Formula 1
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
95 giorni
G
GP del Vietnam
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
109 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
123 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
137 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
144 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
158 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
172 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
193 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
256 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
277 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
312 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
319 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
333 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
347 giorni

Giovinazzi: una prova d'orgoglio nel momento più importante

condivisioni
commenti
Giovinazzi: una prova d'orgoglio nel momento più importante
Di:
10 set 2019, 08:54

Dopo l'errore di Spa, il pilota dell'Alfa Romeo è arrivato a Monza con grande pressione, ma ha reagito alla grande, conquistando un ottimo nono posto. Un risultato che ci voleva in un momento in cui bisogna cominciare a discutere il suo futuro.

La festa tricolore iniziata dopo la bandiera a scacchi del Gran Premio d’Italia non si è limitata solo ai festeggiati sul podio. Dopo le interviste di rito Antonio Giovinazzi ha percorso a piedi il paddock di Monza per raggiungere l’hospitality della Sauber. Un tratto di 200 metri durante il quale Antonio è stato fermato più e più volte per strette di mano e pacche sulle spalle.

Il nono posto conquistato a Monza per Giovinazzi ha un significato molto particolare. Ovviamente terminare in zona punti la gara di casa è sempre motivo d’orgoglio, ma soprattutto il piazzamento di ieri archivia gli effetti negativi dell’errore commesso sette giorni prima, nell’ultimo giro del Gran Premio del Belgio.

Giovinazzi è un ragazzo molto educato, che tende a tenere dentro i momenti di difficoltà sforzandosi di mostrare sempre un sorriso che a volte non è garanzia di tranquillità. La vigilia monzese non è stata tra le più semplici, e quando diventa indispensabile fare risultato, la pressione aumenta ancora di più.

 

Alla fine però la risposta è arrivata, al termine di una gara in cui Antonio è stato anche penalizzato dalla Virtual Safety Car che ha favorito chi non aveva ancora effettuato il pit-stop, ma il nono posto finale è comunque una risposata molto importante in un momento cruciale.

“Questo weekend ho avuto il supporto della squadra e del pubblico di Monza – ha spiegato – un sostegno che mi ha permesso di iniziare il fine settimana in un buon clima. Poi è arrivata la gara, che mi ha visto ad un certo punto anche in sesta posizione, poi tra strategie e rimonte ho chiuso al nono posto e non credo che potessimo fare di più. Con il senno di poi se fossimo partiti con gomme medie avrei avuto una finestra più ampia per fare il pit-stop, ma comunque sono contento di come è andata e dei punti portati alla squadra”.

Il buon weekend di Monza è ovviamente anche un buon contributo da mettere sulla bilancia delle valutazioni in un momento in cui la squadra non si è ancora pronunciata in merito al nome del pilota che affiancherà Raikkonen nel Mondiale 2020: “So che se la mia performance proseguirà come a Monza, confermandomi insieme a Kimi allora nessuno mi potrà portare via il sedile – ha concluso Giovinazzi - ma sono tranquillo, ora penso solo a Singapore, poi si vedrà”.

Scorrimento
Lista

Alex Albon, Red Bull Racing RB15, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Alex Albon, Red Bull Racing RB15, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
1/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, alla parata dei piloti

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, alla parata dei piloti
2/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, precede Alex Albon, Red Bull RB15, Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, Robert Kubica, Williams FW42, Pierre Gasly, Toro Rosso STR14, e il resto delle auto all'inizio della gara

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, precede Alex Albon, Red Bull RB15, Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, Robert Kubica, Williams FW42, Pierre Gasly, Toro Rosso STR14, e il resto delle auto all'inizio della gara
3/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Sauber C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Sauber C38
4/16

Foto di: Paolo Belletti

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
5/16

Foto di: Alessio Morgese / Luca Rossini

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
6/16

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Daniil Kvyat, Toro Rosso, Pierre Gasly, Toro Rosso, Charles Leclerc, Ferrari, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Daniil Kvyat, Toro Rosso, Pierre Gasly, Toro Rosso, Charles Leclerc, Ferrari, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
7/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
8/16

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Alexander Albon, Red Bull Racing e Pierre Gasly, Toro Rosso

Alexander Albon, Red Bull Racing e Pierre Gasly, Toro Rosso
9/16

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
10/16

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
11/16

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
12/16

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
13/16

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
14/16

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
15/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
16/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Prossimo Articolo
La Mercedes non è stata "conservativa" con i motori a Monza

Articolo precedente

La Mercedes non è stata "conservativa" con i motori a Monza

Prossimo Articolo

Williams registra importanti perdite finanziarie dopo il 2018

Williams registra importanti perdite finanziarie dopo il 2018
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Italia
Sotto-evento Gara
Location Autodromo Nazionale Monza
Piloti Antonio Giovinazzi
Autore Roberto Chinchero