GP di Cina: Hamilton va a 1000 e fa il vuoto, Ferrari da podio ma staccata

condivisioni
commenti
GP di Cina: Hamilton va a 1000 e fa il vuoto, Ferrari da podio ma staccata
Di:
14 apr 2019, 07:51

La Mercedes in Cina colleziona la terza doppietta di fila e mostra la sua netta superiorità. Lewis conquista la seconda vittoria stagionale con una partenza perfetta davanti a Bottas. La Ferrari è terza con Vettel, ma Leclerc è solo quinto dietro a Verstappen per una scelta tattica discutibile

Nel millesimo GP della storia della F1, Lewis Hamilton colleziona la 75esima vittoria della sua carriera, la seconda di fila dopo il Bahrain. La Mercedes colleziona la terza doppietta, monopolizzando le classifiche con una superiorità che si sta facendo imbarazzante, al di là delle insinuazioni di Toto Wolff sulla velocità in rettilineo delle Rosse superiori a quelle delle W10.

Il penta-campione si riprende il comando della classifica piloti con un vantaggio di sei punti su Valtteri Bottas, che torna al suo ruolo di vassallo dell'inglese, anche se la squadra di Brackley gli ha concesso di tentare l'undercut sul compagno di squadra nel primo stint e la cosa non è piaciuta a Lewis che aveva chiesto lumi via radio.

La Stella ha dato anche un'altra dimostrazione di superiorità gestendo il doppio pit stop di Hamilton e Bottas al giro 36 che si sono susseguiti al cambio gomme senza perdere tempo. La Mercedes ha rivelato un passo costante senza picchi di velocità (il giro più veloce che vale 1 punto è andato a Pierre Gasly al 55esimo giro con le Soft), ma Hamilton la vittoria se l'è conquistata con una partenza perfetta nella quale ha stecchito le speranze di Bottas, dopo che Valtteri è andato a perdere aderenza sulla riga bianca.

La Ferrari ha confermato di non avere il passo per insidiare le frecce d'argento: se la Scuderia vuole lottare per il mondiale deve fare un salto di qualità perché la SF90 va troppo a sprazzi (bene con le gomme Hard, meno con le Medie). Sebastian Vettel, dopo l'errore di Sakhir, ha ottenuto il massimo che la Rossa gli ha concesso salendo per la prima volta sul podio nel 2019.

Il tedesco, per il momento, ha vinto la battaglia interna per la superiorità nel team di Maranello: il tedesco, infatti, ha beneficiato dell'aiuto del muretto per superare il compagno di squadra che era stato più lesto al via portandosi al terzo posto.

 

Il quattro volte campione del mondo ha superato Charles al Giro 10, quando Vettel aveva fatto intendere di essere più veloce del monegasco, ma poi non è riuscito a creare un buco sulla Rossa del ragazzino. Leclerc è stato la vittima sacrificale di Maranello e, seppur mugugnando, Charles ha rispettato gli ordini dopo aver "disobbedito" in Bahrain. La squadra ha ritardato troppo anche il secondo pit stop di Leclerc che non ha potuto tentare un attacco a Verstappen che si è concesso il quarto posto.

Insomma, la Rossa non è parsa capace di lottare per la testa e il muretto ha mostrato diverse incertezze: è parsa chiara la volontà di preservare Sebastian Vettel che dal podio può trarre delle motivazioni positive, soprattutto dopo il corpo a corpo con Verstappen che lo ha visto capace di vincere il duello con l'olandese dopo il pit stop.

Nel frattempo bisogna segnalare che Leclerc accetta di fare da gregario, anche se la sensazione è che sia più veloce del suo "Capitano". Charles, insomma, aspetta il dipanarsi degli eventi...

Verstappen resta fuori dal podio da una gara che era iniziata "fantozzianamente": Max si era girato in testacoda nel giro di formazione della griglia (proprio come è successo anche a Robert Kubica), ma poi aveva ripreso regolarmente il suo posto in griglia. L'olandese con una RB15 acerba è riuscito a incunearsi fra le Ferrari grazie al suo talento, mettendo sempre pressione alle Rosse.

