Barcellona: Test Formula 1 maggio 2018

Giovinazzi stakanovista, non l'ha fermato nemmeno un malore!

Il pilota pugliese ha coperto quasi due GP e mezzo con la SF71H, sebbene abbia dormito poco per un disturbo intestinale ed è arrivato a 68 millesimi da Bottas senza un assetto da qualifica: "Abbiamo raccolto molti dati utili alla squadra".

Secondo a 68 millesimi di secondo da Valtteri Bottas che è stato il più veloce alla conclusione dei due giorni di test a Barcellona che hanno fatto seguito al GP di Spagna. Antonio Giovinazzi, dopo una prima giornata di lavoro sulla Sauber C37, ha rilevato Sebastian Vettel sulla Ferrari SF71H per completare il lavoro in programma della squadra di Maranello.

Il pilota pugliese è stato stoico perché nella notte è stato colto da un brutto malore intestinale che lo ha fatto dormire poco, eppure alla fine della giornata, per quanto debilitato, è stato quello che ha coperto la maggiore distanza con 148 giri percorsi, l’equivalente di due GP e mezzo!

Va detto che la squadra di Maranello aveva messo in pre-allarme Daniil Kvyat che si è reso subito disponibile a raggiungere il circuito di Montmelò se ce ne fosse stato bisogno e, invece, Giovinazzi ha mostrato una gran tempra perché ha assolto il suo compito in modo più che egregio.

Non dimentichiamoci che Antonio arrivava da un’astinenza dalla F1 di mesi e si è fatto trovare pronto.

Altro aspetto importante da mettere nel conto è che il pilota pugliese prima di pranzo ha avuto la possibilità di montare un treno di hypersoft, ma la SF71H non era affatto in configurazione da qualifica, per cui non deve affatto sorprendere che abbia pagato 68 millesimi di secondo con due mescole più morbide di quelle usate dal finlandese della Mercedes.

Antonio hai percorso quasi due GP e mezzo con la Rossa?
“E' stata una giornata davvero dura perché nella notte non sono stato bene, ma poi mi sono ripreso e ho avuto l’opportunità di fare molti giri: mi sono davvero divertito e con la squadra abbiamo provato tante cose. Alla fine ho messo insieme 148 giri che sommati ai 137 di ieri testimoniano che dalla mia parte è stato un buon rientro. Sono davvero contento del lavoro svolto”.

Quanto importante è stato questo test per te?
“L’ultima volta che ho guidato in GP è stato nelle FP1 di Abu Dhabi, ma in FP1 si possono fare solo una decina di giri, mentre qui abbiamo lavorato sodo per tutto il giorno raccogliendo molti dati. È stato bello trovare che c’è una buona correlazione fra la macchina e il simulatore, per cui ringrazio la squadra per questa opportunità”.

La prossima presenza in pista sarà alla 24 Ore di Le Mans…
“E’ una sfida davvero eccitante. Sarà una Ferrari diversa, ma diverso anche il tipo di gara, essendo una 24 ore con un equipaggio formato da 3 piloti. Non vedo l'ora di correre in un appuntamento storico che guardo sempre in TV, ma prima conto di fare un test prima di Le Mans”.

Per la prima volta hai guidato la Rossa davanti a tuoi genitori…
“E’ stata una grande emozione. Mio padre mi aveva regalato una tuta rossa quando ero piccolo e ora indosso quella vera. È un sogno che si è avverato…”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Test di maggio a Barcellona
Sub-evento Mercoledì
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Piloti Antonio Giovinazzi
Team Ferrari
Articolo di tipo Intervista
Topic Barcellona: Test Formula 1 maggio 2018