, visto che la richiesta era partita proprio dalla GPDA, vale a dire l’associazione dei piloti.

Prossimo Articolo
Horner: "La penalità a Verstappen? Dura. Era solo un contatto di gara"

Articolo precedente

Horner: "La penalità a Verstappen? Dura. Era solo un contatto di gara"

Prossimo Articolo

Fotogallery: gli scatti più belli del GP d'Ungheria 2017 di F.1

Fotogallery: gli scatti più belli del GP d'Ungheria 2017 di F.1
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Location Hungaroring
Autore Franco Nugnes