Leggi anche:

Non si può dire altrettanto di Pierre Gasly, sesto è ultimo a peini giri che ha preso un distacco di 58" da Verstappen. Un'eternità! E' vero che ha fatto un pit stop in più per costruire il giro più veloce a fine gara e guadagnare un punto, ma il francese non è il pilota brillante che abbiamo visto l'anno scorso sulla Toro Rosso.

Il primo dei doppiati è Daniel Ricciardo con la Renault che si aggiudica il GP degli altri. L'australiano inizia in Cina la sua stagione con il team di Enstone dopo un avvio difficile e stentato. E' sempre stato davanti a Nico Hulkenberg costretto di nuovo al ritiro.

Positiva la prestazione di Sergio Perez con la Racing Point ottavo davanti a un combattivo Kimi Raikkonen ancora a punti con l'Alfa Romeo. La top 10 è stata completata da Alexnder Albon, protagonista di una splendida rimonta dalla partenza dalla pitlane determinata dl crash nelle libere 3 di ieri. L'anglo-thailandese sta mettendo in ombra Daniil Kvyat che è stato costretto al ritiro dopo aver pagato un drive through per aver colpito le McLaren di Norris e Sainz nelle prime battute di gara.

Fuori dai punti le due Haas con Romain Grosjean 11esimo e Kevin Magnussen 13esimo, fra i due si è infilato Lance Stroll con la seconda Racing Point. Dietro a Carlos Sainz si è visto Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo: l'italiano è stato bersagliato da un pit lento e dai problemi all'iniettore che lo hanno afflitto in qualifica. La Cina non gli porta bene, deve voltare pagina e cambiare passo...

Le Williams sono arrivate in fondo: hanno sommato un distacco di due giri, ma per ora vedere la bandiera a scacchi è già un successo...

Cla   # Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h Pits Ritirato Punti
1   44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 56 -       2   25
2   77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 56 6.552 6.552 6.552   2   18
3   5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 56 13.744 13.744 7.192   2   15
4   33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull Honda 56 27.627 27.627 13.883   2   12
5   16 Monaco Charles Leclerc  Ferrari Ferrari 56 31.276 31.276 3.649   2   10
6   10 France Pierre Gasly  Red Bull Honda 56 1'29.307 1'29.307 58.031   3   9
7   3 Australia Daniel Ricciardo  Renault Renault 55 1 lap 1 Lap 1 Lap   1   6
8   11 Mexico Sergio Perez  Racing Point Mercedes 55 1 lap 1 Lap 0.000   1   4
9   7 Finland Kimi Raikkonen  Alfa Romeo Ferrari 55 1 lap 1 Lap 0.000   1   2
10   23 Thailand Alexander Albon  Toro Rosso Honda 55 1 lap 1 Lap 0.000   1   1
11   8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 55 1 lap 1 Lap 0.000   2    
12   18 Canada Lance Stroll  Racing Point Mercedes 55 1 lap 1 Lap 0.000   2    
13   20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 55 1 lap 1 Lap 0.000   2    
14   55 Spain Carlos Sainz Jr.  McLaren Renault 55 1 lap 1 Lap 0.000   2    
15   99 Italy Antonio Giovinazzi  Alfa Romeo Ferrari 55 1 lap 1 Lap 0.000   2    
16   63 United Kingdom George Russell  Williams Mercedes 54 2 laps 2 Laps 1 Lap   2    
17   88 Poland Robert Kubica  Williams Mercedes 54 2 laps 2 Laps 0.000   1    
18 dnf 4 United Kingdom Lando Norris  McLaren Renault 50         4 Retirement  
  dnf 26 Russian Federation Daniil Kvyat  Toro Rosso Honda 41         4 Retirement  
  dnf 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 16         2 Retirement
Prossimo Articolo
LIVE F1, GP della Cina: Gara

Articolo precedente

LIVE F1, GP della Cina: Gara

Prossimo Articolo

Vettel: "Qui ci mancava il passo. Ci sono cose della SF90 che non mi piacciono"

Vettel: "Qui ci mancava il passo. Ci sono cose della SF90 che non mi piacciono"
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie