Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
112 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
132 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
146 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
160 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
188 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
195 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
209 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
215 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
229 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
250 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
264 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
278 giorni

GP di Azerbaijan: la prevendita 2017 va a gonfie vele

condivisioni
commenti
GP di Azerbaijan: la prevendita 2017 va a gonfie vele
Di:
7 feb 2017, 15:52

Il promotore del GP di Baku, Arif Rahimov, è molto soddisfatto che la FIA abbia spaiato il calendario dalla 24 Ore di Le Mans, evitando la concomitanza dello scorso anno.

Grid girls
Grid girl for Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
The grid before the start of the race
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Valtteri Bottas, Williams FW38
The start of the race
Rio Haryanto, Manor Racing
Azerbaijan flag

Gli organizzatori del Gran Premio di Azerbaijan sorridono. I dati di prevendita hanno confermato dei numeri molto più positivi rispetto a quelli di dodici mesi fa.

La prima edizione della gara di Baku non ha riscontrato un grande successo di pubblico, e secondo gli organizzatori a penalizzare le presenze è stata soprattutto la concomitanza con la 24 ore di Le Mans. A risentirne è stata anche la copertura mediatica, che nel weekend di giugno si è divisa tra la novità di Baku e la classica endurance francese.

Dopo la prima edizione i responsabili del Gran Premio di Baku hanno chiesto alla FIA di spostare la data nel calendario 2017 in modo da evitare nuovamente la concomitanza con Le Mans, richiesta che la Federazione Internazionale ha accolto posticipando la corsa di una settimana.

Una variazione che sta portando riscontri positivi, come è stato confermato dal promotore Arif Rahimov: “Siamo contenti di constatare un aumento della presenza di media e spettatori. Lo scorso anno molte persone hanno avuto la possibilità di vedere ciò che avevamo realizzato, e siamo felici che molti spettatori internazionali, che non dovranno più scegliere tra Le Mans e Baku, potranno assistere al nostro evento”.

“Dal punto di vista dei media – ha proseguito Rahimov - Le Mans è un evento di grandissima portata, e nel 2016 la concomitanza con Baku ha frammentato anche la presenza di televisioni e giornalisti. Sul fronte dei biglietti, rispetto allo stesso periodo di tempo del 2016 abbiamo venduto un numero cinque volte maggiore!".

"Vediamo un grande cambiamento, probabilmente dovuto al fatto che diverse persone che lo scorso anno hanno visto la corsa in televisione, convincendosi quest’anno ad essere presenti di persona”.

C’è anche un altro aspetto che permetterà agli organizzatori del Gran Premio di Azerbaijan di lavorare in modo più tranquillo rispetto a dodici mesi fa.

“Un'altra notizia positiva – ha confermato Rahimov - è che la nostra gara non è più back-to-back con altri Gran Premi. Lo scorso anno gli addetti ai lavori arrivarono qui direttamente da Montreal, dove c’era stata la gara nel weekend precedente. Ed è stato un po’ un incubo logistico per organizzare tutto in un breve periodo di tempo”.

Gli organizzatori di Baku sono convinti che la seconda edizione del loro Gran Premio vedrà anche uno spettacolo maggiore. La teoria è semplice: lo scorso anno molti piloti approcciarono la gara in modo molto conservativo, dopo aver assistito a numerosi ritiri nelle due corse disputate in precedenza dalla GP2 Series.

“Anche la prima edizione della gara di Sochi era stata noiosa – ha concluso Rahimov – e non per colpa della pista russa, perché è un bel tracciato. Ma la prima edizione è stata senza grandi elementi di suspance, come è accaduto a noi lo scorso anno. Ma dal secondo anno Sochi ha proposto grandi gare, credo che la fiducia dei piloti sia aumentata e la differenza si è vista".

"A Baku questo aspetto è fondamentale, perché è una pista che non perdona alcun errore. Credo ci sia un enorme potenziale per poter far crescere il nostro spettacolo, e lo vedremo già da quest’anno”.

Notizie aggiuntive di Jonathan Noble

Prossimo Articolo
Ferrari: anche Byrne ha partecipato ai Technical Working Group!

Articolo precedente

Ferrari: anche Byrne ha partecipato ai Technical Working Group!

Prossimo Articolo

Shanghai è intenzionata a ridiscutere il rinnovo del GP della Cina

Shanghai è intenzionata a ridiscutere il rinnovo del GP della Cina
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Azerbaijan
Location Baku City Circuit
Autore Roberto Chinchero