Gomme larghe 2017: debutto della Ferrari SF15-T a Fiorano con le rain!

Il 2 agosto la Pirelli farà debuttare le gomme larghe 2017 in pista: la pista di Fiorano sarà bagnata artificialmente per sviluppare le intermedie e full wet su una SF15-T modificata. Poi toccherà alla Red Bull al Mugello il 4 agosto.

Gomma bagnata, gomma fortunata? Mettiamola giù così, visto che il debutto degli pneumatici Pirelli larghi avverrà a Fiorano sulla pista che sarà bagnata artificialmente per sviluppare le coperture intermedie e full wet.

La Casa milanese, di comune accordo con la Ferrari, ha deciso di dare il via allo sviluppo delle gomme per il 2017 partendo dagli pneumatici da bagnato. La scelta poteva concentrarsi su tre impianti che sono dotati dell'impianto di irrigazione costante: Paul Ricard, Abu Dhabi e, appunto, Fiorano.

La squadra del Cavallino metterà a disposizione una SF15-T che verrà sostanzialmente modificata non solo per ospitare gli pneumatici larghi: le sospensioni, per esempio, devono essere rifatte per avere la carreggiata più larga (la larghezza fuori tutto sarà di 2.000 mm contro gli attuali 1.800 mm) e consentire l'adozione delle nuove coperture che risulteranno 60 mm in più per l’anteriore, e 80 mm per il posteriore. L’incremento sarà del 25% rispetto alla misura attuale, e ciò vale sia per le gomme slick che per intermedie e rain.

Quella che girerà martedì 2 agosto sulla pista di proprietà della Scuderia Ferrari sarà una monoposto rivista anche dal punto di pista aerodinamico. Non avrà certo le forme che simuleranno le dimensioni delle macchine 2017, per evitare che chi effettua i test possa trarre dei vantaggi nella progettazione e sviluppo della vettura del prossimo anno, ma cercherà di garantire i valori di carico aerodinamico che si aspettano con l'adozione del regolamento, quindi più downforce e maggiore resistenza all'avanzamento per le superfici alari maggiorate.

Vedremo apparire ali aggiuntive piuttosto appariscenti, per non dire di minigonne ai lati del fondo: soluzioni che saranno del tutto al di fuori delle regole, ma che saranno utili a mandare in pista monoposto con principi di base molto simili a quelli che vedremo effettivamente nel 2017.

Ciasuno dei tre top team che ha aderito al piano di sviluppo delle gomme larghe avrà a disposizione 8 giorni di test in esclusiva: la Ferrari, dopo aver svolto il debutto sulle coperture da bagnato, il 2 agosto farà una successiva giornata di collaudi a Fiorano con le slick.

La squadra test della Pirelli, che non farà vacanze estive, si trasferirà il 4 agosto al Mugello (altro circuito di proprietà del Cavallino rampante), dove sarà ospite la Red Bull Racing con la RB11 del 2015 che sarà opportunamente modificata.

La terza formazione coinvolta dalla FIA e dalla Pirelli è la Mercedes: la squadra leader del mondiale sarà l'ultima a entrare in azione. Il calendario completo dei test è al vaglio e approvazione da parte della FIA. Naturalmente ogni informazione che emergerà dai test sarà divulgata a tutte le squadre iscritte al mondiale di Formula 1 nei report che saranno preparati dopo ogni giornata di attività in pista.

Le gomme non saranno riconoscibili e i team non sapranno quale materiale avranno a disposizione: tipo di costruzione o di mescola. Questa volta il mondo della F.1 ha compreso che solo lo studio virtuale non sarebbe stato sufficiente a deliberare le gomme 2017, dal momento che il salto regolamentare sarà molto grosso e non avrebbe alcun senso mettere a rischio la sicurezza per il divieto dei test.

Ecco come saranno le F.1 nel 2017 con le gomme larghe

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie