Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
114 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
157 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
171 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
184 giorni

Gli out-lap molto lenti in qualifica non preoccupano Masi

condivisioni
commenti
Gli out-lap molto lenti in qualifica non preoccupano Masi
Di:
Co-autore: Scott Mitchell
4 set 2019, 14:58

Il direttore di gara Michael Masi non condivide le preoccupazioni dei piloti sul pericolo generato dalle velocità troppo basse utilizzate durante gli out-lap in qualifica.

Lewis Hamilton ha spiegato che in Belgio molti piloti procedevano lentamente nel giro di lancio in qualifica alla ricerca della scia giusta da sfruttare sul rettilineo del Kemmel.

Sebastian Vettel invece ha aggiunto che in questo senso non aiuta neppure la finestra molto stretta nella quale lavorano le gomme di quest'anno.

"Ovviamente stai cercando una scia, ma stai anche cercando di entrare nella finestra ottimale delle gomme, che anni fa non era così critica come lo è ora" ha detto il pilota della Ferrari.

"Sei in lotta per prenderti la miglior posizione in pista e a Monza succederà la stessa cosa, perché le scie possono fare la differenza. Ma su questo tipo di tracciato è sempre stato così".

"Ma credo che se avessimo delle gomme migliori, potremmo giocare andando un po' più forte nell'out-lap".

Masi è consapevole delle critiche da parte dei piloti e dei loro team, ma al momento non crede che sia necessario intervenire ulteriormente.

Parlando della situazione, il direttore di gara ha dichiarato: "E' un qualcosa di cui abbiamo sicuramente discusso insieme ai direttori sportivi e, al momento attuale, penso che sia gestibile".

"E' una cosa che stiamo monitorando e continueremo a farlo nel corso della stagione".

 

Il direttore degli ingegneri di pista della Mercedes, Andrew Shovlin ha dichiarato che avere la posizione giusta è stato molto importante a Spa, perché una scia poteva valere fino a quattro decimi.

Parlando nel video debrief post-gara, Shovlin ha detto che "nessuno voleva essere la macchina di testa" e quando Hulkenberg ha rallentato, ha innescato un effetto a catena in cui "tutti hanno dovuto rallentare, arrivando uno attaccato all'altro".

"In questo modo ottieni il vantaggio della scia, ma il problema è che poi hai le gomme fredde" ha spiegato.

"Questo è un problema per noi e abbiamo perso un po' del previsto alla prima curva perché le gomme non erano ancora nella finestra giusta".

"Guardando avanti a Monza, sarà una situazione simile. Pista molto veloce, rettilinei lunghi e tutti cercheranno di farsi trainare dagli altri".

"Quindi, quello che probabilmente vedremo nelle qualifiche è che tutti resteranno ai box quasi fino alla fine del tempo, perché nessuno vorrà uscire per primo. Ma ad un certo punto il tempo inizierà a stringere".

"Ora, visto che le Ferrari sono molto veloci sul rettilineo, l'ideale sarebbe se loro uscissero per primi, dandoci l'opportunità di sfruttare la loro scia".

Prossimo Articolo
Verstappen partirà dal fondo dello schieramento a Monza

Articolo precedente

Verstappen partirà dal fondo dello schieramento a Monza

Prossimo Articolo

GP d'Italia: rinnovato l'accordo con Monza per cinque anni

GP d'Italia: rinnovato l'accordo con Monza per cinque anni
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble