GP Italia: Bottas nella Sprint Qualifying, ma in pole va Verstappen

Verstappen con il secondo posto nella Sprint Qualifying scatterà in pole del GP d'Italia con la Red Bull, perché Bottas, vittorioso nella garetta, sarà retrocesso in ultima fila per aver sostituito il motore. Hamilton dopo una pessima partenza ha concluso quinto dietro alle due Mercedes: Ricciardo terzo è stato davanti a Norris. Le Ferrari sono sesta con Leclerc e settima con Sainz davanti all'ottimo Giovinazzi con l'Alfa Romeo.

GP Italia: Bottas nella Sprint Qualifying, ma in pole va Verstappen

I piani della Mercedes non hanno funzionato e l'unico che sorride nel team campione del mondo è Valtteri Bottas che si è aggiudicato la Sprint Qualifying, la garetta del sabato che ha fatto da antipasto al GP d'Italia.

Il momento decisivo è stato la partenza: poi è stato tutto scontato: Hamilton non è stato lesto nello stacco della frizione al via e, mentre Valtteri è scattato al comando per non essere più ripreso, il campione del mondo è finito quinto, ingoiato dalla Red Bull di Max Verstappen e dalle due McLaren di Daniel Ricciardo e Lando Norris.

Siccome Bottas ha smarcato la quarta power unit stagionale, il finlandese mette nel carniere tre punti iridati, ma domani sarà costretto a partire ultimo nella griglia del GP. E così la pole andrà a Max Verstappen che si vede servito un regalo incredibile. L'olandese non poteva sperare niente di più: con la RB16B scatterà davanti a tutti dopo aver allungato di altri due punti il suo bottino nel mondiale piloti, portando a 5 punti il vantaggio su Hamilton nel ruolo del "cornuto e mazziato".

Lewis, quinto, sperava di fare un solo boccone delle due McLaren e, l'epta campione ha scoperto quanto sia complicato superare le MCL35 M velocissime sui dritti del "tempio della velocità". Il team di Woking ha osato le gomme soft nella speranza di agguantare la Red Bull dell'olandese e, invece, sono servite a tenere dietro la Mercedes di Hamilton.

Toto Wolff ha di che recriminare perché non poteva andare peggio per la Stella: Valtteri Bottas centra la prima vittoria stagionale (che non conta niente), dopo aver firmato la pole in qualifica, ma il suo ruolo è quello della meteora. Il nordico sembra essersi sbloccata dopo aver saputo con certezza quale sarà il suo futuro e si è goduto la medaglia che gli è stata consegnata da Jacobs, oro italiano alle Olimpiadi di Tokyo nei mitici 100 metri.

E' l'anno di Verstappen: gli gira tutto bene anche nella gara che sulla carta dovrebbe giocare a favore del rilancio della Mercedes dopo la mazzata inferta a Hamilton in Olanda la scorsa settimana.

Medaglia di bronzo per il risvegliato Daniel Ricciardo al primo exploit con la McLaren: l'australiano ha la grande occasione di tornare in prima fila. Daniel ha la grande chance domani di sperare in una buona partenza per inseguire un sogno che fino a ieri sembrava proibito per lui: tornare a vincere.

Lando Norris è quarto e si è dovuto difendere da Hamilton che ci ha provato in tutti i modi a mettersi in caccia della McLaren, ma la sua W12 più carica non gli ha permesso di provare nemmeno un attacco con il DRS. E questo sarà un grosso problema domani, perché Bottas ha osato una freccia nera più scarica che Lewis non ha gradito. Una scelta che potrebbe costare cara nell'economia del mondiale.

La Ferrari può tirare il fiato con Charles Leclerc sesto e Carlos Sainz settimo, dopo i guai del mattino. La squadra del Cavallino ha ritrovato un po' di morale per una agra che sarà difficilissima. La SF21 non è affatto un portento se si considera che il prodigioso Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo è arrivato a tiro delle Rosse. Il "pilota di scorta" della Ferrari ha dato un saggio delle sue qualità, resistendo al ritorno di Sergio Perez con la Red Bull in rimonta.

Chi recrimina è Pierre Gasly: nel traffico della Prima Variante il francese ha toccato leggermente una McLaren. Il pilota dell'AlphaTauri non si è accorto che l'ala anteriore era danneggiata e quando è arrivato al Curvone si è staccata in piena velocità, finendo sotto al muso. La AT02 senza controllo è andata per la tangente schiantandosi contro le protezioni, ricordando quello che è successo a Roland Ratzenberger nel tragico GP di San Marino 1994.

Nessun danno per il pilota, ma Pierre sarà costretto a partire dall'ultima fila, mentre era ottimo sesto in griglia. Da segnalare anche la macchinata di Yuki Tsunoda data alla Roggia a Robert Kubica.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Finland Valtteri Bottas Mercedes 18 -      
2 Netherlands Max Verstappen Red Bull 18 2.325 2.325 2.325  
3 Australia Daniel Ricciardo McLaren 18 14.534 14.534 12.209  
4 United Kingdom Lando Norris McLaren 18 18.835 18.835 4.301  
5 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 18 20.011 20.011 1.176  
6 Monaco Charles Leclerc Ferrari 18 23.442 23.442 3.431  
7 Spain Carlos Sainz Jr. Ferrari 18 27.952 27.952 4.510  
8 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 18 31.089 31.089 3.137  
9 Mexico Sergio Perez Red Bull 18 31.680 31.680 0.591  
10 Canada Lance Stroll Aston Martin 18 38.671 38.671 6.991  
11 Spain Fernando Alonso Alpine 18 39.795 39.795 1.124  
12 Germany Sebastian Vettel Aston Martin 18 41.177 41.177 1.382  
13 France Esteban Ocon Alpine 18 43.373 43.373 2.196  
14 Canada Nicholas Latifi Williams 18 45.977 45.977 2.604  
15 United Kingdom George Russell Williams 18 46.821 46.821 0.844  
16 Japan Yuki Tsunoda AlphaTauri 18 49.977 49.977 3.156  
17 Russian Federation Nikita Mazepin Haas 18 1'02.599 1'02.599 12.622  
18 Poland Robert Kubica Alfa Romeo 18 1'05.096 1'05.096 2.497  
19 Germany Mick Schumacher Haas 18 1'06.154 1'06.154 1.058  
20 France Pierre Gasly AlphaTauri 0        
condivisioni
commenti
Confartigianato Motori: la premiazione della 39esima edizione

Articolo precedente

Confartigianato Motori: la premiazione della 39esima edizione

Prossimo Articolo

Verstappen fiducioso: "La Red Bull avrà una buona velocità"

Verstappen fiducioso: "La Red Bull avrà una buona velocità"
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021