Giovinazzi: "Il crash? Pensavamo che davanti fossero partiti"

Antonio è stato protagonista di un brutto incidente assieme a Sainz, Magnussen e Latifi. La procedura di ripartenza ha creato confusione e innescato l'incidente. Fortunatamente nessun pilota ha riportato danni fisici.

Giovinazzi: "Il crash? Pensavamo che davanti fossero partiti"

Antonio Giovinazzi è stato uno dei protagonisti del brutto incidente avvenuto al Gran Premio di Toscana Ferrari 1000, in seguito alla ripartenza della gara dopo il ritorno in pit lane della Safety Car intervenuta per permettere ai commissari di spostare le vetture incidentate alla Curva 2.

Una volta rientrata ai box la vettura di sicurezza, i piloti di vertice hanno aspettato fino alla linea del traguardo prima di ripartire - proprio come dice il regolamento - mentre alcuni piloti nelle retrovie sono scattati prima del dovuto. Tra questi Nicholas Latifi, partito proprio davanti ad Antonio.

Il pilota della Williams, accortosi di avere Magnussen davanti che ancora non aveva accelerato, ha scartato verso sinistra all'ultimo momento. Giovinazzi, invece, che era vicino a Latifi non ha potuto fare altro che centrare la Haas del danese, innescando un incidente che ha coinvolto anche Latifi e Carlos Sainz.

"Ci siamo trovati in una situazione molto pericolosa", ha spiegato Antonio qualche minuto dopo l'incidente sul rettilineo d'arrivo. "Dietro io, Latifi, ma anche Magnussen stesso e Sainz dietro di me eravamo già full gas, perché pensavamo che il gruppo fosse partito".

"Però a un certo punto ho visto Magnussen inchiodare. Ho cercato di evitarlo ma era impossibile. Eravamo già flat out e vicinissimi. Che sia una lezione per la prossima volta perché questa volta stiamo tutti bene, ma questa situazione può essere molto pericolosa".

Giovinazzi, così come Sainz, ha confermato che a suo avviso la FIA dovrebbe rivedere le procedure di ripartenza dopo l'ingresso di una Safety Car. Quanto visto al Mugello questo pomeriggio, se ripetuto, potrebbe portare a incidenti ben più gravi di quello odierno.

"Credo anche io che si debbano rivedere le procedure di ripartenza dopo una Safety Car. Il leadernon vuole perdere la posizione perché c'è un rettilineo lungo, però non può nemmeno accelerare quando vuole".

"Non so se abbia accelerato prima e poi rallentato, perché da come siamo arrivati noi sembrava così. Davanti sono andati e poi si sono fermati, solo che per noi era troppo tardi. E' da rivedere un po' tutto. Sicuramente questa cosa è da cambiare perché è molto pericoloso".

condivisioni
commenti
Sainz: "Ho rivisto immagini tremende in quel crash"
Articolo precedente

Sainz: "Ho rivisto immagini tremende in quel crash"

Prossimo Articolo

F1: Hamilton è il Granduca di Toscana di un GP pazzo!

F1: Hamilton è il Granduca di Toscana di un GP pazzo!
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021