GP d'Ungheria: grande doppietta Ferrari e Vettel riallunga nel mondiale!

condivisioni
commenti
GP d'Ungheria: grande doppietta Ferrari e Vettel riallunga nel mondiale!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
30 lug 2017, 14:19

La Ferrari piazza un perentorio successo con l'uno due di Vettel e Raikkonen nel GP d'Ungheria, mentre la Mercedes costringe Hamilton a restituire il terzo posto a Bottas: Lewis adesso si trova a 14 punti dal tedesco nel mondiale piloti

Un problema allo sterzo ha costretto Sebastian Vettel a gestire una Ferrari che tirava a sinistra, indurendo il volante progressivamente dal 25esimo giro: il tedesco è stato molto bravo a gestire la corsa per 45 tornate una SF70H incapace di dare il meglio. Questa volta il quattro volte campione del mondo è stato particolarmente bravo nel metterci del suo per regalare alla Rossa la 328esima vittoria nel GP d'Ungheria che è anche la 48esima di Sebastian e la quarta della stagione dopo Australia, Bahrain e Monaco.

Vettel è stato autore di una partenza perfetta dalla pole position, protetto alla perfezione da Kimi Raikkonen che si è comportato da ideale scudiero del quattro volte campione del mondo che ora può iniziare le vacanze estive avendo riportato a 14 le lunghezze di vantaggio su Lewis Hamilton.

La Ferrari, dopo la cocente delusione di Silverstone, ha risposto per le rime alla Mercedes, monopolizzando tutta la prima fila in qualifica e firmando una splendida doppietta che rivela come le novità tecniche portate in Ungheria abbia rivitalizzato la Rossa che sembrava essere in una fase calante.

La squadra del Cavallino ha tirato fuori gli attributi volendo confermare al proprio presidente, venuto in Ungheria per sostenere il team, che la battaglia per il mondiale si protrarrà fino all'ultima gara. Il numero uno della Ferrari festeggia per la prima volta una vittoria sul campo, cancellando le maldicenze di chi sosteneva che la presenza in pista del Presidente non portasse bene. Sfatata anche questa diceria, la squadra di Maranello può guardare al futuro con maggiore fiducia, mettendo le basi per un rinnovo del contratto dei due piloti.

Perché la Ferrari ha dato la chiara dimostrazione di sapere reagire alle difficoltà con una squadra molto unita che ha cancellato le delusioni inglesi, rivelando una netta superiorità tecnica grazie al nuovo pacchetto aerodinamico che ha funzionato alla perfezione.

Eccellente la prestazione di Iceman: il secondo posto non ripaga quanto oggi ha fatto il finlandese per proteggere la posizione di testa del tedesco. Si è portato sotto alla Rossa del compagno di squadra per tenersi lontano dalla Mercedes di Hamilton, onde evitare che l'inglese potesse tentare un attacco aprendo l'ala mobile.

Il distacco dalle Mercedes non è reale: la Ferrari nei primi giri aveva dimostrato di avere un passo insostenibile per tutti e solo il problema allo sterzo (che ha costretto Sebastian a girare lontano dai cordoli) ha costretto le due SF70H a ridurre l'andatura.

La Mercedes esce sconfitta da questa battaglia, ma non dalla guerra iridata. Toto Wolff quando ha capito che le Rosse avevano dovuto alzare il proprio ritmo ha chiesto a Valtteri Bottas di togliersi di mezzo per dare a Lewis Hamilton (più veloce con le gomme Soft) la possibilità di andare all'attacco delle Rosse. Siccome Hamilton non è mai riuscito ad arrivare abbastanza vicino a Raikkonen per metterlo in difficoltà, la squadra di Brackley ha deciso che Lewis restituisse proprio nell'ultimo giro la posizione a Valtteri, regalandogli un podio, ma soprattutto regala punti iridati molto preziosi che potrebbero assumere un valore molto importante alla fine della stagione.

Va riconosciuta la grande sportività di Lewis che ha accettato la decisione della squadra che mantiene 39 punti di vantaggio nella graduatoria del mondiale Costruttori. Hamilton nel finale si è dovuto guardare anche dal perentorio ritorno di Max Verstappen: l'olandese ha concluso a soli tre decimi dalla W08 dell'inglese confermando che la Red Bull RB 13 ha fatto un grosso salto di qualità.

Il ragazzino ha dovuto pagare una penalizzazione di 10 secondi per aver speronato il compagno di squadra nel primo giro. Il contatto al via della gara rischierà di lasciare dello scorie fra i due conduttori di Milton Keynes perché la gara di Daniel Ricciardo non è durata un giro: l'australiano all'esterno della curva 2 è stato colpito dall'anteriore destra del compagno di squadra Max Verstappen che è arrivato alla staccata con una ruota bloccata. Nel duro contatto l'olandese ha sfondato il radiatore sinistro della RB13 di Ricciardo che una curva più tardi si è girato in testacoda prima di ritirarsi per la cospicua perdita di liquido che ha richiesto l'ingresso della safety car per ripulire l'afalto scivoloso.

