GP del Qatar: a Losail rifatta la corsia dei box

Michael Masi, direttore di gara della F1, prima di raggiungere Austin andrà a Losail per effettuare un'ispezione al circuito di Losail che a novembre ospiterà un GP in notturna. Fra le modifiche richieste la corsia di accesso ai box e alcune protezioni sulla psita.

GP del Qatar: a Losail rifatta la corsia dei box

I lavori di aggiornamento richiesti dalla Formula 1 per il circuito di Losail che ospiterà il GP del Qatar in novembre sono quasi stati completati.

Michael Masi, direttore di gara di F1, aveva effettuato un’ispezione sul tracciato che di solito ospita la MotoGP in notturna: dopo il GP d'Ungheria e prima della sosta estiva era stato a Losail con Steve Nielsen, direttore sportivo della FOM, quando le trattative per organizzare una gara erano ancora in corso.

Sebbene la pista qatariota risulti omologata dalla FIA con una licenza di Grado 1 e sia stata teatro di un evento della GP2 Asia nel 2009, l'ispezione di Masi ha delineato gli interventi che dovevano essere fatti per adeguare l’impianto alle ultime prescrizioni di sicurezza.

Gli interventi hanno riguardato la nuova corsia di accesso alla pit lane e l’adeguamento di alcuni cordoli e barriere.
"L’accesso ai box - ha detto Masi – è cambiato molto rispetto a quello percorso dalle moto a inizio stagione. Quel lavoro è già stato quasi completato. Il disegno della corsia è molto diverso da quello approvato dalla MotoGP e dalla FIM: gli organizzatori del GP hanno dovuto fare degli interventi in un lasso di tempo molto ristretto”.

Masi e Nielsen torneranno a Losail la prossima settimana, prima di proseguire per Austin: “Ci hanno assicurato che quasi tutti i lavori sono stati ultimati –ha spiegato Masi – e la cosa importante è stata che il tracciato mantenesse i requisiti di sicurezza richiesti dalle moto, come le barriere Tecpro. Sono stati installati una serie di doppi cordoli. Ovviamente la pista mantiene la sua matrice motociclistica, ma sono stati introdotti dei salsicciotti alla corda delle curve per evitare dei tagli e numerose barriere sono state ricollocate”.

Il corpo dei box non è cambiato…
“Ce n'è più che a sufficienza. Ci sono circa 40 garage e mentre eravamo lì, ne avevano già finiti altri 10. E, quindi, con 50 garage in corsia box c’è uno spazio più che sufficiente”.

Sono anche stati realizzati nuovi edifici che ospiteranno le hospitality nel paddock, ma queste costruzioni esulano dall’ispezione della FIA.

condivisioni
commenti
Allison: "Per puntare al titolo non bastano le prestazioni"

Articolo precedente

Allison: "Per puntare al titolo non bastano le prestazioni"

Prossimo Articolo

Iniziano i lavori a Spa-Francorchamps: demolito lo chalet dell'Eau Rouge

Iniziano i lavori a Spa-Francorchamps: demolito lo chalet dell'Eau Rouge
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021