Giovinazzi con l'ala rotta ha fatto da tappo per aiutare il ritorno di Raikkonen

condivisioni
commenti
Giovinazzi con l'ala rotta ha fatto da tappo per aiutare il ritorno di Raikkonen
Di:
17 mar 2019, 10:37

Antonio non ha fatto un debutto brillante con l'Alfa Romeo, ma il pilota italiano si è trovato un danno all'ala anteriore dopo un contatto con Sainz al primo giro e si è messo a disposizione della squadra di Hinwil che non gli ha cambiato il muso al pit, che per altro è stato molto lungo.

È stata una gara sofferta quella di Antonio Giovinazzi. A rendere i 58 giri in programma molto più in salita del previsto è stata una toccata con Sainz subito dopo il via, un contatto in cui l’Alfa Romeo ha riportato un danno all’ala anteriore ed al fondo. Dopo poche centinaia di metro dal via Giovinazzi si è trovato così a gestire una monoposto squilibrata, una situazione che ha influito sulla performance e sulla gestione delle gomme.

“Purtroppo si è complicato tutto nel primo giro – ha confermato Antonio – prima ho raccolto dei pezzi dell’ala rotta da Ricciardo (il team dopo la gara ha trovato frammenti della Renault nel fondo di Giovinazzi) poi nel contatto con Sainz ho visto saltare via un pezzo dell’ala anteriore, e proseguendo ho subito sentito un forte sottosterzo. Con il setup compromesso la gomma anteriore destra ha iniziato ad avere graining, complicando ancora più le cose”.

 

La strategia di gara di Giovinazzi prevedeva un primo stint molto lungo, avendo preso il via con gomme medie, e nonostante i danni riportati nel primo giro la squadra ha provato a rispettare i piani. Antonio si è difeso il più possibile, contenendo gli assalti di Norris e di tutto il gruppo alle spalle dell’inglese. Il ‘trenino’ formatosi alle spalle di Giovinazzi ha anche favorito anche il recupero di Raikkonen, che era stato il primo pilota ad effettuare il pit-stop al dodicesimo giro.

Quando al giro 28 è finalmente arrivato il sospirato cambio gomme, ci si aspettava la sostituzione dell’ala anteriore, ma a sorpresa la squadra ha disposto diversamente.
“Il team ha deciso di continuare con l’ala danneggiata per non farmi perdere tempo”, ha commentato Giovinazzi, ma in realtà si è rivelata una scelta che non ha pagato, poiché il cambio gomme ha avuto una complicazione alla ruota anteriore sinistra, e nel tempo complessivo del pit-stop sarebbe stata possibile anche la sostituzione.

Leggi anche:

Antonio è così tornato in pista con un set di soft, coprendo ben trenta giri con questa mescola.
“Il secondo stint è andato un po' meglio – ha confermato – ma ormai avevo perso troppo tempo nella prima parte di gara per poter sperare nella zona punti, un risultato che considerando la strategia di partenza sarebbe stato alla nostra portata. Purtroppo il primo giro ha compromesso tutto, ma vedere Kimi in zona punti mi conferma che la monoposto è buona, e in Bahrain, una pista più lineare di quella di Melbourne, spero di concretizzare il potenziale che indubbiamente abbiamo”.

Scorrimento
Lista

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
1/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
2/15

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
3/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
4/15

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, in lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, in lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
5/15

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, precede Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, precede Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19
6/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
7/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
8/15

Foto di: Dirk Klynsmith / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
9/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
10/15

Foto di: Dirk Klynsmith / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
11/15

Foto di: Dirk Klynsmith / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
12/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, leads Lando Norris, McLaren MCL34

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, leads Lando Norris, McLaren MCL34
14/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
15/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Una visiera a strappo rallenta Kimi: "Potevo fare meglio, l'Alfa Romeo è molto veloce"

Articolo precedente

Una visiera a strappo rallenta Kimi: "Potevo fare meglio, l'Alfa Romeo è molto veloce"

Prossimo Articolo

Binotto ammette la resa Ferrari, la Rossa a Melbourne ha giocato solo per difendersi

Binotto ammette la resa Ferrari, la Rossa a Melbourne ha giocato solo per difendersi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Sotto-evento Gara
Location Melbourne Grand Prix Circuit
Piloti Antonio Giovinazzi
Team Alfa Romeo
Autore Roberto Chinchero