Giusta la penalità data a Verstappen, ma l'olandese scalpita per entrare nelle posizioni che contano della classifica e la Red Bull profondamente rivista da Adrian Newey gli consentirà di togliersi delle soddisfazioni nella seconda parte della stagione. Il carattere duro, a dispetto di un viso imberbe, è segno della motivazione che spinge Max ad andare al limite (a volte anche oltre) sempre.

L'ultimo pilota a pieni giri è Fernando Alonso che ieri ha festeggiato i 36 anni: lo spagnolo ha rodeato con Carlos Sainz per il sesto posto e alla fine ha vinto la sfida con il connazionale. La McLaren ha dato un segno di vita conquistando punti importanti con due MCL32 che non solo hanno concluso la gara ma entrambe hanno finito a punti con Stoffel Vandoorne buon decimo (il belga ha perso tempo al pit stop dopo essere arrivato molto lungo alla sua piazzuola).

La top ten è stata completata dal settimo posto di Carlos Sainz con la Toro Rosso che ha preceduto le due Force India di Sergio Perez e Esteban Ocon, condannati a procedere spesso di conserva.

Kevin Magnussen è rimasto fuori dai punti con la Haas: il danese si è assicurato 5 secondi di penalizzazione per aver messo nell'erba la Renault di Nico Hulkenberg, accompagnando il pilota tedesco alla curva 2, ma l'11esimo posto segnala che la squadra americana non ha raccolto quanto aveva costruito.

Del resto Romain Grosjean si è fermato al 21esimo giro con la Haas: il francese era stato richiamato ai box dalla squadra americana perché i sensori avevano rilevato una foratura lenta per cui è stato deciso il pit stop anticipato: durante i 3" del cambio gomme non è stata chiusa adeguatamente la posteriore sinistra e il muretto Haas non ha potuto fare altro che invitare Romain a parcheggiare la sua monoposto perché il rischio era che potesse perdere il pneumatico mal serrato, mentre il meccanico che ha segnalato il problema si disperava per l'errore che la FIA ha messo sotto inchiesta per unsafe release.

Da segnalare i ritiri nel finale di Nico Hulkenberg con la Renault, mentre Jolyon Palmer con la vettura gemella ha finito al 13esimo posto e quello di Paul di Resta con la Williams al 60esimo giro: lo scozzese che ha sostituito Felipe Massa, dopo il malore del brasiliano che lo ha costretto a rinunciare al GP prima delle qualifiche, ha disputato una gara onestissima per un pilota che non disputava un GP da quattro anni. La sensazione è che la squadra lo abbiamo fermato volutamente per consentire al team di Grove di fare tutte le sostituzioni in vista di Spa senza pagare delle penalità.

Cla #PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/hPitsRitiratoPunti
1   5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 70 1:39'46.713     184.386 1   25
2   7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 70 1:39'47.621 0.908 0.908 184.358 1   18
3   77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 70 1:39'59.175 12.462 11.554 184.003 1   15
4   44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 70 1:39'59.598 12.885 0.423 183.990 1   12
5   33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 70 1:39'59.989 13.276 0.391 183.978 1   10
6   14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 70 1:40'57.936 1'11.223 57.947 182.218 1   8
7   55 spain Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Renault 69 1:39'56.379 1 giro 1 giro 181.458 1   6
8   11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 69 1:39'57.415 1 giro 1.036 181.427 1   4
9   31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 69 1:40'06.145 1 giro 8.730 181.163 1   2
10   2 belgium Stoffel Vandoorne McLaren Honda 69 1:40'06.740 1 giro 0.595 181.145 1   1
11   26 russia Daniil Kvyat  Toro Rosso Renault 69 1:40'14.446 1 giro 7.706 180.913 1    
12   30 united_kingdom Jolyon Palmer  Renault Renault 69 1:40'14.925 1 giro 0.479 180.899 1    
13   20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 69 1:40'18.195 1 giro 3.270 180.801 1    
14   18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 69 1:40'38.709 1 giro 20.514 180.186 1    
15   94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 68 1:40'11.875 2 giri 1 giro 178.367 2    
16   9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 68 1:40'29.343 2 giri 17.468 177.851 2    
17 dnf 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 67 1:37'46.787 3 giri 1 giro 180.090 2 Ritirato  
  dnf 40 united_kingdom Paul di Resta  Williams Mercedes 60 1:28'58.199 10 giri 7 giri 177.241 2 Ritirato  
  dnf 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 20 31'58.359 50 giri 40 giri 164.352 1 Wheel nut  
  dnf 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 0           Collision  
Laps LedPilota
1 - 31 germany Sebastian Vettel 
32 - 33 finland Kimi Raikkonen 
34 - 42 netherlands Max Verstappen 
Prossimo Articolo
Ricciardo furioso: "Max? Il suo un modo creativo per fare una c*****a"

Articolo precedente

Ricciardo furioso: "Max? Il suo un modo creativo per fare una c*****a"

Prossimo Articolo

Arrivabene: "Kimi ha difeso Vettel da vero Campione quale è"

Arrivabene: "Kimi ha difeso Vettel da vero Campione quale è"
Carica commenti